Passa ai contenuti principali

L'Intervento di Sgarbi a Trieste? Difficilmente incrementerà voti per Dipiazza

Il vero punto di svolta per il futuro di Trieste, che fa gola a molti, è l'immensa area del Porto Vecchio, che in questo caso vede sia Cosolini che Dipiazza, che il 19 giugno si confronteranno al ballottaggio, sulla stessa posizione per quanto concerne il recupero di quell'area dove sono previsti investimenti consistenti. A sostegno di Dipiazza in piazza della Borsa a Trieste insieme a Matteo Salvini è intervenuto Vittorio Sgarbi. Sgarbi è da diverso tempo che frequenta Trieste. Nel 2011 ha avuto un ruolo importante nella nota biennale di Trieste presso il Magazzino 26 di Porto Vecchio. Nel 2015 ha illustrato il progetto di recupero di alcuni magazzini portuali ed una foto pubblicata sul Piccolo lo vedeva insieme all'uscente Sindaco del Pd tutti sorridenti.

I sorrisi, se mai sono stari reali, sicuramente nel giorno 11 giugno del 2016 sono venuti meno tra Sgarbi e Cosolini. Sgarbi ne ha dette di tutti i colori contro il Sindaco Cosolini, ma anche ha parlato, in modo del tutto improprio e volgare, di "culattoni" e non solo, riferendosi alla questione del matrimonio tra le coppie omosessuali, che come è noto hanno visto troncato nel testo della così detta Cirinnà, la voce "fedeltà", perché nessuna assimilazione con il matrimonio ordinario doveva essere osata, nel Paese ostaggio dei peggiori valori medioevali in tema di diritti umani. Ma ha addirittura ringraziato la Lega Nord di aver difeso il "friulano" come lingua, e dire ciò a Trieste, per chi conosce Trieste, è una cosa a dir poco singolare e che difficilmente porta voti, viste le rivalità storiche tra triestini e friulani. Per non parlare del fatto che secondo Sgarbi la Lega praticamente avrebbe raccolto il pensiero di Pasolini, trasformando quello che lui considera come dialetto, il friulano, in lingua. 

Molte sono state le reazioni di indignazione nei confronti delle parole espresse da Sgarbi. Certo, gli ultras della destra sicuramente hanno apprezzato quello che lui ha detto, basta vedere ed ascoltare i sorrisi delle persone presenti in piazza della Borsa, che hanno percepito con ilarità, giudizi ed opinioni a dir poco pesanti. Ha parlato più che alla pancia dei triestini, alle ascelle dei triestini, verrebbe da dire, alcuni hanno riso, altri si sono giustamente imbufaliti quando hanno visionato il video del suo intervento. 
Il suo intervento difficilmente sposterà voti a favore di Dipiazza, probabilmente muoverà qualcosa sul fronte avverso, in una campagna elettorale all'ultimo voto dove Cosolini è chiamato ad una rimonta quasi impossibile, in una città che rischia di avere nella lega nord, se vincerà Dipiazza, una forza motrice vitale.  Una cosa è certa,  il futuro di Trieste passa dal Porto Vecchio, tutti gli interessi ruotano lì e su ciò si deve riflettere attentamente e monitorare con attenzione quello che accadrà sino al 19 giugno.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

Quel razzismo verso gli slavi mai sparito, saranno le nuove generazioni a demolirlo

Agli italiani piace andare in Croazia a farsi le vacanze. E non è difficile sentir dire questo una volta era "nostro" pensando magari a Lussino, a Pola, a Fiume. O attraversando la costa slovena. Era nostro. Un nostro che si è rivelato un mostro, un mostro che ha partorito e determinato violenze inaudite, impunite. Crimini come quelli compiuti dai nazisti che hanno avuto in diversi casi giusti processi, in Italia mai considerati come crimini, ma presunti, e mai processati. Anzi, sono stati riabilitati i "presunti criminali". In Italia si è verificata l'epurazione al contrario. Sono stati i partigiani ad essere stati espulsi ad esempio dalle forze di polizia, ad essere processati ed incarcerati non i fascisti, almeno quelli che contavano che hanno continuato ad occupare posti chiave nell'Italia repubblicana il cui unisco scopo era colpire il comunismo e per colpire il comunismo il passato divenne un frullato indigesto gettato nel cesso dell'ingiustizia.…

A Pordenone il 14 ottobre manifestazione regionale antifascista

L'ultima grande manifestazione antifascista regionale che si è svolta in Friuli Venezia Giulia è stata in occasione del centenario dell'entrata in guerra dell'Italia. A causa delle celebrazioni dei casapoundisti che avevano puntato su Gorizia per una iniziativa nazionale rivelatasi poi un flop visti i numeri, e vista l'imponente risposta del movimento antifascista del FVG.  Nel corso del tempo il neofascismo e l'estremismo nazionalista, "identitario" ed il razzismo sono dilagati ovunque anche in Friuli Venezia Giulia. Non a livello allarmante, certo, però è innegabile che la situazione sociale e politica favorisce l'affermazione delle peggiori nefandezze delle peggiori "soluzioni" politiche. La banalità del male è questa. Ed anche il FVG non è immune da tutto ciò. Anzi, come la storia ha insegnato è sempre nei luoghi di confine, nelle estremità che si realizzano prima che altrove certi e dati fenomeni "identitari" e razzisti. Il F…