Passa ai contenuti principali

Hey Watson, abbiamo un problema a Monfalcone.Quale? Il velo...

Hey Watson, abbiamo un problema a Monfalcone. Quale? Il problema non è il fatto che questa città nel corso della sua recente storia non sia riuscita ad acquisire una vera e propria indipendenza ed autonomia dai Cantieri Navali. D'altronde è la città dei cantieri, in tutti i sensi. Il problema non sono le rivalità che sussistono tra lavoratori e le condizioni sempre più precarie dei diritti. Il problema non è l'amianto, il problema non è l'aver chiuso tutti gli occhi accettando l'esternalizzazione nella cantieristica, con tutte le conseguenze che ne sono derivate o l'aver volutamente e convintamente guardato ad una manovalanza specifica per ragioni ben note. Il problema non è la centrale a carbone. Il problema non è il sistema delle UTI che massacra l'autonomia dei Comuni. Il problema non è la mancanza di lavoro od il rilancio della città. Il problema non sono le mafie con le loro articolazioni ben presenti nel monfalconese da diverso tempo che continuano a fare quello che vogliono come vogliono senza che la gente comune percepisca l'esistenza di questo fenomeno disastroso. No. Il problema, è il velo. Esistono diversi tipi di velo come il burqa, il niqab, il chador, l'al Amira l'hijab. Che a Monfalcone verrà indossato da migliaia di persone? No. Qualche decina? Forse anche meno. Ed esistono delle Leggi chiare in materia che ne regolamentano l'uso, con decine di Sentenze che tutelano la libertà di culto. Il Consiglio di Stato con la sentenza 3076 del 19 giugno 2008 affermava che “Il nostro ordinamento consente che una persona indossi il velo per motivi religiosi o culturali; le esigenze di pubblica sicurezza sono soddisfatte dal divieto di utilizzo in occasione di manifestazioni e dall'obbligo per tali persone di sottoporsi all’identificazione e alla rimozione del velo, ove necessario”.Hey Watson, sarà che si avvicina la campagna elettorale e la politica della pancia prevale? Infatti, ma la politica della pancia è destinata ad andare dove è naturalmente destinato a finire tutto ciò che viene o non viene prima o poi digerito. La politica della ragione, quella che parla alla testa delle persone, è cosa rara, una perla, ma esiste ed alla fine sarà questa a prevalere, piaccia o non piaccia.  Il velo non mi piace, e nessuna religione mi piace. Se devo parlare proprio di senso di fastidio e preoccupazione, dovrei parlare della continua ingerenza nella cosa pubblica della nostra secolare Chiesa. Questo sì che è un problemino, altro che velo. Ma oggi, nel nome della sicurezza, si vuole restringere ogni libertà, si vuole l'omologazione della cultura, perché quella occidentale si reputa superiore rispetto alle altre. Ed il reputarsi superiore sappiamo bene a cosa ha portato nella storia del novecento. Chi siamo noi per giudicare se per quella donna è giusto o non è giusto indossare il velo? Giudichiamo con i nostri parametri? E chi ha deciso che sono quelli giusti? Certo, il problema sussiste quando dalla scelta si passa all'obbligo e la donna non è nelle condizioni di dire no. E dunque cosa dobbiamo fare? Vietarlo a prescindere? Nel Paese che non riesce a rimuovere i crocefissi dalle aule pubbliche? Che come è noto è un simbolo laico, no? 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…