Passa ai contenuti principali

A Trieste che fare il 19 giugno?



Queste elezioni amministrative hanno avuto un chiaro peso politico e questo peso politico è stato dato dalla discesa in campo di Renzi, il quale, però, avendo compreso l'aria che tirava dirà che non avrebbero avuto un peso politico. Certo, a convenienza. Ma anche quelle per il Parlamento europeo sarebbero elezioni non dal peso politico interno, ma il PD le ha considerate come un giudizio sul proprio operato, perché, nonostante la mole costante e perdurante dell'astensione, sono state favorevoli. Elezioni che hanno segnato, per quanto riguarda la sinistra e persone di sinistra, delle situazioni importanti ed interessanti. La prima è l'elezione di Andrea Bellavite, a sindaco di Aiello. Battaglia vinta all'ultimo voto, un paese diviso, ma Andrea è sempre riuscito nel corso della sua vita a fare comunità e certamente riuscirà anche ad Aiello. Il voler essere comunità, comunità dal basso, ha dato i suoi frutti positivi anche a Napoli, con Luigi de Magistris, modello certamente da seguire per la sinistra degna di tal nome. Perché non si parla alla pancia della gente, ma alla testa, perché si è della parte dell'integrazione, della solidarietà, della democrazia partecipata. Ma in questo contesto si devono fare i conti anche con la storia che muta, con il populismo, il qualunquismo che pare essere vincente, ma mai potrà essere vincente, perché porterà solo chiusure e muri, che soprattutto nelle città di confine, non devono sorgere. A Trieste alle ore 15.37 del 6 giugno 2016 la lista Sinistra Unita, che ha proposto il simbolo della falce e martello, si è fermata ad un totale di 1343 voti per una percentuale pari a 1,79% e si chiude, per ora, un pezzo di storia. La falce e martello, esce dal consiglio comunale di Trieste. Ciò è un mero impoverimento culturale, sociale e politico ed anche storico per la città di Trieste in un sistema sociale che punisce le forze politiche e sociali minori. Una pesante sconfitta che va riconosciuta, punto. Una catastrofe, ma, appunto, catastrofe significa rinascita, ripartenza ed a parer mio, come già scritto, è sul modello di Napoli. Risultato inatteso, anche se temuto, purtroppo i segnali giunti da Bolzano lasciavano temere il peggio, e così è stato, in una città che è svoltata radicalmente a destra e che rischia di consegnare il suo governo a forze politiche sostenute dalla lega nord. Certo, al momento l'alternativa a Trieste è il PD, ma che fare? Consegnare le chiavi della città alla destra che avrà nella lega nord il suo braccio vitale? Sostenere il PD renziano a Trieste? Continuare ad astenersi come hanno fatto 86.254 cittadini? Prevarrà la canonica scelta del solito male minore? Il PD ha pagato errori sociali, politici e storici di un certo tipo.  E  si auspica che faccia autocritica pubblica, almeno. Mi soffermo su quelli storici, visto che mi occupo anche di storia. Riconosco al Sindaco Cosolini di aver fatto delle cose positive. Penso alla intitolazione ad Ondina Peteani di uno spazio pubblico, battaglia che nel mio piccolo ho sostenuto con il figlio Gianni. Penso al fatto che la sua amministrazione non ha dato seguito alla scellerata mozione del quartetto antijugoslavo sulla questione della bandiera simbolo della resistenza Jugoslava e liberazione di Trieste dall'occupante nazifascista nel corteo del primo maggio. Ma questa amministrazione comunale ha sostenuto e voluto la targa sul 12 giugno, questo Sindaco non risulta che abbia preso posizione quando per l'ennesima volta a Basovizza, alla cerimonia ufficiale, erano presenti le bandiere di Salò, dell'Arma milizia, della Decima Mas e di altre formazioni collaborazioniste. E queste cose si pagano, almeno da sinistra.
Il Sindaco uscente prenderà posizione contro quelle bandiere alla foiba di Basovizza? La sinistra governativa ha smesso di essere tale, ha rincorso la destra pur di governare, ed errando, perché ha tradito il proprio cuore ed il cuore non perdona e non ha perdonato in una Europa che non è in grado di difendere le sue fondamenta e che cede ai muri, che lascia crepare i migranti nel mare e che ha ucciso sul nascere ogni sogno europeo e che non è riuscita a fermare quel populismo e qualunquismo razzista e nazionalista dilagante ora anche nelle nostre città. Europa che paga la Turchia per non turbare la sensibilità di noi europei, anche se alla fine siamo tutto tranne che europei, perché non esiste una cultura europea, non esiste l'essere europeo. Hanno fatto l'Europa senza fare gli europei, un po come accaduto all'inizio con l'Italia. Quanto accaduto a Trieste è il quadro che ben raffigura lo stato delle cose in Italia. Ma rimane l'interrogativo, che fare il 19 giugno a Trieste? Questo è il dubbio amletico che governerà tanti triestini in tale contorto periodo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…