Passa ai contenuti principali

L'Intervento di Sgarbi a Trieste? Difficilmente incrementerà voti per Dipiazza

Il vero punto di svolta per il futuro di Trieste, che fa gola a molti, è l'immensa area del Porto Vecchio, che in questo caso vede sia Cosolini che Dipiazza, che il 19 giugno si confronteranno al ballottaggio, sulla stessa posizione per quanto concerne il recupero di quell'area dove sono previsti investimenti consistenti. A sostegno di Dipiazza in piazza della Borsa a Trieste insieme a Matteo Salvini è intervenuto Vittorio Sgarbi. Sgarbi è da diverso tempo che frequenta Trieste. Nel 2011 ha avuto un ruolo importante nella nota biennale di Trieste presso il Magazzino 26 di Porto Vecchio. Nel 2015 ha illustrato il progetto di recupero di alcuni magazzini portuali ed una foto pubblicata sul Piccolo lo vedeva insieme all'uscente Sindaco del Pd tutti sorridenti.

I sorrisi, se mai sono stari reali, sicuramente nel giorno 11 giugno del 2016 sono venuti meno tra Sgarbi e Cosolini. Sgarbi ne ha dette di tutti i colori contro il Sindaco Cosolini, ma anche ha parlato, in modo del tutto improprio e volgare, di "culattoni" e non solo, riferendosi alla questione del matrimonio tra le coppie omosessuali, che come è noto hanno visto troncato nel testo della così detta Cirinnà, la voce "fedeltà", perché nessuna assimilazione con il matrimonio ordinario doveva essere osata, nel Paese ostaggio dei peggiori valori medioevali in tema di diritti umani. Ma ha addirittura ringraziato la Lega Nord di aver difeso il "friulano" come lingua, e dire ciò a Trieste, per chi conosce Trieste, è una cosa a dir poco singolare e che difficilmente porta voti, viste le rivalità storiche tra triestini e friulani. Per non parlare del fatto che secondo Sgarbi la Lega praticamente avrebbe raccolto il pensiero di Pasolini, trasformando quello che lui considera come dialetto, il friulano, in lingua. 

Molte sono state le reazioni di indignazione nei confronti delle parole espresse da Sgarbi. Certo, gli ultras della destra sicuramente hanno apprezzato quello che lui ha detto, basta vedere ed ascoltare i sorrisi delle persone presenti in piazza della Borsa, che hanno percepito con ilarità, giudizi ed opinioni a dir poco pesanti. Ha parlato più che alla pancia dei triestini, alle ascelle dei triestini, verrebbe da dire, alcuni hanno riso, altri si sono giustamente imbufaliti quando hanno visionato il video del suo intervento. 
Il suo intervento difficilmente sposterà voti a favore di Dipiazza, probabilmente muoverà qualcosa sul fronte avverso, in una campagna elettorale all'ultimo voto dove Cosolini è chiamato ad una rimonta quasi impossibile, in una città che rischia di avere nella lega nord, se vincerà Dipiazza, una forza motrice vitale.  Una cosa è certa,  il futuro di Trieste passa dal Porto Vecchio, tutti gli interessi ruotano lì e su ciò si deve riflettere attentamente e monitorare con attenzione quello che accadrà sino al 19 giugno.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Ogni estate il solito tormentone, docenti con due mesi di vacanza,ma è falso

Ogni estate il solito tormentone, e questo tormentone diventa una vera e propria ossessione contro una delle categorie lavorative che meriterebbero maggior rispetto e tutela in Italia, ma che a dirla tutta viene continuamente ridicolizzata. Parlo del corpo docente della scuola pubblica italiana.

I problemi della scuola italiana sono noti e la famigerata Legge 107 del 2015, nota come "buona scuola" ma diventata di dominio pubblico come cattiva scuola altro non ha fatto che peggiorare la situazione.  Una legge che ha registrato uno degli scioperi più importanti mai realizzati in Italia in tale comparto, una legge scritta contro la comunità scolastica, una legge che ha determinato un mero incremento pazzesco dei contenziosi in tutte le sedi. 

Il personale scolastico, nel suo complesso, è quello più corposo dell'intera Pubblica Amministrazione, con delle responsabilità sociali fondamentali per la nostra società. Un personale che vede il contratto fermo da dieci anni, con st…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Continuano i rapporti culturali ed economici con l'Egitto, affari aumentati del 30%,"rapporti bilaterali intensi"

Sul sito dell'Ambasciata italiana in Egitto si legge che "i rapporti bilaterali tra Italia ed Egitto sono intensi e spaziano dalla cooperazione politica (incontri, missioni, visite di stato, riunioni internazionali, ecc.), a quella economico-commerciale, dalla promozione della lingua e della cultura italiana, alle politiche di sostegno allo sviluppo e alla collaborazione nel campo della ricerca e della scienza."  Anche se come è noto a aprile 2016, in merito al tremendo caso di Giulio Regeni, la cui verità latita per i motivi ben noti ,veniva pubblicato sul sito dell'Ambasciata questo comunicato  " Il Ministro degli Affari Esteri, Paolo Gentiloni, ha disposto il richiamo a Roma per consultazioni dell'Ambasciatore al Cairo Maurizio Massari. La decisione fa seguito agli sviluppi delle indagini sul caso Regeni e in particolare alle riunioni svoltesi a Roma ieri e oggi tra i team investigativi italiano ed egiziano. In base a tali sviluppi si rende necessaria u…