Passa ai contenuti principali

Amministrative Ronchi: Il Comitato non fusione non c'entra niente con l'ipotetica lista contro la fusione

Ho fatto parte del Comitato non fusione fin dalla sua costituzione, conferendo nel mio piccolo, così come tutti quelli che ne hanno fatto parte, il giusto contributo per il bene della nostra Ronchi. L'esito del referendum è stato chiaro, la fusione, quella fusione nello specifico, priva di ogni consistenza e progettualità seria, non la vuole nessuno. Ora, l'articolo 19 della Legge regionale che disciplina la materia è chiaro quando afferma che "Entro sessanta giorni dalla proclamazione dei risultati del referendum consultivo, se l'esito è favorevole, la Giunta regionale è tenuta a presentare al Consiglio regionale un disegno di legge sull'oggetto del quesito sottoposto a referendum. Resta fermo il diritto di iniziativa legislativa dei consiglieri regionali e degli altri soggetti legittimati.L'esito negativo del referendum non preclude l'esercizio dell'iniziativa legislativa di cui al comma 2." Ma per sanare eventuali dubbi, vista l'incertezza assoluta del diritto nostrano, sarebbe cosa buona e giusta pretendere dalla Regione la parola formale definitiva sul no alla fusione prima del 23 ottobre, giorno in cui si voterà a Ronchi ed anche a Monfalcone. Tutti i soggetti che hanno dato il loro contributo hanno diritto a rivendicare ciò. Ma visto quanto appreso dalla stampa, ovvero che vi è la possibilità che nasca una lista che si richiami espressamente al no fusione, tengo a precisare che non c'entra assolutamente nulla con il Comitato no fusione di cui io ho fatto parte. Forse alcuni soggetti coincideranno, ma sono due cose separate e distinte e che potrebbe creare confusione, dunque è il caso di fare chiarezza sul punto. 
Quello che ci si augura è che nessuno strumentalizzi il lavoro del comitato no fusione per fini elettorali, perchè ciò sarebbe ingiusto ed irrispettoso verso quello che il Comitato ha voluto essere e rappresentare nella sua eterogeneità e visto anche quanto è stato deciso all'interno del Comitato. Personalmente sto dando un contributo ad un progetto politico, Sinistra per Ronchi, di cui esiste anche una pagina facebook con tale nome. Una lista unitaria, il nostro sarà un lavoro sul programma che comunicheremo a breve e sulla lista per Ronchi, chiamata a realizzare il nostro programma, senza compromessi, con giovani e meno giovani, ma tutti con un solo ideale, Ronchi come bene comune da tutelare  e noi ci crediamo. Non ci piacciono i litigi "personali" o le vendette, o la politica della resa dei conti. E queste elezioni sembrano correre proprio verso tale triste direzione. Noi siamo lontani da tutto ciò, abbiamo come interesse solamente il bene della nostra comunità. Siamo consapevoli del problema "democratico" che caratterizza questa tornata elettorale. Pochi giorni per raccogliere le sottoscrizioni, e pochi giorni per una campagna elettorale degna di tal nome. Una follia. Come sinistra per Ronchi abbiamo lottato per difendere l'esistenza del nostro Comune, contro una fusione priva di ogni progettualità, e questa cosa verrà evidenziata e nel programma vi sarà una parola chiara su ciò finalizzata a salvaguardare il no alla fusione, cosa che dovrebbero fare tutti i diretti interessati appartenenti alle varie liste che hanno creduto nel no alla fusione, ma senza per questo creare confusione in materia. Noi abbiamo lavorato prima di tutto sul programma, che verrà comunicato a breve. Prima il programma poi il resto. Abbiamo operato in questo modo. E la politica da ring non ci riguarda.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …