Passa ai contenuti principali

Amministrative 2016 Ronchi e Monfalcone: eppur qualcuno dovrà andare a governare

A Ronchi e Monfalcone il 23 ottobre è sempre più vicino, e questo lo si capisce da alcune opere di manutenzione che sono in corso.  Quello che dovrebbe essere ordinario, spesso diviene straordinario, come quando arriva il Presidente della Repubblica.
Magari si tratterà di una coincidenza, chissà. A parer mio sarebbe stata cosa buona e giusta, dopo la naturale scadenza del mandato elettorale, e vista la questione del referendum fusionista, fallito in modo clamoroso, avviare il commissariamento dei rispettivi Comuni e stabilire una data ritenuta giusta, equilibrata.
Una data così ravvicinata mina diverse prerogative partecipative democratiche. Avranno la strada in discesa le forze politiche più strutturate, quelle minori o che nascono dal basso, per ovvietà, dovranno scalare una montagna di difficoltà incredibili. Dunque già in partenza emergono delle gravi disparità.
Ma confrontandomi con tanti concittadini emerge una sola questione, ovvero la preoccupazione. Si è preoccupati per il futuro della propria città, visto che ad oggi non è emersa una sola riga programmatica, una mezza virgola su quale debba essere l'idea di Ronchi o Monfalcone che si voglia proporre alla comunità. Da un certo punto di vista ciò è comprensibile, visto come funzionano gli schemi della politica. Prima il contenitore, poi i contenuti. Prevarrà l'usato sicuro o si affermerà un ribaltamento? Nel nome di che cosa? A Monfalcone il rischio ballottaggio è elevato, a Ronchi questo rischio non vi potrà essere perché non si andrà al ballottaggio. Tra i due litiganti prevarrà una terza soggettività che romperà gli schemi classici e diventati oramai obsoleti? Venendo alla situazione di Ronchi ad oggi è una via di mezzo tra un piccola cittadina divenuta “dormitorio” con una marea di case sfitte, e luogo dove si vorrebbe fare tanto, tra la nostalgia dei fasti di un tempo e la ricerca di nuove vie che possano dare a questa bella località un minimo di sana vitalità. Vitalità che deve passare anche attraverso la bellezza, la cura dei luoghi, l'accoglienza, la cultura, l'ambiente, il lavoro, il contrasto alle speculazioni edilizie, alle cattedrali nel deserto, per divenire attraente per rimettere in moto la propria economia ed ambiente sociale. 
A Monfalcone il problema dei problemi sarà quale rapporto si vorrà instaurare con i cantieri, e se dunque Monfalcone dovrà continuare ad essere la città dei cantieri, od i cantieri saranno di Monfalcone. Quali le priorità programmatiche per una nuova Ronchi e Monfalcone? Sono tante le questioni da affrontare, discutere, su cui confrontarsi. Ma il tempo è breve, brevissimo e si rischia di affrontare il tutto con estrema superficialità per dare priorità alla guerra tra fazioni politiche o personali, ed in questo momento in via generale pare prevalere la politica dei nomi, degli accordi per tutto ma non per le rispettive città. Ci sarà il tempo giusto, adeguato, per esporre e criticare i contenuti dopo aver creato il contenitore? E' nella consapevolezza della sussistenza di questo quadro che ci si deve muovere. Cosa decideranno i cittadini lo scopriremo presto, l'unica cosa certa è che mai quanto questa tornata elettorale del 23 ottobre, emergerà un distacco ed un disinteressamento che dovrà tutti spingere alla seria riflessione. Eppur qualcuno dovrà anche andare a governare, anche se un noto tormentone estivo dice andiamo a comandare. Ma qui da comandare non vi è un bel nulla, da governare vi è praticamente tutto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto