Passa ai contenuti principali

Questione container MSF a Gorizia. Intervenga la Regione con lo stato di emergenza

Ha ragione la Prefettura di Gorizia quando dice, in merito alla incresciosa questione che si trova a vivere Medici Senza Frontiere, che situazioni emergenziali vanno gestite con metodi emergenziali. Perché qui di emergenza perdurante trattasi. Purtroppo il burocratese prevale a Gorizia e quando si cade nel burocratese si rischia di finire nelle trappole di quella legislazione che alla fine dei conti favorisce sempre il sistema che vuole raggiungere uno scopo, ed a Gorizia questo scopo, pare essere per alcuni quello di voler fuori MSF dalla città. 
Nonostante, insieme al mondo del volontariato locale, abbia praticamente risolto il “problema” richiedenti asilo fuori convenzione alla città, ed a costo praticamente zero per la collettività.
In FVG la questione dei richiedenti asilo “fuori convenzione” è stata in linea di massima una gestione fallimentare. Altrimenti non ci sarebbe ancora oggi il caso di Gorizia, della stazione di Udine, non ci sarebbe stato il caso dell'ex Silos di Trieste o dei giardini di Pordenone. Così come fallimentare è stata l'accoglienza diffusa. Diciamolo pure, i richiedenti asilo, siano essi amministratori di destra, che di sinistra, salvo qualche rara e dovuta eccezione, sul proprio territorio non li vogliono. Per una questione politico elettorale soprattutto. Nulla è stato fatto, ribadendo l'esistenza di minime eccezioni, per venire incontro a queste situazioni, spesso celandosi dietro il velo del burocratese, appunto, o dei numeri prestabiliti con criteri opinabili. Il fatto che MSF sia costretta a seguire la pratica ordinaria per la concessione edilizia, significa non solo umiliare MSF ma anche rischiare in caso di non accoglimento della pratica, lo sfratto, con la conseguenza di allontanare i richiedenti asilo fuori convenzione inseriti nel tessuto di Gorizia, fuori Gorizia se non fuori regione. Se è vero, come affermato da parte della Giurisprudenza, che non possono essere considerati manufatti destinati a soddisfare esigenze meramente temporanee quelli destinati a un’utilizzazione perdurante nel tempo, di talché l’alterazione del territorio non può essere considerata temporanea, precaria o irrilevante (in tal senso: Cons. Stato, VI, 3 giugno 2014, n. 2842) stante la mancanza di idonee strutture di prima accoglienza in uno spirito di viva e leale collaborazione con lo Stato e sue articolazioni territoriali è necessario l'intervento della politica e della Regione. Rispolverando quel famigerato decreto sullo “stato di emergenza” in materia di richiedenti asilo del FVG, sparito dalla circolazione. Come era stato ricordato all'atto della presentazione di quel decreto del luglio 2015, “Lo stato di emergenza è giustificato dalla difficoltà, vista l'assenza di idonee strutture, di poter attuare in modo adeguato i controlli sanitari e l'identificazione dei richiedenti asilo privi di collocazione. La Protezione civile regionale potrà così attuare quegli interventi strettamente necessari per garantire le condizioni minime di temporanea accoglienza. Le strutture da destinare a questo scopo saranno poi gestite dalle prefetture”. Dunque nulla osta una rimodulazione di tale decreto, che possa favorire una sinergia tra MSF, Protezione Civile, e Prefettura ed Enti Locali, affrontando con strumenti emergenziali, situazioni emergenziali, pur perduranti nel tempo. E' solo una questione di banale volontà politica, di buon senso, di rispetto per i diritti umani e della nostra Costituzione, nulla di più, nulla di meno. 
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

Quel razzismo verso gli slavi mai sparito, saranno le nuove generazioni a demolirlo

Agli italiani piace andare in Croazia a farsi le vacanze. E non è difficile sentir dire questo una volta era "nostro" pensando magari a Lussino, a Pola, a Fiume. O attraversando la costa slovena. Era nostro. Un nostro che si è rivelato un mostro, un mostro che ha partorito e determinato violenze inaudite, impunite. Crimini come quelli compiuti dai nazisti che hanno avuto in diversi casi giusti processi, in Italia mai considerati come crimini, ma presunti, e mai processati. Anzi, sono stati riabilitati i "presunti criminali". In Italia si è verificata l'epurazione al contrario. Sono stati i partigiani ad essere stati espulsi ad esempio dalle forze di polizia, ad essere processati ed incarcerati non i fascisti, almeno quelli che contavano che hanno continuato ad occupare posti chiave nell'Italia repubblicana il cui unisco scopo era colpire il comunismo e per colpire il comunismo il passato divenne un frullato indigesto gettato nel cesso dell'ingiustizia.…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …