Passa ai contenuti principali

Quel "cattivo" progetto di legge che vuole la valutazione delle competenze di cittadinanza nella scuola

Sono anni che si discute sulla necessità di riproporre l'educazione civica nelle nostre scuole. Tra i primi interventi in materia viene segnalato il decreto del Presidente della Repubblica 13 giugno 1958, n. 585, che segna l’ingresso ufficiale dell’educazione civica nelle scuole secondarie ma limitato solo a due ore mensili, una miseria. Verso la fine degli anni '70 l’educazione civica diventa nella scuola media una specifica materia d’insegnamento, e dove l'insegnamento della Costituzione aveva un ruolo centrale. Poi negli anni '80 nella scuola elementare ha una certa rilevanza, per subire dagli anni '90 in poi un vero e proprio indebolimento sino ad arrivare ad una sostanziale eliminazione. Ora, alcuni Parlamentari del PD, hanno presentato un progetto di legge, che vuole l'introduzione nella scuola primaria e secondaria della valutazione delle competenze di cittadinanza, valutazione che concorre alla valutazione complessiva degli studenti. 

Le competenze sono costituite dalle conoscenze, abilità e atteggiamenti descritti nel quadro di riferimento della competenze chiave per l’apprendimento permanente previste dall’Unione europea e, in particolare, dalla raccomandazione 2006/962/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 dicembre 2006, e riguardano le conoscenze e le forme di comportamento che consentono alle persone di partecipare in modo efficace e costruttivo alla vita della società democratica e al dialogo interculturale. Si legge ancora che tali competenze di cittadinanza attiva democratica sono sviluppate in una dimensione europea e globale. 
Tante paroline, ma la parola d'ordine è competenza e non conoscenza. E già ciò dovrebbe far inorridire.
All'articolo tre del progetto di legge voluto da alcuni parlamentari del PD si legge ancora che “le competenze di cittadinanza di cui al presente articolo afferiscono alla dimensione cognitiva, alla dimensione valoriale e a quella degli atteggiamenti. La loro costruzione e il loro sviluppo ha l’obiettivo di promuovere e di favorire, da parte degli studenti, le conoscenze storico-socio-giuridiche sulla cittadinanza, la sensibilità sui valori civici, nonché il concreto esercizio dei relativi diritti e dei doveri nella convivenza democratica, comprendente la responsabilità nell’agire sociale, la partecipazione solidale, il rispetto nelle relazioni interpersonali e la cooperazione in chiave interculturale.  
La votazione delle competenze di cittadinanza degli studenti, attribuita collegialmente dal consiglio di classe, concorre alla valutazione complessiva dello studente. Nel caso di valutazione insufficiente devono essere previsti eventuali attività di recupero sociali e culturali, di mediazione e di risarcimento a vantaggio della comunità scolastica e territoriale, nonché eventuali corsi e prove di verifica per il recupero dei debiti." 
Da segnalare che all’acquisizione delle competenze di cittadinanza concorrono le esperienze e le attività svolte dagli studenti nei seguenti ambiti:a) all’interno dei progetti promossi dall’istituto e negli spazi di partecipazione democratica ai sensi del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 24 giugno 1998, n. 249; b) nell’ambito della partecipazione agli organi collegiali della scuola; c) nell’ambito para-scolastico, nei progetti di scuola aperta e di alternanza scuola-lavoro, come previsto dalla legge 13 luglio 2015, n. 107; d) nell’ambito extra-scolastico, per quanto riguarda la partecipazione ad attività di volontariato e di lavoro di utilità sociale.

Come si può notare si conferisce grande valorizzazione al lavoro gratuito, che passa attraverso l'abusato sistema del volontariato. Quando avrebbero dovuto valorizzare, invece, attività di partecipazione in associazioni di carattere culturale, sociale. Ma non è questo lo spirito di questo progetto di legge. Che mi auguro non venga mai approvato, perché non è questo il modo di educare alla nostra Costituzione nelle scuole.
Pubblicato per Tecnica della Scuola 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…