Passa ai contenuti principali

Amministrative 2016 Ronchi e Monfalcone: eppur qualcuno dovrà andare a governare

A Ronchi e Monfalcone il 23 ottobre è sempre più vicino, e questo lo si capisce da alcune opere di manutenzione che sono in corso.  Quello che dovrebbe essere ordinario, spesso diviene straordinario, come quando arriva il Presidente della Repubblica.
Magari si tratterà di una coincidenza, chissà. A parer mio sarebbe stata cosa buona e giusta, dopo la naturale scadenza del mandato elettorale, e vista la questione del referendum fusionista, fallito in modo clamoroso, avviare il commissariamento dei rispettivi Comuni e stabilire una data ritenuta giusta, equilibrata.
Una data così ravvicinata mina diverse prerogative partecipative democratiche. Avranno la strada in discesa le forze politiche più strutturate, quelle minori o che nascono dal basso, per ovvietà, dovranno scalare una montagna di difficoltà incredibili. Dunque già in partenza emergono delle gravi disparità.
Ma confrontandomi con tanti concittadini emerge una sola questione, ovvero la preoccupazione. Si è preoccupati per il futuro della propria città, visto che ad oggi non è emersa una sola riga programmatica, una mezza virgola su quale debba essere l'idea di Ronchi o Monfalcone che si voglia proporre alla comunità. Da un certo punto di vista ciò è comprensibile, visto come funzionano gli schemi della politica. Prima il contenitore, poi i contenuti. Prevarrà l'usato sicuro o si affermerà un ribaltamento? Nel nome di che cosa? A Monfalcone il rischio ballottaggio è elevato, a Ronchi questo rischio non vi potrà essere perché non si andrà al ballottaggio. Tra i due litiganti prevarrà una terza soggettività che romperà gli schemi classici e diventati oramai obsoleti? Venendo alla situazione di Ronchi ad oggi è una via di mezzo tra un piccola cittadina divenuta “dormitorio” con una marea di case sfitte, e luogo dove si vorrebbe fare tanto, tra la nostalgia dei fasti di un tempo e la ricerca di nuove vie che possano dare a questa bella località un minimo di sana vitalità. Vitalità che deve passare anche attraverso la bellezza, la cura dei luoghi, l'accoglienza, la cultura, l'ambiente, il lavoro, il contrasto alle speculazioni edilizie, alle cattedrali nel deserto, per divenire attraente per rimettere in moto la propria economia ed ambiente sociale. 
A Monfalcone il problema dei problemi sarà quale rapporto si vorrà instaurare con i cantieri, e se dunque Monfalcone dovrà continuare ad essere la città dei cantieri, od i cantieri saranno di Monfalcone. Quali le priorità programmatiche per una nuova Ronchi e Monfalcone? Sono tante le questioni da affrontare, discutere, su cui confrontarsi. Ma il tempo è breve, brevissimo e si rischia di affrontare il tutto con estrema superficialità per dare priorità alla guerra tra fazioni politiche o personali, ed in questo momento in via generale pare prevalere la politica dei nomi, degli accordi per tutto ma non per le rispettive città. Ci sarà il tempo giusto, adeguato, per esporre e criticare i contenuti dopo aver creato il contenitore? E' nella consapevolezza della sussistenza di questo quadro che ci si deve muovere. Cosa decideranno i cittadini lo scopriremo presto, l'unica cosa certa è che mai quanto questa tornata elettorale del 23 ottobre, emergerà un distacco ed un disinteressamento che dovrà tutti spingere alla seria riflessione. Eppur qualcuno dovrà anche andare a governare, anche se un noto tormentone estivo dice andiamo a comandare. Ma qui da comandare non vi è un bel nulla, da governare vi è praticamente tutto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…