Passa ai contenuti principali

Fusione dei Comuni, attenzione alla riorganizzazione delle scuole

Il 19 giugno si svolgeranno dalle ore 8 alle ore 20 le votazioni per il referendum per la fusione di Ronchi e Staranzano, con Monfalcone e non è previsto quorum per la validità della consultazione. Dunque è fondamentale recarsi al voto e votare, a parer mio, no a questo tipo di fusione che non porterà alcun tipo di beneficio, né dal punto di vista democratico, né dal punto di vista dei servizi, a Ronchi e Staranzano. Tra le problematiche che andranno appurate vi è quella delle scuole. E' più che evidente che un simile processo di fusione rischia di comportare una riorganizzazione del sistema scolastico che ora è suddiviso tra i tre Comuni. Con tutte le conseguenze che ne possono derivare. In base al controverso piano del dimensionamento scolastico sussistente in FVG entro l’anno scolastico 2017 -2018 tutte le autonomie scolastiche di ogni ordine e grado dovranno essere strutturate con un numero di alunni non inferiore a 600 unità, anche al fine dell’assegnazione del DS e del DSGA, tenendo conto del trend demografico degli ultimi anni e delle iscrizioni nel triennio precedente. Per le istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado comprese nei territori montani, nelle piccole isole e nelle aree geografiche caratterizzate da specificità linguistiche (friulano, sloveno e tedesco), il sopraccitato limite di cui al punto sopra viene ridotto a 400 studenti. Guardando a Ronchi, come è noto, vi sono due scuole dell'infanzia, due primarie, una secondaria di primo grado per un totale di cinque plessi per un totale di poco più di 600 studenti. Ed in più vi è la scuola slovena primaria e quella dell'infanzia che appartiene all'I.C di Doberdò. Nel caso della riuscita fusione è difficile immaginare, in tal senso, un cambiamento nell'immediatezza, anche perché come è ovvio che sia, dovrà farsi notare prima di ogni cosa la politica della carota, con quella manciata di danaro pubblico che arriverà e che sarà principalmente indirizzata a soddisfare le esigenze delle nuova macchina burocratica organizzativa che ne deriverà. Ma finito il tempo delle carote arriverà quello del bastone. Altrimenti non avrebbe alcun senso la fusione, e la fantomatica razionalizzazione, dietro le quali altro non si celano che tagli mascherati dalla riorganizzazione dei servizi pubblici e sociali e non solo. Con la fusione dei comuni, non è difficile immaginare una riorganizzazione delle rete scolastica del nuovo Comune e non si può escludere l'unificazione tra alcuni Istituti scolastici, con la perdita dell'autonomia, con lo stravolgimento delle graduatorie interne d'istituto, con il rischio che qualche docente, ad esempio, possa all'improvviso trovarsi come perdente posto e finire nell'incubo delle nuove regole della "cattiva" scuola renziana. Perdita di autonomia, significa non solo perdere la Dirigenza Scolastica,ma anche favorire uno stravolgimento della programmazione in chiave dell'offerta formativa con la lesione di tutte quelle specificità e peculiarità che nel tempo hanno interessato le scuole del nostro Comune. Dunque, per la nostra scuola bene Comune, anche per queste ragioni, i Cobas Scuola della provincia di Gorizia, invitano a partecipare alla consultazione del 19 giugno e votare No, no alla fusione dei Comuni di Ronchi e Staranzano con Monfalcone.

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

L'Italia entro il 2065 rischia di perdere quasi 20 milioni di abitanti, con anche spopolamento enorme nel Sud

Siamo un piccolo Paese, che ha raggiunto la soglia di 60 milioni di abitanti e che probabilmente non solo non supererà mai più ma che rischia di vedere con il binocolo per i prossimi decenni. Certamente viviamo in una società di 7 e passa miliardi di persone, siamo troppi, ma chi pagherà più di altri lo spopolamento saranno i Paesi poveri e tra questi vi è ovviamente anche l'Italia. Se il Sud rischia di vivere uno spopolamento pazzesco, nell'Europa, l'Italia è come il suo sud, vivrà uno spopolamento importante. Cosa comunica l'ISTAT? 
"La popolazione residente attesa per l'Italia è stimata pari, secondo lo scenario mediano, a 58,6 milioni nel 2045 e a 53,7 milioni nel 2065. La perdita rispetto al 2016 (60,7 milioni) sarebbe di 2,1 milioni di residenti nel 2045 e di 7 milioni nel 2065. Tenendo conto della variabilità associata agli eventi demografici, la stima della popolazione al 2065 oscilla da un minimo di 46,1 milioni a un massimo di 61,5. La probabilità d…