Passa ai contenuti principali

Questione container MSF a Gorizia. Intervenga la Regione con lo stato di emergenza

Ha ragione la Prefettura di Gorizia quando dice, in merito alla incresciosa questione che si trova a vivere Medici Senza Frontiere, che situazioni emergenziali vanno gestite con metodi emergenziali. Perché qui di emergenza perdurante trattasi. Purtroppo il burocratese prevale a Gorizia e quando si cade nel burocratese si rischia di finire nelle trappole di quella legislazione che alla fine dei conti favorisce sempre il sistema che vuole raggiungere uno scopo, ed a Gorizia questo scopo, pare essere per alcuni quello di voler fuori MSF dalla città. 
Nonostante, insieme al mondo del volontariato locale, abbia praticamente risolto il “problema” richiedenti asilo fuori convenzione alla città, ed a costo praticamente zero per la collettività.
In FVG la questione dei richiedenti asilo “fuori convenzione” è stata in linea di massima una gestione fallimentare. Altrimenti non ci sarebbe ancora oggi il caso di Gorizia, della stazione di Udine, non ci sarebbe stato il caso dell'ex Silos di Trieste o dei giardini di Pordenone. Così come fallimentare è stata l'accoglienza diffusa. Diciamolo pure, i richiedenti asilo, siano essi amministratori di destra, che di sinistra, salvo qualche rara e dovuta eccezione, sul proprio territorio non li vogliono. Per una questione politico elettorale soprattutto. Nulla è stato fatto, ribadendo l'esistenza di minime eccezioni, per venire incontro a queste situazioni, spesso celandosi dietro il velo del burocratese, appunto, o dei numeri prestabiliti con criteri opinabili. Il fatto che MSF sia costretta a seguire la pratica ordinaria per la concessione edilizia, significa non solo umiliare MSF ma anche rischiare in caso di non accoglimento della pratica, lo sfratto, con la conseguenza di allontanare i richiedenti asilo fuori convenzione inseriti nel tessuto di Gorizia, fuori Gorizia se non fuori regione. Se è vero, come affermato da parte della Giurisprudenza, che non possono essere considerati manufatti destinati a soddisfare esigenze meramente temporanee quelli destinati a un’utilizzazione perdurante nel tempo, di talché l’alterazione del territorio non può essere considerata temporanea, precaria o irrilevante (in tal senso: Cons. Stato, VI, 3 giugno 2014, n. 2842) stante la mancanza di idonee strutture di prima accoglienza in uno spirito di viva e leale collaborazione con lo Stato e sue articolazioni territoriali è necessario l'intervento della politica e della Regione. Rispolverando quel famigerato decreto sullo “stato di emergenza” in materia di richiedenti asilo del FVG, sparito dalla circolazione. Come era stato ricordato all'atto della presentazione di quel decreto del luglio 2015, “Lo stato di emergenza è giustificato dalla difficoltà, vista l'assenza di idonee strutture, di poter attuare in modo adeguato i controlli sanitari e l'identificazione dei richiedenti asilo privi di collocazione. La Protezione civile regionale potrà così attuare quegli interventi strettamente necessari per garantire le condizioni minime di temporanea accoglienza. Le strutture da destinare a questo scopo saranno poi gestite dalle prefetture”. Dunque nulla osta una rimodulazione di tale decreto, che possa favorire una sinergia tra MSF, Protezione Civile, e Prefettura ed Enti Locali, affrontando con strumenti emergenziali, situazioni emergenziali, pur perduranti nel tempo. E' solo una questione di banale volontà politica, di buon senso, di rispetto per i diritti umani e della nostra Costituzione, nulla di più, nulla di meno. 
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …