Passa ai contenuti principali

Danubio ed Isonzo, due meraviglie della natura, che continuano ad inghiottire migranti

 
L'Isonzo, dicono, ha i colori più belli del mondo. Sicuramente ha dei colori di una intensità unica. Verde. Quel verde speranza che si è nascosto durante il cataclisma della grande guerra, lasciando spazio al rosso denso sangue. Quel verde speranza che è stato fugace quando due migranti sono stati inghiottiti dalle sue acque. Bello impossibile da non toccare. Correnti improvvise, piene improvvise. Un secondo, e non ci sei più. 
Così come accaduto con il Danubio. Fiume maestoso, imperiale, i cui colori variano, dal blu, al marrone che ricorda il Tamigi che attraversa la cosmopolita Londra. Nei tempi dell'Impero si viveva tutti insieme, diverse religioni, diversi popoli, diversi in tutto ma uniti. Poi, quella firma, dopo l'attentato di Sarajevo, il massacro compiuto contro la povera Serbia, ed inizierà l'effetto domino che spalancherà le porte ai peggiori nazionalismi, e sarà guerra mondiale. Profughi nel corso della storia vi sono sempre stati. E' un fattore sociale, umano, inevitabile, sistemico, strutturale. Ogni epoca ha conosciuto il suo dramma dei profughi. Non siamo tutti uguali sotto il cielo, non siamo tutti uguali sul Danubio o sull'Isonzo. Reticolati, muri, campi profughi da quinto mondo, militarizzazioni dei confini, e ritorno dei confini. Collassa l'Europa, scudo contro i nazionalismi, cancro della società. Collassa l'umanità. E ritornano i razzismi, mai domati, e ritornano i nazismi e fascismi, mai pienamente sconfitti, e ritornano le barbarie, le crociate, le cercate guerre di religione, che hanno come scopo solo quello di preservare un niente rispetto a quel tutto che è l'essere umano. Oltre 7 miliardi siamo in questo mondo. Potrai chiuderti quanto vorrai, ne morirà, uno, ne moriranno cento, ne moriranno milioni, ma non potrai fermare miliardi di persone. Nessun muro potrà resistere. I muri esistono per crollare, e crolleranno. Ma, in questo momento, si continua a morire, ora è il turno del Danubio, lo si attraversa a nuoto.  
Disperati in cerca di un mondo senza confini.

Commenti

Post popolari in questo blog

Attraversando Pordenone (foto)

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …