Passa ai contenuti principali

Se a Trieste la priorità è la fantomatica sicurezza


Ingigantire fino all'inverosimile determinati episodi, comporta che in alcune città si possa inculcare il convincimento che le cose siano ben differenti dalla realtà vissuta. E' almeno dal 2015 che a Trieste si è pompata la questione "decoro" la questione "degrado" la questione sicurezza. Dalla vicenda assurda dei Topolini, ad altri episodi che, per quanto deplorevoli, possono essere ritenuti come ordinari in qualsiasi località. Trieste è una città complessivamente tranquilla. Pare che invece per alcuni le priorità siano quelle di sgomberare i centri sociali, sgomberare i mendicanti abusivi, liberare la città da tutte quelle situazioni che ne minano il solito decoro, nel nome del quale più di qualcuno vorrebbe l'ordine sociale, ergo sistema securitario. Esistono delle Leggi e vanno applicate, ma va applicato anche il buon senso, e se questo verrà meno è facile immaginare che a Trieste potrà incrementare un significativo sistema di tensione sociale. Ricordo ancora, ad esempio gli effetti della delibera del Comune triestino,del 15 ottobre 2010 (prot. Corr 2/5/42/1-2010) con la quale si disponevano “Limitazioni all’esercizio dei mestieri di strada, di suonatore ambulante, cantante, cantastorie e similari” dove per evitare una sorta di "scadimento della qualità della vita e del decoro urbano”, il musicista rischiava prima di essere allontanato, e se continuava a suonare rischiava il sequestro dello strumento, se non una multa di 100 euro.
La risposta è stata una partecipata manifestazione auto-organizzata con oltre 500 triestini a sostegno del mondo degli artisti di strada e contro quella incredibile ordinanza. E chissà se arriveranno altre ordinanze similari, già attuate in passato e che hanno evidenziato la loro inconsistenza non solo dal punto di vista sociale ma anche giuridico. Il voto dei triestini è stato chiaro, così come il non voto. Il non voto non è dato tanto dal fatto che la sinistra non ha saputo comunicare i suoi programmi, i suoi successi od insuccessi, il punto è che la sinistra che è al governo ed è stata recentemente al governo, in via generale non è che abbia fatto tante cose di sinistra, spesso e volentieri ha emulato la destra. Penso alle questioni storiche, che sono emblematiche ed avranno ed hanno un loro peso a Trieste. Mi riferisco, ad esempio, all'ultima cerimonia, quella antistorica sul 12 giugno, dove in rappresentanza del Comune vi era un consigliere comunale, circondato in alcuni momenti da simboli di associazioni nostalgiche del ventennio. Stessa ritualità con i medesimi simboli, che puntualmente si ripete alla cerimonia di Basovizza per il giorno del ricordo con la presenza di politici di una certa "sinistra". Ecco, queste cose hanno avuto un loro peso. Certo, non si dimentica che la precedente Amministrazione ha dedicato uno spazio pubblico ad Ondina Peteani, o che dopo 75 anni in Piazza dell'Unità è stata collocata una targa che ricorda la nefasta proclamazione delle Leggi Razziali. Così come è apprezzabile la tardiva, seppur importante, delibera che darà luogo finalmente a Trieste ad una targa, cosa sulla quale ho insistito diverse volte, in piazza della Borsa  ove si ricorderà la memoria dei fuochisti, tra il 14 e 15 febbraio del 1902, 13 operai persero la vita, insieme ad uno studente ed una guardia di polizia, repressi bruscamente dalle autorità austriache. O la targa che troverà a breve luogo a Basovizza nei pressi dell'importante monumento dedicato ai fucilati antifascisti di Basovizza.  Però non si può stare con un piede in due scarpe, non si può perseguire, se si è di sinistra, "la memoria condivisa" che altro non è che un pilastro del revisionismo storico, perché ciò prima o poi lo si pagherà, e così è stato. E se questo concetto viene esteso alle questioni sociali, lavorative, ambientali e politiche varie, ben si può capire anche il perché a Trieste ha vinto la destra, l'originale piuttosto che, per alcuni aspetti, una sua copia sbiadita.

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…