Passa ai contenuti principali

La massoneria ha ancora senso oggi? A Gorizia e provincia in che condizioni si trova?

Certo che nel famigerato terzo millennio sentire ancora parlare di massoneria è a dir poco strano. Ma nel tempo in cui tradizioni e progresso hanno cercato e trovato il loro punto di equilibrio, la massoneria continua ad esistere e resistere. A Londra vi è la  Freemasons’ Hall la sede centrale della Grande Loggia d’Inghilterra. 
Un palazzo immenso, visitabile gratuitamente, vi è un museo, una biblioteca, la sala dei grandi ufficiali, ecc. La massoneria a Londra è aperta, come la città, London is open è il motto attuale di Londra. Non si nascondono, operano nel sociale, pubblicizzano le loro attività, vi sono negozi che vendono anche oggetti massonici, con i canonici simboli, da quelli più noti, a quelli meno noti, che richiamano anche la numerologia, come il 5, numero molto diffuso, la rosa, il terzo occhio, le colonne, la squadra ed il compasso, il triangolo, la stella a cinque punte ecc. Se a Londra non si nascondono, in Italia solo da qualche tempo qualche loggia si è timidamente aperta al pubblico, sia con siti internet, che con l'apertura fisica delle loro centrali, sedi. 
Hanno ancora oggi i loro riti, il loro modo di operare ricorda la religione. La massoneria in Italia ha operato soprattutto per favorire l'unità d'Italia, una convergenza importante vi è stata con l'irredentismo, con il nazionalismo, il nemico in comune da combattere erano gli austriaci e gli slavi. Tanto che più di qualcuno ha maturato i sospetti che dietro l'operato di  Oberdan vi fosse la mano della massoneria. Tante, oggi, sono le vie dedicate a massoni, dai più noti, come Nazario Sauro, ai meno noti, ma molto importanti, come Venezian, a Trieste, vi era chi operava con circoli vicini alla massoneria, come Battisti, o Babinutti di Ronchi, che emigrò ad Alessandria d'Egitto, e risultava essere iscritto a diverse “centrali” vicino a logge massoniche . 
Così come è noto che la massoneria stava valutando di preparare una marcia su Trieste e Gorizia nel 1880, progettò che fallì miserabilmente. Quello che ci si chiede è che senso ha la massoneria oggi in Italia e nel mondo? In FVG risultano diverse logge, ed anche a Gorizia. Come la 1258 del grande Oriente, nota come Loggia Isonzo, risulterebbe anche la loggia Pro Hominis Dignitate con sede a San Floriano del Collio numero 229 aderente alla Gran Loggia regolare d'Italia, ed a San Floriano del Collio è il luogo ove spesso si verificano raduni tradizionali nel castello Formentini  tra le massonerie italiane, slovene ed austriache, ma vi sono anche delle delegazioni, come quella che ha sede a Trieste, in via San Nicolò 30, la  Regione Alpe Adria Gran Loggia d'Italia.
Insomma tanti interrogativi sorgono, nei confronti di un mondo che da un lato affascina, dall'altro crea senso di inquietudine e dall'altro senso di incredulità. D'altronde se ancora oggi esistono le religioni, non si vede il perché la massoneria non dovrebbe esistere, vista la somiglianza. Così come ci si interroga se e quale influenza ha nella gestione della cosa pubblica nel nostro territorio, sulle questioni storiche, politiche, sulle vicende del confine orientale, se ha ancora rapporti con realtà irredentiste e come questa convergenza sia ancora attuale, con quali realtà collaborano od hanno rapporti o possono essere considerate legate alla massoneria goriziana e non solo.


Commenti

Post popolari in questo blog

Incredibile ma vero, il Consiglio Comunale di Trieste approva mozione contro il Sindaco di Napoli

All'inverosimile non vi è mai fine, ed a Trieste meno che mai. Trieste e Napoli due città distanti, che già hanno "guerreggiato" sulla primazia del caffè, quando qualcuno a Trieste collocò un cartello, ancora non rimosso, sulla strada che conduce verso Opicina, con scritto città del caffè, in aggiunta a città della Barcolana. Ma gli scazzi tra Trieste e Napoli non sono mancati neanche ultimamente su diverse questioni politiche e battute miserabili. E la sfida, se così la possiamo chiamare tale situazione politica a dir poco assurda, continua. In relazione ai noti fatti di Napoli, in merito alla visita di Salvini, e manifestazioni di protesta che ne sono conseguite, non avendo nulla di meglio da fare, cosa ha deciso di approvare il Consiglio comunale di Trieste? Una mozione proposta dal partito della lega nord, nella quale si critica duramente l'operato del Sindaco di Napoli, sia "per il diniego dato a Salvini per la sala richiesta" che per i toni utilizzat…

A Trieste e Gorizia esplode l'austronostalgia

Wu Ming 1, scriveva: "Se devo scegliere tra sparare agli Asburgo in nome dei Savoia e sparare sui Savoia in nome degli Asburgo, grazie, ma preferisco sparare su entrambi. Come si legge nel Re Lear, “il tempo della vita è breve, e se viviamo, viviamo per calpestare i re”."E' innegabile che tra Gorizia e Trieste vi sia ancora una sorta di austronostalgia, anche se a dirla tutta non riesco proprio a capire come si possa essere nostalgici di un qualcosa che non è mai stato vissuto, forse ereditato a livello di testimonianza, letto nei libri, od esaltato in alcuni testi. Poco importa. E spesso ci si diverte a giostrare tra chi fosse meglio, i Borboni o gli Asburgo? E vai con l'elencazione delle opere, e delle solite ridondanti questioni . Solo che nel momento in cui implodono i nazionalismi, traballa l'ideale di Europa anche per responsabilità enormi di chi ha guidato l'Europa contro un muro di cemento armato a velocità folle, in questa piccola fetta di territo…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …