Passa ai contenuti principali

Hey Watson, abbiamo un problema a Monfalcone.Quale? Il velo...

Hey Watson, abbiamo un problema a Monfalcone. Quale? Il problema non è il fatto che questa città nel corso della sua recente storia non sia riuscita ad acquisire una vera e propria indipendenza ed autonomia dai Cantieri Navali. D'altronde è la città dei cantieri, in tutti i sensi. Il problema non sono le rivalità che sussistono tra lavoratori e le condizioni sempre più precarie dei diritti. Il problema non è l'amianto, il problema non è l'aver chiuso tutti gli occhi accettando l'esternalizzazione nella cantieristica, con tutte le conseguenze che ne sono derivate o l'aver volutamente e convintamente guardato ad una manovalanza specifica per ragioni ben note. Il problema non è la centrale a carbone. Il problema non è il sistema delle UTI che massacra l'autonomia dei Comuni. Il problema non è la mancanza di lavoro od il rilancio della città. Il problema non sono le mafie con le loro articolazioni ben presenti nel monfalconese da diverso tempo che continuano a fare quello che vogliono come vogliono senza che la gente comune percepisca l'esistenza di questo fenomeno disastroso. No. Il problema, è il velo. Esistono diversi tipi di velo come il burqa, il niqab, il chador, l'al Amira l'hijab. Che a Monfalcone verrà indossato da migliaia di persone? No. Qualche decina? Forse anche meno. Ed esistono delle Leggi chiare in materia che ne regolamentano l'uso, con decine di Sentenze che tutelano la libertà di culto. Il Consiglio di Stato con la sentenza 3076 del 19 giugno 2008 affermava che “Il nostro ordinamento consente che una persona indossi il velo per motivi religiosi o culturali; le esigenze di pubblica sicurezza sono soddisfatte dal divieto di utilizzo in occasione di manifestazioni e dall'obbligo per tali persone di sottoporsi all’identificazione e alla rimozione del velo, ove necessario”.Hey Watson, sarà che si avvicina la campagna elettorale e la politica della pancia prevale? Infatti, ma la politica della pancia è destinata ad andare dove è naturalmente destinato a finire tutto ciò che viene o non viene prima o poi digerito. La politica della ragione, quella che parla alla testa delle persone, è cosa rara, una perla, ma esiste ed alla fine sarà questa a prevalere, piaccia o non piaccia.  Il velo non mi piace, e nessuna religione mi piace. Se devo parlare proprio di senso di fastidio e preoccupazione, dovrei parlare della continua ingerenza nella cosa pubblica della nostra secolare Chiesa. Questo sì che è un problemino, altro che velo. Ma oggi, nel nome della sicurezza, si vuole restringere ogni libertà, si vuole l'omologazione della cultura, perché quella occidentale si reputa superiore rispetto alle altre. Ed il reputarsi superiore sappiamo bene a cosa ha portato nella storia del novecento. Chi siamo noi per giudicare se per quella donna è giusto o non è giusto indossare il velo? Giudichiamo con i nostri parametri? E chi ha deciso che sono quelli giusti? Certo, il problema sussiste quando dalla scelta si passa all'obbligo e la donna non è nelle condizioni di dire no. E dunque cosa dobbiamo fare? Vietarlo a prescindere? Nel Paese che non riesce a rimuovere i crocefissi dalle aule pubbliche? Che come è noto è un simbolo laico, no? 

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Il Confine una fiction da no comment e quella mescolanza tra Udine e Trieste e Gorizia

Fiction significa finzione, nella cinematografia e in televisione, come evidenzia la Treccani, è il genere di film a soggetto, che si contrappone per es. a quello dei documentarî e, negli sceneggiati televisivi, quello che si basa su intrecci romanzati.

Eppure la fiction il Confine che avrebbe avuto una media di poco superiore a 3 milioni di spettatori ambientata soprattutto in FVG sembrava, per i colori, per la regia, per i dialoghi, le musiche e l'ambientazione complessiva una fiction pseudo documentaria alla Piero o Alberto Angela che altro.

Ma non era questo l'intento. Una storia profondamente banale, dal finale scontato e altrettanto banale, che non è riuscita a trasmettere la complessità della guerra, l'atrocità della stessa,  la sensazione che si è avuta è che l'approccio sia stato più da soap opera spagnola, ma che per una parte del pubblico pare essere stata apprezzata. Forse è meglio un no comment. D'altronde la qualità della nostra televisione non par…

Cent'anni d'Italia in FVG non fanno rima con bellezza

E sono cento. Ancora un niente rispetto all'esperienza asburgica e via scivolando in quel passato che ha connotato questa fetta d'Europa. Cent'anni d'Italia son bastati per stravolgere la fisionomia di questo territorio, stravolgere le identità culturali, linguistiche. Con l'avvento dell'Italia qui si ricorda più ciò che è stato distrutto, compromesso che ciò che è stato costruito, edificato, in segno propositivo. Andando a guardare le questione delle opere, la bellezza dei luoghi che vogliono Trieste come la piccola Vienna d'Italia, Gorizia come la Nizza d'Austria e Udine in armonia con l'eleganza di un tempo che non esiste più, in quella nostalgia diventata poesia ma anche pericolosa illusione è dovuta esclusivamente a quel passato che con l'avvento del Regno d'Italia è stato effettivamente annientato. Se pensi all'Italia a quali opere pensi? Al faro della Vittoria? Alla scalinata di cemento che ha conquistato il Carso di Redipuglia, …