Passa ai contenuti principali

Quel "cattivo" progetto di legge che vuole la valutazione delle competenze di cittadinanza nella scuola

Sono anni che si discute sulla necessità di riproporre l'educazione civica nelle nostre scuole. Tra i primi interventi in materia viene segnalato il decreto del Presidente della Repubblica 13 giugno 1958, n. 585, che segna l’ingresso ufficiale dell’educazione civica nelle scuole secondarie ma limitato solo a due ore mensili, una miseria. Verso la fine degli anni '70 l’educazione civica diventa nella scuola media una specifica materia d’insegnamento, e dove l'insegnamento della Costituzione aveva un ruolo centrale. Poi negli anni '80 nella scuola elementare ha una certa rilevanza, per subire dagli anni '90 in poi un vero e proprio indebolimento sino ad arrivare ad una sostanziale eliminazione. Ora, alcuni Parlamentari del PD, hanno presentato un progetto di legge, che vuole l'introduzione nella scuola primaria e secondaria della valutazione delle competenze di cittadinanza, valutazione che concorre alla valutazione complessiva degli studenti. 

Le competenze sono costituite dalle conoscenze, abilità e atteggiamenti descritti nel quadro di riferimento della competenze chiave per l’apprendimento permanente previste dall’Unione europea e, in particolare, dalla raccomandazione 2006/962/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 dicembre 2006, e riguardano le conoscenze e le forme di comportamento che consentono alle persone di partecipare in modo efficace e costruttivo alla vita della società democratica e al dialogo interculturale. Si legge ancora che tali competenze di cittadinanza attiva democratica sono sviluppate in una dimensione europea e globale. 
Tante paroline, ma la parola d'ordine è competenza e non conoscenza. E già ciò dovrebbe far inorridire.
All'articolo tre del progetto di legge voluto da alcuni parlamentari del PD si legge ancora che “le competenze di cittadinanza di cui al presente articolo afferiscono alla dimensione cognitiva, alla dimensione valoriale e a quella degli atteggiamenti. La loro costruzione e il loro sviluppo ha l’obiettivo di promuovere e di favorire, da parte degli studenti, le conoscenze storico-socio-giuridiche sulla cittadinanza, la sensibilità sui valori civici, nonché il concreto esercizio dei relativi diritti e dei doveri nella convivenza democratica, comprendente la responsabilità nell’agire sociale, la partecipazione solidale, il rispetto nelle relazioni interpersonali e la cooperazione in chiave interculturale.  
La votazione delle competenze di cittadinanza degli studenti, attribuita collegialmente dal consiglio di classe, concorre alla valutazione complessiva dello studente. Nel caso di valutazione insufficiente devono essere previsti eventuali attività di recupero sociali e culturali, di mediazione e di risarcimento a vantaggio della comunità scolastica e territoriale, nonché eventuali corsi e prove di verifica per il recupero dei debiti." 
Da segnalare che all’acquisizione delle competenze di cittadinanza concorrono le esperienze e le attività svolte dagli studenti nei seguenti ambiti:a) all’interno dei progetti promossi dall’istituto e negli spazi di partecipazione democratica ai sensi del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 24 giugno 1998, n. 249; b) nell’ambito della partecipazione agli organi collegiali della scuola; c) nell’ambito para-scolastico, nei progetti di scuola aperta e di alternanza scuola-lavoro, come previsto dalla legge 13 luglio 2015, n. 107; d) nell’ambito extra-scolastico, per quanto riguarda la partecipazione ad attività di volontariato e di lavoro di utilità sociale.

Come si può notare si conferisce grande valorizzazione al lavoro gratuito, che passa attraverso l'abusato sistema del volontariato. Quando avrebbero dovuto valorizzare, invece, attività di partecipazione in associazioni di carattere culturale, sociale. Ma non è questo lo spirito di questo progetto di legge. Che mi auguro non venga mai approvato, perché non è questo il modo di educare alla nostra Costituzione nelle scuole.
Pubblicato per Tecnica della Scuola 

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

L'Italia entro il 2065 rischia di perdere quasi 20 milioni di abitanti, con anche spopolamento enorme nel Sud

Siamo un piccolo Paese, che ha raggiunto la soglia di 60 milioni di abitanti e che probabilmente non solo non supererà mai più ma che rischia di vedere con il binocolo per i prossimi decenni. Certamente viviamo in una società di 7 e passa miliardi di persone, siamo troppi, ma chi pagherà più di altri lo spopolamento saranno i Paesi poveri e tra questi vi è ovviamente anche l'Italia. Se il Sud rischia di vivere uno spopolamento pazzesco, nell'Europa, l'Italia è come il suo sud, vivrà uno spopolamento importante. Cosa comunica l'ISTAT? 
"La popolazione residente attesa per l'Italia è stimata pari, secondo lo scenario mediano, a 58,6 milioni nel 2045 e a 53,7 milioni nel 2065. La perdita rispetto al 2016 (60,7 milioni) sarebbe di 2,1 milioni di residenti nel 2045 e di 7 milioni nel 2065. Tenendo conto della variabilità associata agli eventi demografici, la stima della popolazione al 2065 oscilla da un minimo di 46,1 milioni a un massimo di 61,5. La probabilità d…