Passa ai contenuti principali

Dalla rissa, alla tentata violenza, all'uccisione del cigno al disturbo sull'Isonzo. A Gorizia il clima si riscalda


Nei giorni in cui vi è stato un caldo afoso, a Gorizia e nel goriziano, si sono verificati una serie di episodi che hanno semplicemente esasperato gli animi. Dalla scazzottata tra due richiedenti asilo a Gorizia, tanto che qualcuno ha evocato che una rissa in quel luogo non accadeva dai tempi della guerra, dalle urla ed azioni di disturbo sull'Isonzo, alla caccia e morte del cigno, alla tentata violenza nei confronti di una donna a Gorizia. Ora, premesso che atti e fatti di delinquenza vanno puniti e trattati come tali, e lungi dal voler giustificare fatti deprecabili, è innegabile che a Gorizia vi è una percezione diversa se il fatto sia compiuto da un richiedente asilo piuttosto che da un normale cittadino italiano. I motivi sono molteplici, spesso frutto anche dell'esasperazione che è maturata in città per ragioni o torti ben noti nei confronti di queste persone. Ma è anche vero che probabilmente ci si aspetta un comportamento diverso, più ligio, più rigoroso, da chi viene "accolto" e fuggitivo da guerre o persecuzioni.  
Non volendo entrare nel merito di alcuni episodi che si sono verificati, anche per rispetto di chi per competenza deve approfondire e comprendere se sussistono ipotesi reali di reato o meno e come perseguirle, una cosa deve essere tassativa, non si può e non si deve generalizzare o creare per ragioni politico elettorali un clima di paura che rischia di favorire se non una caccia allo "straniero" certamente una situazione di assoluta intolleranza e di insicurezza in città, in una Gorizia che è una città notoriamente piccola e sicura.
Chi delinque verrà trattato come tale e con le regole dello stato di diritto, chi subisce violenze odiose e deprecabili deve ricevere solidarietà senza che vi sia alcuna strumentalizzazione. 
E colgo l'occasione per ribadire in questa sede un concetto che reputo significativo anche se non comunemente condiviso ed accettato. Pazienza. Dico quello che penso e scrivo quello che dico. A parer mio, i richiedenti asilo, fin dal primo inserimento in Italia, devono frequentare corsi obbligatori di italiano, devono andare a scuola, con percorsi differenziati in base al tipo basilare di istruzione in loro possesso. La conoscenza della lingua è fondamentale e non solo della lingua. L'integrazione deve passare attraverso l'istruzione. Ed il nostro sistema, anche locale, è stato letteralmente catastrofico in tal senso. Se non si conosce la lingua, se non si conosce l'abc sussistente in Italia, se non si ha un minimo di istruzione, come potrà mai esserci integrazione minima e rispetto delle "regole" civili di reciproca convivenza? Eppure ciò potrebbe essere anche una grande fonte occupazionale e non solo. Noi viviamo in una situazione sociale molto tesa, con la disoccupazione a livelli impressionanti, con un degrado sociale e culturale significativo e dove la politica della pancia prevale su quella della ragione e del buon senso. L'accoglienza umanitaria è un dovere ed un diritto, ma affinché vi possa essere integrazione, che non può passare sempre per le vie dell'abusato sistema del volontariato, ma che deve passare per le vie Istituzionali, vi deve essere Istruzione. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…