Passa ai contenuti principali

Se la Governatrice/Presidente del FVG scende in campo per sostenere il MOSTRO



Quando il Sindaco di Ronchi prese una posizione netta e chiara di contrarietà al processo della fusione di Ronchi con Monfalcone si verificò un vero e proprio putiferio. Ora che a scendere attivamente in campo è addirittura la Governatrice o Presidente del FVG pare essere tutto lecito e normale. Ogni stato di neutralità è venuto meno. Ma ciò non mi stupisce. D'altronde il sistema scellerato delle UTI è funzionale alle fusioni e le fusioni sono funzionali alle UTI ma non solo. Con l'abrogazione, finalmente, delle Province, si propone, purtroppo, la possibilità di realizzare le città metropolitane. E come già avevo denunciato recentemente il destino del monfalconese pare essere quello di finire presto o tardi sotto Trieste. Una sorta di ritorno a casa, penseranno molti, dopo gli effetti del Trattato di Pace del 1947. Per Gorizia, se riuscirà la fusione con la creazione del Comune di Monfalcone Ronchi Staranzano, noto come MOSTRO, sarà il colpo di grazia a causa di quella perdurante decadenza che ad oggi pare essere indomabile. Perché tutto si sposterà su Monfalcone per poi finire sotto Trieste. E Gorizia, che intanto si gode il primato della UTI dell'Alto Isontino, il suo piccolo feudo, se già oggi conta meno di niente, non conterà, domani, assolutamente nulla con tutte le conseguenze che ne deriveranno. E' in corso una riorganizzazione del territorio enorme che condizionerà non solo i processi governativi che verranno ma anche la spartizione del potere che, ad oggi, visto il vento che soffia e come soffia, corre verso il renzismo ed il decisionismo. Insomma se il combinato disposto dell'Italicum con la riforma della Costituzione apre le porte al decisionismo pieno e puro, ergo autoritarismo del terzo millennio, il combinato disposto della fusione di Monfalcone, Ronchi e Staranzano aprirà un varco enorme per la consegna di questo territorio a Trieste, e la decapitazione di Gorizia. Qualcuno dall'alto ha deciso che l'Isontino deve sparire dalla geografia politica, spartito tra Trieste ed il Friuli. Ciò potrà essere legittimo, ci mancherebbe, ma avessero almeno il coraggio di ammettere le cose come sono e come dovranno essere. Invece qui si procede, passo dopo passo, a realizzare un disegno che pare essere per quanto lampante, in verità nascosto. Ma la discesa in campo della Governatrice del FVG determina un peso diverso al voto del 19 giugno. Non sarà solo un voto per la fusione, ma anche politico che avrà certamente delle ricadute all'interno del PD e forse anche nel Governo della Regione. E purtroppo il fatto che questa consultazione sia stata in parte trasformata in una lunga e costante notte dei lunghi coltelli all'interno del PD spingerà la gente ad astenersi rendendo incerto l'esito del voto. Anche perché non vi è il quorum per la validità. Certo, il no ad oggi pare essere maggioritario a Ronchi, ma delle sorprese, amare, non sono da escludere, perché i fusionisti hanno schierato in campo i più potenti mezzi e Ronchi, terra ove è nata la resistenza, dovrà dare ancora una volta prova di saper e voler resistere nei confronti di questa fusione priva di progettualità ma che mira complessivamente a depotenziare l'Isontino e favorire chi vorrà la città metropolitana in una regione, come quella nostra, che è sempre stata caratterizzata da tanti e piccoli Comuni, ma questi tanti e piccoli Comuni sono un sassolino nella scarpa da gettare via nell'epoca del decisionismo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Scuola e nuove Indicazioni Nazionali,sì alla storia del '900 ma si parla di "ricordo della liberazione" e "momento di concordia nazionale"

Come si è sempre detto nelle nostre scuole si sa tutto della storia dell'uomo primitivo, della donna primitiva, tutto della storia romana, qualcosa sull'Italia risorgimentale, meno che niente di tutta la storia del '900, in un Paese che ha un forte ritardo d'istruzione rispetto ai Paesi più sviluppati e che corre nella direzione della scuola delle competenze in chiave europea abbandonando quello spirito critico ed umanistico che ne ha sempre segnato la forza e la differenza. Vanno in questa direzione, per diversi aspetti, le nuove indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione, formalizzate con D.M. n. 254 del 13 novembre 2012. Se da un lato si riconosce valenza alla lingua italiana e valorizzazione agli atri idiomi diffusi in Italia, si persevera in modo pesante sulla via delle competenze in chiave europea per la realizzazione di quel modello di certificazione nazionale delle competenze che ha favorito processi che v…