Passa ai contenuti principali

La notina della non foiba di Rosazzo: E' del SIM? e funzionale alla propaganda per non consegnare i criminali italiani?

La prima cosa che ho denunciato, appena emersa l'incredibile vicenda della non foiba di Rosazzo, è che la pubblicazione di questo documento cadeva, casualmente, in un momento particolare. Quando venivano aperti, nel mese di febbraio 2016 gli archivi del così detto armadio della vergogna, oltre 13 mila pagine desecretate, dove emergono anche i nomi dei criminali di guerra nostrani, militari italiani, mai puniti. Penso a quelli compiuti in Jugoslavia, ad esempio. Eccidi, torture, esecuzioni sommarie, incendi di villaggi, massacri, e mai puniti. Come risulta dagli archivi dell'ONU in un piccolo villaggio jugoslavo sono state trucidate 878 persone, mentre, in un solo giorno, sono state arrestate 2858 persone. In Jugoslavia, Grecia, Albania, gli italiani hanno istituito circa 200 campi di concentramento e si sono serviti degli ostaggi per formate i plotoni di esecuzione. Nei territori balcanici occupati dall'Italia su una popolazione di 360 mila abitanti ne sono stati uccisi 67.230.
( vedi qui La Commissione d'inchiesta per i criminali di guerra italiani, istituita per non consegnarli alla Jugoslavia e qui: Quell'elenco dei criminali di guerra italiani e nazisti ora desecretati ) E tra questi documenti, che in parte ho visionato, ve ne era uno di una gravità inaudita dove si affermava che la nota Commissione d'Inchiesta per le vicende dell'occupazione italiana in Jugoslavia "è stata creata al solo fine( e sottolineato) di evitare la consegna alla Jugoslavia col pretesto che gli italiani li avremmo giudicati noi(...)”. Dunque non si è parlato di ciò, non si è parlato dei crimini italiani, le cui carte ora sono desecretate, ed accessibili a tutti, ma di una assurda non foiba, che ha avuto l'effetto di colpire una specifica forma di resistenza, quella comunista e vicina alla Jugoslavia. Facendo delle verifiche posso affermare che la notina della non foiba di Rosazzo, è del SIM. In "Carte segrete dell'intelligence italiana - 1919-1949 parte Terza" si legge che il funzionamento del Centro 'R' coprì l'arco di tempo tra il 15-16 settembre 1943 e la liberazione di Roma, il 4 giugno 1944. A mano a mano il Centro riuscì a organizzarsi e ad articolarsi con un Capo Servizio, uno schedario, un Gruppo Centrale, che elaborava le notizie operative, sulla base delle quali compilava gli importanti messaggi giornalieri da trasmettere al Comando Supremo, all'Ufficio Informazioni e Collegamento; sulla base delle richieste del vertice forniva dati e precisazioni e soprattutto provvedeva a intensificare e a dirigere l'attività dei Gruppi dipendenti. (...)Seguiva il Gruppo 'Lo Faso', che raccoglieva e analizzava le notizie che arrivavano per mezzo dei vari nuclei addetti al controllo del movimento stradale e ferroviario, nel Lazio e nell'Abruzzo, e che riguardavano anche informazioni di carattere operativo nelle retrovie nemiche; in questo Gruppo vi era una sezione di controspionaggio." "Con la fine delle ostilità e la resa delle truppe nazi-fasciste della Repubblica Sociale 1'8 maggio 1945, il compito principale del controspionaggio, inteso ad assicurare un quadro di sicurezza allo svolgimento delle operazioni militari, secondo i piani del Comando alleato e le disposizioni tattiche conseguenti, poteva dirsi assolto. Rimanevano i compiti di rastrellamento contro informativo, oltre a quanto d'inaspettato poteva interessare un Servizio, funzionalmente efficiente al termine di una guerra disastrosa che era stata anche guerra civile una nuova situazione determinata da particolari caratteristiche politiche in un deciso antagonismo partitico. Vi furono sporadici tentativi di rinascita da parte di correnti fasciste, ma subito resi innocui." Dunque all’inizio del 1945 il Servizio segreto militare diventa Ufficio informazioni dello Stato maggiore generale, che assorbirà anche la già nota Calderini, nata sotto il fascismo, fondata nel 1939 per operazioni “offensive”, ovvero spionaggio, formata da ufficiali e dislocata per lo più oltre le linee, cioè in territorio occupato, e diventerà Prima sezione. E la notina della non foiba di Rosazzo riguarda anche la prima sezione e poi la terza sezione. In calce al documento vi sarà il timbro con il nome del Maggiore Lo Faso, già citato in precedenza. Ma vi è di più. Per contrastare le richieste Jugoslave, consistenti nella consegna dei criminali militari italiani venne affidato, in base a quello che diverse fonti sostengono, all'ufficio informazioni coordinato dal Maggiore...Domenico Lo Faso dello Stato Maggiore il compito di raccogliere adeguata informativa per contrastare la propaganda pro-jugoslava.
Tra i vari elementi vi era la demonizzazione dei ribelli, considerati banditi e si tratta di note che vennero redatte  tra la fine dell'estate ed inizio autunno del 1945 e la notina della non foiba di Rosazzo, fa riferimento ad una pregressa nota del settembre del 1945. Quindi il periodo temporale coincide, così come coincidono i soggetti in campo e probabilmente anche le finalità. Intatti, le Note relative all'occupazione italiana in Jugoslavia vennero redatte a cura dell'Ufficio Informazioni dello Stato Maggiore del Regio Esercito con l'esplicito intento di scagionare le FF.AA. italiane dalla vasta campagna propagandistica condotta contro l'atteggiamento tenuto dall'Italia negli anni di occupazione e la sua versione definitiva sarà del 1946.
Dunque quella notina, piena di contraddizioni, doveva essere un documento di propaganda e difensivo funzionale alla campagna in corso in quel periodo finalizzata a demonizzare la resistenza jugoslava e quella italiana che ha collaborato con la jugoslava con lo scopo di non consegnare i criminali militari italiani alla Jugoslavia per i crimini compiuti e mai puniti? E mai usato, sino ad oggi, per la sua evidente abnormità?  La Procura di Udine dovrebbe indagare sull'origine di quella notina, sulla sua attendibilità e sul suo percorso sino alla nota "spedizione" di ottobre 2015 in Roma.


Si segnalano questi link per approfondimenti:

http://www.diecifebbraio.info/wp-content/uploads/2013/06/ALLA-RICERCA-DI-NEMO.pdf

https://www.sicurezzanazionale.gov.it/sisr.nsf/wp-content/uploads/2014/12/pasqualini-vol2-parte3.pdf

http://www.wumingfoundation.com/giap/?p=24159

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…