Passa ai contenuti principali

Se la Governatrice/Presidente del FVG scende in campo per sostenere il MOSTRO



Quando il Sindaco di Ronchi prese una posizione netta e chiara di contrarietà al processo della fusione di Ronchi con Monfalcone si verificò un vero e proprio putiferio. Ora che a scendere attivamente in campo è addirittura la Governatrice o Presidente del FVG pare essere tutto lecito e normale. Ogni stato di neutralità è venuto meno. Ma ciò non mi stupisce. D'altronde il sistema scellerato delle UTI è funzionale alle fusioni e le fusioni sono funzionali alle UTI ma non solo. Con l'abrogazione, finalmente, delle Province, si propone, purtroppo, la possibilità di realizzare le città metropolitane. E come già avevo denunciato recentemente il destino del monfalconese pare essere quello di finire presto o tardi sotto Trieste. Una sorta di ritorno a casa, penseranno molti, dopo gli effetti del Trattato di Pace del 1947. Per Gorizia, se riuscirà la fusione con la creazione del Comune di Monfalcone Ronchi Staranzano, noto come MOSTRO, sarà il colpo di grazia a causa di quella perdurante decadenza che ad oggi pare essere indomabile. Perché tutto si sposterà su Monfalcone per poi finire sotto Trieste. E Gorizia, che intanto si gode il primato della UTI dell'Alto Isontino, il suo piccolo feudo, se già oggi conta meno di niente, non conterà, domani, assolutamente nulla con tutte le conseguenze che ne deriveranno. E' in corso una riorganizzazione del territorio enorme che condizionerà non solo i processi governativi che verranno ma anche la spartizione del potere che, ad oggi, visto il vento che soffia e come soffia, corre verso il renzismo ed il decisionismo. Insomma se il combinato disposto dell'Italicum con la riforma della Costituzione apre le porte al decisionismo pieno e puro, ergo autoritarismo del terzo millennio, il combinato disposto della fusione di Monfalcone, Ronchi e Staranzano aprirà un varco enorme per la consegna di questo territorio a Trieste, e la decapitazione di Gorizia. Qualcuno dall'alto ha deciso che l'Isontino deve sparire dalla geografia politica, spartito tra Trieste ed il Friuli. Ciò potrà essere legittimo, ci mancherebbe, ma avessero almeno il coraggio di ammettere le cose come sono e come dovranno essere. Invece qui si procede, passo dopo passo, a realizzare un disegno che pare essere per quanto lampante, in verità nascosto. Ma la discesa in campo della Governatrice del FVG determina un peso diverso al voto del 19 giugno. Non sarà solo un voto per la fusione, ma anche politico che avrà certamente delle ricadute all'interno del PD e forse anche nel Governo della Regione. E purtroppo il fatto che questa consultazione sia stata in parte trasformata in una lunga e costante notte dei lunghi coltelli all'interno del PD spingerà la gente ad astenersi rendendo incerto l'esito del voto. Anche perché non vi è il quorum per la validità. Certo, il no ad oggi pare essere maggioritario a Ronchi, ma delle sorprese, amare, non sono da escludere, perché i fusionisti hanno schierato in campo i più potenti mezzi e Ronchi, terra ove è nata la resistenza, dovrà dare ancora una volta prova di saper e voler resistere nei confronti di questa fusione priva di progettualità ma che mira complessivamente a depotenziare l'Isontino e favorire chi vorrà la città metropolitana in una regione, come quella nostra, che è sempre stata caratterizzata da tanti e piccoli Comuni, ma questi tanti e piccoli Comuni sono un sassolino nella scarpa da gettare via nell'epoca del decisionismo.

Commenti

Post popolari in questo blog

I 220 passi della vergogna d'Italia, la galleria Bombi di Gorizia,non verranno dimenticati

Prima di svoltare l'angolo ed addentrarti nella magnifica cornice che è quella di Piazza Vittoria, leggi una targa che riporta una frase in ricordo della visita di Giovanni Paolo II "Gorizia, situata all’incrocio di correnti di pensiero, di attività e di molteplici iniziative, sembra rivestire una singolare missione, quella di essere la porta d’Italia che pone comunicazione il mondo latino con quello slavo: porta aperta sull’Est europeo e sull’Europa centrale”.
Sembra rivestire.  Appunto. Sembra.
Alle tue spalle la Prefettura, e poi segui quelle persone con la felpa ed il cappuccio entrare dentro la galleria Bombi che dovrebbe unire Gorizia, ma non è così. Però prima di entrare dentro quel luogo buio, umido, una seconda targa coglie la tua attenzione.
Si legge che " stelle è un progetto di raccolta di segni, presenze e storie per comprendere e raccontare la condizione della moltitudine di persone in viaggio lungo la Balkan Route". Segni e presenze che nella g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…