Passa ai contenuti principali

La massoneria ha ancora senso oggi? A Gorizia e provincia in che condizioni si trova?

Certo che nel famigerato terzo millennio sentire ancora parlare di massoneria è a dir poco strano. Ma nel tempo in cui tradizioni e progresso hanno cercato e trovato il loro punto di equilibrio, la massoneria continua ad esistere e resistere. A Londra vi è la  Freemasons’ Hall la sede centrale della Grande Loggia d’Inghilterra. 
Un palazzo immenso, visitabile gratuitamente, vi è un museo, una biblioteca, la sala dei grandi ufficiali, ecc. La massoneria a Londra è aperta, come la città, London is open è il motto attuale di Londra. Non si nascondono, operano nel sociale, pubblicizzano le loro attività, vi sono negozi che vendono anche oggetti massonici, con i canonici simboli, da quelli più noti, a quelli meno noti, che richiamano anche la numerologia, come il 5, numero molto diffuso, la rosa, il terzo occhio, le colonne, la squadra ed il compasso, il triangolo, la stella a cinque punte ecc. Se a Londra non si nascondono, in Italia solo da qualche tempo qualche loggia si è timidamente aperta al pubblico, sia con siti internet, che con l'apertura fisica delle loro centrali, sedi. 
Hanno ancora oggi i loro riti, il loro modo di operare ricorda la religione. La massoneria in Italia ha operato soprattutto per favorire l'unità d'Italia, una convergenza importante vi è stata con l'irredentismo, con il nazionalismo, il nemico in comune da combattere erano gli austriaci e gli slavi. Tanto che più di qualcuno ha maturato i sospetti che dietro l'operato di  Oberdan vi fosse la mano della massoneria. Tante, oggi, sono le vie dedicate a massoni, dai più noti, come Nazario Sauro, ai meno noti, ma molto importanti, come Venezian, a Trieste, vi era chi operava con circoli vicini alla massoneria, come Battisti, o Babinutti di Ronchi, che emigrò ad Alessandria d'Egitto, e risultava essere iscritto a diverse “centrali” vicino a logge massoniche . 
Così come è noto che la massoneria stava valutando di preparare una marcia su Trieste e Gorizia nel 1880, progettò che fallì miserabilmente. Quello che ci si chiede è che senso ha la massoneria oggi in Italia e nel mondo? In FVG risultano diverse logge, ed anche a Gorizia. Come la 1258 del grande Oriente, nota come Loggia Isonzo, risulterebbe anche la loggia Pro Hominis Dignitate con sede a San Floriano del Collio numero 229 aderente alla Gran Loggia regolare d'Italia, ed a San Floriano del Collio è il luogo ove spesso si verificano raduni tradizionali nel castello Formentini  tra le massonerie italiane, slovene ed austriache, ma vi sono anche delle delegazioni, come quella che ha sede a Trieste, in via San Nicolò 30, la  Regione Alpe Adria Gran Loggia d'Italia.
Insomma tanti interrogativi sorgono, nei confronti di un mondo che da un lato affascina, dall'altro crea senso di inquietudine e dall'altro senso di incredulità. D'altronde se ancora oggi esistono le religioni, non si vede il perché la massoneria non dovrebbe esistere, vista la somiglianza. Così come ci si interroga se e quale influenza ha nella gestione della cosa pubblica nel nostro territorio, sulle questioni storiche, politiche, sulle vicende del confine orientale, se ha ancora rapporti con realtà irredentiste e come questa convergenza sia ancora attuale, con quali realtà collaborano od hanno rapporti o possono essere considerate legate alla massoneria goriziana e non solo.


Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …