Passa ai contenuti principali

Quante baggianate pericolose realizzate nel nome dell'anticomunismo,da Gladio alle mine atomiche di Gorizia



Riflettevo in questo periodo su quella che era una vera ossessione. E vengono in mente le prime battute di una nota canzone dei Subsonica quando scrivevano "tutto si muove, non riesco a stare fermo. Tremando ti cerco in tutti i canali. È alta tensione ma senza orientamento. Sbandando ti seguo in tutti i segnali. Fuori controllo e ormai mi pulsi dentro. Sento il contagio di un’infezione.". Infezione, ossessione, non riuscire a stare fermo, essere fuori controllo, errare e sbandare per contrastare i Sovietici od i cattivi Jugoslavi comunisti. Si sono inventati di tutto. Mondo di spie, di agenti segreti, di organizzazioni allucinanti, come stay-behind che in Italia sarà nota come Gladio. Certo, erano altri tempi, la guerra fredda rischiava di divenire calda e continuerà anche dopo la caduta del muro di Berlino ed a dirla tutta continua ancora oggi. Ma veramente si deve credere alla barzelletta che l'Italia rischiava di essere invasa dai cattivi Sovietici? O cattivissimi Jugoslavi? Eppure nel nome di ciò tra giuramenti, reclutamenti, azioni di cui ancora oggi non si conoscono né l'entità né la consistenza sono state realizzate. Coinvolgendo anche interi nuclei famigliari. Ed i n via generale una parte dei grandi liberatori e difensori dei valori dell'Occidente, che operavano clandestinamente ma con la complicità di parte del sistema nostrano che ha visto un miscuglio tra neonazisti, neofascisti, ultra-nazionalisti, se non ultras del nazionalismo, tutti governati da una sola fede, l'anticomunismo, camminare insieme, volevano talmente bene al nostro territorio che erano pronti ad arrestare la corsa dei comunisti invasori a qualsiasi costo e mezzo. Forse era più rischiosa una invasione aliena, sempre che esistano gli alieni, che dei sovietici. Purtroppo nel nome della pacificazione sociale il più grande errore commesso nella storia è stata l'amnistia di Togliatti, preceduta da altri intenti. Sono stati soprattutto i fascisti a beneficiare del "perdono" istituzionale. Cosa frullava nella testa di Togliatti e compagnia in quel periodo non è dato sapere. Ma una cosa è certa, una grande baggianata ma pericolosa, che ha portato alla mobilitazione di migliaia di civili, e non solo civili, nella più grande operazione anticostituzionale della storia della Repubblica italiana, è stata realizzata. 
Ma un velo pietoso di silenzio è caduto. Un velo pietoso che non rende onore al nostro Paese. Anche se qualcuno ha cercato di interromperlo volendo riconoscere a queste soggettività, alcune delle quali sicuramente erano in buona fede, giustificata oggi dalla canonica espressione "erano altri tempi", una onorificenza civile per il loro impegno. Follie tutte italiane nel Paese che si è piegato letteralmente all'America. Come follia è stata la questione della soglia di Gorizia e la vicenda delle mine atomiche“nei giochi di guerra degli strateghi della Nato e delle Forza armate italiane, la provincia goriziana poteva essere tranquillamente sacrificata” facendo terra bruciata “distribuendo lungo la linea debole una serie di mine nucleari capaci di fare piazza pulita di gran parte della regione orientale del FVG”. Ed è stato anche denunciato che "all'inizio degli anni '70 era ben chiaro alle popolazioni locali che sul Carso si stavano costruendo bunker e gallerie che assomigliavano a quelle presidiate dalla fanteria d'arresto, opere finanziate dalla NATO che lasciavano trapelare finalità diverse da quelle di una difesa convenzionale". Ecco come volevano bene a Gorizia ed all'Italia i grandi difensori dei valori Occidentali. 
Impressiona leggere le testimonianze di una ex SS internazionale "Nome in codice Siegfried" testimonianza del reduce delle SS, Monti. Testimonianza utile per capire come Vaticano, CIA, fascisti,nazisti, nazionalisti, parte della DC, e parte del sistema di sicurezza italiano fossero tutti uniti nel nome dell'anticomunismo. Niente di nuovo. Però incuriosisce che una sorta di agente segreto, faccia la spia, che tradisca segreti, che forse non devono essere più segreti. Ma nello stesso tempo colpisce il pressapochismo con il quale si organizzavano determinati eventi, come il Golpe Borghese, una pagliacciata incredibile. Però, visto come è andata a finire in Turchia, un golpe o meglio tentato golpe vissuto in diretta, cosa innovativa a livello mediatico, nulla sorprende nel Paese più assurdo del mondo, quale il nostro. D'altronde se in Italia abbiamo avuto il fascismo, una cosa ridicola, meschina, una grande pagliacciata che ha ridicolizzato l'Italia nel mondo intero, ma una pagliacciata che ha massacrato questo Paese e la sua dignità e non solo che qualcuno ancora rimpiange, sarà che forse viviamo nel Paese delle grandi pagliacciate? Così come deve impressionare che questa ex SS ed agente segreto per una rete clandestina nazifascista funzionale all'Occidente, operava per difendere i "valori occidentali" contro il pericolo comunista. Già, baggianate reazionarie che dovrebbero far solo sorridere, ma in realtà sono state altamente pericolose.

Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…