Passa ai contenuti principali

Amministrative 2016 Ronchi e Monfalcone: eppur qualcuno dovrà andare a governare

A Ronchi e Monfalcone il 23 ottobre è sempre più vicino, e questo lo si capisce da alcune opere di manutenzione che sono in corso.  Quello che dovrebbe essere ordinario, spesso diviene straordinario, come quando arriva il Presidente della Repubblica.
Magari si tratterà di una coincidenza, chissà. A parer mio sarebbe stata cosa buona e giusta, dopo la naturale scadenza del mandato elettorale, e vista la questione del referendum fusionista, fallito in modo clamoroso, avviare il commissariamento dei rispettivi Comuni e stabilire una data ritenuta giusta, equilibrata.
Una data così ravvicinata mina diverse prerogative partecipative democratiche. Avranno la strada in discesa le forze politiche più strutturate, quelle minori o che nascono dal basso, per ovvietà, dovranno scalare una montagna di difficoltà incredibili. Dunque già in partenza emergono delle gravi disparità.
Ma confrontandomi con tanti concittadini emerge una sola questione, ovvero la preoccupazione. Si è preoccupati per il futuro della propria città, visto che ad oggi non è emersa una sola riga programmatica, una mezza virgola su quale debba essere l'idea di Ronchi o Monfalcone che si voglia proporre alla comunità. Da un certo punto di vista ciò è comprensibile, visto come funzionano gli schemi della politica. Prima il contenitore, poi i contenuti. Prevarrà l'usato sicuro o si affermerà un ribaltamento? Nel nome di che cosa? A Monfalcone il rischio ballottaggio è elevato, a Ronchi questo rischio non vi potrà essere perché non si andrà al ballottaggio. Tra i due litiganti prevarrà una terza soggettività che romperà gli schemi classici e diventati oramai obsoleti? Venendo alla situazione di Ronchi ad oggi è una via di mezzo tra un piccola cittadina divenuta “dormitorio” con una marea di case sfitte, e luogo dove si vorrebbe fare tanto, tra la nostalgia dei fasti di un tempo e la ricerca di nuove vie che possano dare a questa bella località un minimo di sana vitalità. Vitalità che deve passare anche attraverso la bellezza, la cura dei luoghi, l'accoglienza, la cultura, l'ambiente, il lavoro, il contrasto alle speculazioni edilizie, alle cattedrali nel deserto, per divenire attraente per rimettere in moto la propria economia ed ambiente sociale. 
A Monfalcone il problema dei problemi sarà quale rapporto si vorrà instaurare con i cantieri, e se dunque Monfalcone dovrà continuare ad essere la città dei cantieri, od i cantieri saranno di Monfalcone. Quali le priorità programmatiche per una nuova Ronchi e Monfalcone? Sono tante le questioni da affrontare, discutere, su cui confrontarsi. Ma il tempo è breve, brevissimo e si rischia di affrontare il tutto con estrema superficialità per dare priorità alla guerra tra fazioni politiche o personali, ed in questo momento in via generale pare prevalere la politica dei nomi, degli accordi per tutto ma non per le rispettive città. Ci sarà il tempo giusto, adeguato, per esporre e criticare i contenuti dopo aver creato il contenitore? E' nella consapevolezza della sussistenza di questo quadro che ci si deve muovere. Cosa decideranno i cittadini lo scopriremo presto, l'unica cosa certa è che mai quanto questa tornata elettorale del 23 ottobre, emergerà un distacco ed un disinteressamento che dovrà tutti spingere alla seria riflessione. Eppur qualcuno dovrà anche andare a governare, anche se un noto tormentone estivo dice andiamo a comandare. Ma qui da comandare non vi è un bel nulla, da governare vi è praticamente tutto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …