Passa ai contenuti principali

L'Intervento di Sgarbi a Trieste? Difficilmente incrementerà voti per Dipiazza

Il vero punto di svolta per il futuro di Trieste, che fa gola a molti, è l'immensa area del Porto Vecchio, che in questo caso vede sia Cosolini che Dipiazza, che il 19 giugno si confronteranno al ballottaggio, sulla stessa posizione per quanto concerne il recupero di quell'area dove sono previsti investimenti consistenti. A sostegno di Dipiazza in piazza della Borsa a Trieste insieme a Matteo Salvini è intervenuto Vittorio Sgarbi. Sgarbi è da diverso tempo che frequenta Trieste. Nel 2011 ha avuto un ruolo importante nella nota biennale di Trieste presso il Magazzino 26 di Porto Vecchio. Nel 2015 ha illustrato il progetto di recupero di alcuni magazzini portuali ed una foto pubblicata sul Piccolo lo vedeva insieme all'uscente Sindaco del Pd tutti sorridenti.

I sorrisi, se mai sono stari reali, sicuramente nel giorno 11 giugno del 2016 sono venuti meno tra Sgarbi e Cosolini. Sgarbi ne ha dette di tutti i colori contro il Sindaco Cosolini, ma anche ha parlato, in modo del tutto improprio e volgare, di "culattoni" e non solo, riferendosi alla questione del matrimonio tra le coppie omosessuali, che come è noto hanno visto troncato nel testo della così detta Cirinnà, la voce "fedeltà", perché nessuna assimilazione con il matrimonio ordinario doveva essere osata, nel Paese ostaggio dei peggiori valori medioevali in tema di diritti umani. Ma ha addirittura ringraziato la Lega Nord di aver difeso il "friulano" come lingua, e dire ciò a Trieste, per chi conosce Trieste, è una cosa a dir poco singolare e che difficilmente porta voti, viste le rivalità storiche tra triestini e friulani. Per non parlare del fatto che secondo Sgarbi la Lega praticamente avrebbe raccolto il pensiero di Pasolini, trasformando quello che lui considera come dialetto, il friulano, in lingua. 

Molte sono state le reazioni di indignazione nei confronti delle parole espresse da Sgarbi. Certo, gli ultras della destra sicuramente hanno apprezzato quello che lui ha detto, basta vedere ed ascoltare i sorrisi delle persone presenti in piazza della Borsa, che hanno percepito con ilarità, giudizi ed opinioni a dir poco pesanti. Ha parlato più che alla pancia dei triestini, alle ascelle dei triestini, verrebbe da dire, alcuni hanno riso, altri si sono giustamente imbufaliti quando hanno visionato il video del suo intervento. 
Il suo intervento difficilmente sposterà voti a favore di Dipiazza, probabilmente muoverà qualcosa sul fronte avverso, in una campagna elettorale all'ultimo voto dove Cosolini è chiamato ad una rimonta quasi impossibile, in una città che rischia di avere nella lega nord, se vincerà Dipiazza, una forza motrice vitale.  Una cosa è certa,  il futuro di Trieste passa dal Porto Vecchio, tutti gli interessi ruotano lì e su ciò si deve riflettere attentamente e monitorare con attenzione quello che accadrà sino al 19 giugno.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …