Passa ai contenuti principali

E' normale che la Provincia di Gorizia ha speso più di 6mila euro per la presenza di Luca Mercalli?



La Provincia di Gorizia con la determinazione 574 del 2016 ha deliberato: " Considerato di contattare il climatologo Luca Mercalli, che interverrà sia nella mattinata a e’Storia sia nel pomeriggio alla vigilia della “Fiesta della Viarte ”a Cormons, per affrontare il tema dell’agricoltura in rapporto ai cambiamenti climatici, evento rivolto a tutta la cittadinanza, alle aziende vitivinicole, alle associazioni di categoria, ai liberi professionisti; Rilevato che la prestazione è da ritenersi legata alle specificità e professionalità intellettuali del relatore, connesse al particolare curriculum vitae dello stesso; Atteso che per le spese vive e per la partecipazione di Luca Mercalli agli eventi di sensibilizzazione sui cambiamenti climatici ed ambientali in programma sabato 21 maggio a Gorizia e a Cormons si occupa la “società Metereologica Subalpina”, via Real Collegio 30 – 10024 Moncallieri (To); Considerato che, per motivi organizzativi legati alla notevole affluenza di persone durante la rassegna e’Storia, si è provveduto a prenotare e pagare l’alloggio del relatore direttamente con la società “EasyNite SrL” via Sacchi 22 – 101280 Torino ( nostro prot.n. 14053 dd. 13.05.2016), aggiudicataria del servizio di titoli di viaggio, alberghi e trasferte, giuste determinazioni n. 1464 dd.26.03.2013 e n. 1680 dd.16.07.2013; (...) Ravvisata l’opportunità di avvalersi della presenza di Luca Mercalli per promuovere le eccellenze ambientali, agricole, culinarie, paesaggistiche che caratterizzano la nostra Provincia, comprese la infrastrutture ecosostenibili come le piste ciclabili, è stato organizzato un tour per far conoscere le suddette eccellenze al climatologo, al fine di incentivare e promuovere il turismo sostenibile della nostra terra e fornire ulteriori elementi di dibattito per la conferenza pomeridiana;  Visto che il relatore Luca Mercalli pernotterà a Gorizia il 20 e 21 maggio, presso il B&B Baiamonti di Gorizia; Visti: il preventivo di spesa della società “EasyNite SrL” via Sacchi 22 – 101280 Torino – P.IVA 06370090018 (nostro prot.n. 14053 dd. 13.05.2016), per il prenottamento del 20 e 21 maggio 2016 presso il B&B Baiamonti di Gorizia, per un importo complessivo di € 71,10 (settantuno,10); il preventivo di spesa della “SOCIETÀ METEOROLOGICA SUBALPINA” via Real Collegio 30 – 10024 Moncalieri – TO CFP. IVA: 06535660010 (nostro prot.n. 14094 dd.13.05.2016), per la partecipazione di Luca Mercalli agli eventi di sensibilizzazione sui cambiamenti climatici ed ambientali del 21 maggio 2016 a Gorizia e Cormons, per un importo complessivo di euro 6.527,00 (seimilaciquecentoventisette/00) il preventivo di spesa Enoteca di Cormons, Soc. Agricola P.zza XXIV Maggio 21 34071 Cormons – P.IVA n. 00361420318 (nostro prot.n. 13624 dd. 09.05.2016), per il rinfresco dd. 21.05.2016 per un importo complessivo di € 198,00 (centonovantotto/00); visto il preventivo di spesa dell’ “Associazione Autoktona”, Via Rismondo 2 34170 Gorizia, P. IVA 01158700318 per il servizio di assistenza e logistica relativo al "tour" del dott. Mercalli, per un importo complessivo di € 1.098,00 (millenovantotto/00)"ha impegnato le spese ivi citate. Ora, per quanto possa stimare Luca Mercalli, non so quanto in realtà sia stato utile il suo tour per promuovere almeno a livello nazionale il nostro territorio. Che dire? Ognuno tragga le sue conclusioni.


Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …