Passa ai contenuti principali

La battaglia della Neretva un film sulla resistenza Jugoslava da trasmettere in prima serata


Su Rai Movie, nella serata del 12 marzo 2016, è stato trasmesso il bellissimo film sulla resistenza Jugoslava, la battaglia della Neretva. Un film girato dalla e nella Jugoslavia in collaborazione con l'Italia e la Germania, un film lungo alcune ore ma importante. Importante perchè evidenzia chi e cosa hanno dovuto affrontare i partigiani Jugoslavi. Gli occupanti nazisti, fascisti, i collaborazionisti cetnici, ustascia. La forza della resistenza è data dall'amore e dall'unione con il popolo. Un popolo unito contro gli invasori che hanno compiuto brutalità immense in Jugoslavia. Massacrato civili, i civili non andranno risparmiati, si dirà nel film, da parte nazifascista, perché poi si rivolteranno contro gli occupanti. La musica svolgerà un ruolo determinante, nei momenti di peggior sconforto sarà attraverso la musica, il canto della resistenza, che si ritroverà il coraggio di osare per la libertà.
Tante le frasi che potremmo definire epiche come questa: " un Paese che non ama la propria lingua e la propria poesia non merita la libertà". Un Film che per alcuni è di propaganda, ma verrebbe da dire quanti sono i film che parlano di guerra e che non sono di propaganda? Un Film che per essere del 1969 lo si riesce a vedere fino alla fine, pur in alcuni punti ripetitivo, e con alcune scene non proprio da Oscar, si potrebbe dire. Ma poco importa. Quello che conta è che è un film sulla resistenza, che trasmette bene il messaggio della resistenza. Unità, donne in prima fila, solidarietà, voglia di libertà. Gli ordini di Tito non verranno mai messi realmente in discussione, cosa che invece accadrà con i nazisti e fascisti e collaborazionisti nei confronti dei loro diretti superiori. Sarà interessante la scena di quando un militare italiano deciderà, volontariamente, di passare tra le fila della resistenza Jugoslava. Ovviamente ci sarà della naturale diffidenza all'inizio. Alla prima messa "in prova" fallirà, perché si rifiuterà di sparare contro i suoi ex camerati italiani, perché lui " ha deciso di passare dalla parte della resistenza jugoslava per avere una Italia libera dal fascismo, per una Jugoslavia libera dal fascismo" ma sparerà solo contro i nazisti. E così sarà e verrà comunque poi ucciso durante un combattimento. Sarà commovente la scena di quando un partigiano perderà un suo compagno di lotta ucciso dai cetnici nella battaglia finale. In quel momento, prenderà il mitra, ed ucciderà alcuni cetnici che si erano arresi. Interverrà un comandante partigiano che lo degraderà e gli dirà" tu da questo momento non sei più un partigiano ma un assassino". 
Il piano Weiss doveva spazzare via la resistenza Jugoslava. Ma il fallimento di quel piano, grazie alla forza della resistenza Jugoslava, con la battaglia della Neretva, segnerà una svolta decisiva che condurrà la Jugoslavia verso la vittoria finale. Il Film è stato girato tra le montagne dell’Erzegovina, tra Dubrovnik e Sarajevo ed è considerato come la più grossa produzione mai intrapresa in Jugoslavia. Collaborarono alla realizzazione del film, per la supervisione, anche  ex comandanti partigiani. L’esercito fornirà quasi 5000 comparse e diverso materiale. Ed elevata è stata la partecipazione anche della popolazione. I film sulla resistenza sono rari, e questo film meriterebbe di essere trasmesso in prima serata nelle reti principali e non secondarie.




Marco Barone 

Commenti

  1. ''...tra le storie terribili degli oltre ottomila sventurati uccisi a Srebrenica, molti dei quali ancora senza una tomba, spicca il paradosso di Nezir Omerovic. Da giovane aveva recitato la parte di un partigiano sgozzato dai fascisti serbi, i cetnici, nel kolossal 'La battaglia della Neretva'. Fatto prigioniero dai serbi nei giorni successivi alla caduta DI Srebrenica, morì proprio in quel modo: Sgozzato dai nuovi cetnici. Il film in cui aveva recitato la propria morte apparteneva al canone rassicurante che oggi potremmo definire il genere 'mai più'...''. Da un articolo apparso su Repubblica nell'agosto 2010 in occasione dei quindici anni dal massacro di Srebrenica...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ogni estate il solito tormentone, docenti con due mesi di vacanza,ma è falso

Ogni estate il solito tormentone, e questo tormentone diventa una vera e propria ossessione contro una delle categorie lavorative che meriterebbero maggior rispetto e tutela in Italia, ma che a dirla tutta viene continuamente ridicolizzata. Parlo del corpo docente della scuola pubblica italiana.

I problemi della scuola italiana sono noti e la famigerata Legge 107 del 2015, nota come "buona scuola" ma diventata di dominio pubblico come cattiva scuola altro non ha fatto che peggiorare la situazione.  Una legge che ha registrato uno degli scioperi più importanti mai realizzati in Italia in tale comparto, una legge scritta contro la comunità scolastica, una legge che ha determinato un mero incremento pazzesco dei contenziosi in tutte le sedi. 

Il personale scolastico, nel suo complesso, è quello più corposo dell'intera Pubblica Amministrazione, con delle responsabilità sociali fondamentali per la nostra società. Un personale che vede il contratto fermo da dieci anni, con st…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Continuano i rapporti culturali ed economici con l'Egitto, affari aumentati del 30%,"rapporti bilaterali intensi"

Sul sito dell'Ambasciata italiana in Egitto si legge che "i rapporti bilaterali tra Italia ed Egitto sono intensi e spaziano dalla cooperazione politica (incontri, missioni, visite di stato, riunioni internazionali, ecc.), a quella economico-commerciale, dalla promozione della lingua e della cultura italiana, alle politiche di sostegno allo sviluppo e alla collaborazione nel campo della ricerca e della scienza."  Anche se come è noto a aprile 2016, in merito al tremendo caso di Giulio Regeni, la cui verità latita per i motivi ben noti ,veniva pubblicato sul sito dell'Ambasciata questo comunicato  " Il Ministro degli Affari Esteri, Paolo Gentiloni, ha disposto il richiamo a Roma per consultazioni dell'Ambasciatore al Cairo Maurizio Massari. La decisione fa seguito agli sviluppi delle indagini sul caso Regeni e in particolare alle riunioni svoltesi a Roma ieri e oggi tra i team investigativi italiano ed egiziano. In base a tali sviluppi si rende necessaria u…