Passa ai contenuti principali

L'Intervento di Sgarbi a Trieste? Difficilmente incrementerà voti per Dipiazza

Il vero punto di svolta per il futuro di Trieste, che fa gola a molti, è l'immensa area del Porto Vecchio, che in questo caso vede sia Cosolini che Dipiazza, che il 19 giugno si confronteranno al ballottaggio, sulla stessa posizione per quanto concerne il recupero di quell'area dove sono previsti investimenti consistenti. A sostegno di Dipiazza in piazza della Borsa a Trieste insieme a Matteo Salvini è intervenuto Vittorio Sgarbi. Sgarbi è da diverso tempo che frequenta Trieste. Nel 2011 ha avuto un ruolo importante nella nota biennale di Trieste presso il Magazzino 26 di Porto Vecchio. Nel 2015 ha illustrato il progetto di recupero di alcuni magazzini portuali ed una foto pubblicata sul Piccolo lo vedeva insieme all'uscente Sindaco del Pd tutti sorridenti.

I sorrisi, se mai sono stari reali, sicuramente nel giorno 11 giugno del 2016 sono venuti meno tra Sgarbi e Cosolini. Sgarbi ne ha dette di tutti i colori contro il Sindaco Cosolini, ma anche ha parlato, in modo del tutto improprio e volgare, di "culattoni" e non solo, riferendosi alla questione del matrimonio tra le coppie omosessuali, che come è noto hanno visto troncato nel testo della così detta Cirinnà, la voce "fedeltà", perché nessuna assimilazione con il matrimonio ordinario doveva essere osata, nel Paese ostaggio dei peggiori valori medioevali in tema di diritti umani. Ma ha addirittura ringraziato la Lega Nord di aver difeso il "friulano" come lingua, e dire ciò a Trieste, per chi conosce Trieste, è una cosa a dir poco singolare e che difficilmente porta voti, viste le rivalità storiche tra triestini e friulani. Per non parlare del fatto che secondo Sgarbi la Lega praticamente avrebbe raccolto il pensiero di Pasolini, trasformando quello che lui considera come dialetto, il friulano, in lingua. 

Molte sono state le reazioni di indignazione nei confronti delle parole espresse da Sgarbi. Certo, gli ultras della destra sicuramente hanno apprezzato quello che lui ha detto, basta vedere ed ascoltare i sorrisi delle persone presenti in piazza della Borsa, che hanno percepito con ilarità, giudizi ed opinioni a dir poco pesanti. Ha parlato più che alla pancia dei triestini, alle ascelle dei triestini, verrebbe da dire, alcuni hanno riso, altri si sono giustamente imbufaliti quando hanno visionato il video del suo intervento. 
Il suo intervento difficilmente sposterà voti a favore di Dipiazza, probabilmente muoverà qualcosa sul fronte avverso, in una campagna elettorale all'ultimo voto dove Cosolini è chiamato ad una rimonta quasi impossibile, in una città che rischia di avere nella lega nord, se vincerà Dipiazza, una forza motrice vitale.  Una cosa è certa,  il futuro di Trieste passa dal Porto Vecchio, tutti gli interessi ruotano lì e su ciò si deve riflettere attentamente e monitorare con attenzione quello che accadrà sino al 19 giugno.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

Fuori: scaricata dal Sindaco Cisint la Fenice e dalla Serracchiani l'ex Sindaco di Monfalcone

Minuto 23 del programma Fuori Roma dedicato al caso Monfalcone : Il Sindaco Cisint- " la lista civica che nemmeno siede in Consiglio comunale, è una polemica sterile”.  Minuto 37: Serracchiani, Presidente Regione FVG braccio destro di Renzi nel PD- " E' stato un grave errore che se l'avessi saputo avrei sconsigliato il Sindaco di fare".
Paradossalmente due nemici politici si son trovati scaricati su due questioni diverse, ma all'interno dello stesso programma televisivo mandato in onda in tutta Italia. Il primo caso riguarda un gruppo Facebook locale, La Fenice, su cui è inutile sprecare commenti, ma il cui contributo per la vittoria del Sindaco della Lega Nord a Monfalcone è stato certamente importante stante anche il fatto che faceva parte dell'alleanza di liste a suo sostegno per non parlare della campagna mediatica fatta attraverso i social.

Ma sin da dopo le elezioni si son registrati passi di allontanamento costanti, a nulla è servita una delega a…