Passa ai contenuti principali

La battaglia della Neretva un film sulla resistenza Jugoslava da trasmettere in prima serata


Su Rai Movie, nella serata del 12 marzo 2016, è stato trasmesso il bellissimo film sulla resistenza Jugoslava, la battaglia della Neretva. Un film girato dalla e nella Jugoslavia in collaborazione con l'Italia e la Germania, un film lungo alcune ore ma importante. Importante perchè evidenzia chi e cosa hanno dovuto affrontare i partigiani Jugoslavi. Gli occupanti nazisti, fascisti, i collaborazionisti cetnici, ustascia. La forza della resistenza è data dall'amore e dall'unione con il popolo. Un popolo unito contro gli invasori che hanno compiuto brutalità immense in Jugoslavia. Massacrato civili, i civili non andranno risparmiati, si dirà nel film, da parte nazifascista, perché poi si rivolteranno contro gli occupanti. La musica svolgerà un ruolo determinante, nei momenti di peggior sconforto sarà attraverso la musica, il canto della resistenza, che si ritroverà il coraggio di osare per la libertà.
Tante le frasi che potremmo definire epiche come questa: " un Paese che non ama la propria lingua e la propria poesia non merita la libertà". Un Film che per alcuni è di propaganda, ma verrebbe da dire quanti sono i film che parlano di guerra e che non sono di propaganda? Un Film che per essere del 1969 lo si riesce a vedere fino alla fine, pur in alcuni punti ripetitivo, e con alcune scene non proprio da Oscar, si potrebbe dire. Ma poco importa. Quello che conta è che è un film sulla resistenza, che trasmette bene il messaggio della resistenza. Unità, donne in prima fila, solidarietà, voglia di libertà. Gli ordini di Tito non verranno mai messi realmente in discussione, cosa che invece accadrà con i nazisti e fascisti e collaborazionisti nei confronti dei loro diretti superiori. Sarà interessante la scena di quando un militare italiano deciderà, volontariamente, di passare tra le fila della resistenza Jugoslava. Ovviamente ci sarà della naturale diffidenza all'inizio. Alla prima messa "in prova" fallirà, perché si rifiuterà di sparare contro i suoi ex camerati italiani, perché lui " ha deciso di passare dalla parte della resistenza jugoslava per avere una Italia libera dal fascismo, per una Jugoslavia libera dal fascismo" ma sparerà solo contro i nazisti. E così sarà e verrà comunque poi ucciso durante un combattimento. Sarà commovente la scena di quando un partigiano perderà un suo compagno di lotta ucciso dai cetnici nella battaglia finale. In quel momento, prenderà il mitra, ed ucciderà alcuni cetnici che si erano arresi. Interverrà un comandante partigiano che lo degraderà e gli dirà" tu da questo momento non sei più un partigiano ma un assassino". 
Il piano Weiss doveva spazzare via la resistenza Jugoslava. Ma il fallimento di quel piano, grazie alla forza della resistenza Jugoslava, con la battaglia della Neretva, segnerà una svolta decisiva che condurrà la Jugoslavia verso la vittoria finale. Il Film è stato girato tra le montagne dell’Erzegovina, tra Dubrovnik e Sarajevo ed è considerato come la più grossa produzione mai intrapresa in Jugoslavia. Collaborarono alla realizzazione del film, per la supervisione, anche  ex comandanti partigiani. L’esercito fornirà quasi 5000 comparse e diverso materiale. Ed elevata è stata la partecipazione anche della popolazione. I film sulla resistenza sono rari, e questo film meriterebbe di essere trasmesso in prima serata nelle reti principali e non secondarie.




Marco Barone 

Commenti

  1. ''...tra le storie terribili degli oltre ottomila sventurati uccisi a Srebrenica, molti dei quali ancora senza una tomba, spicca il paradosso di Nezir Omerovic. Da giovane aveva recitato la parte di un partigiano sgozzato dai fascisti serbi, i cetnici, nel kolossal 'La battaglia della Neretva'. Fatto prigioniero dai serbi nei giorni successivi alla caduta DI Srebrenica, morì proprio in quel modo: Sgozzato dai nuovi cetnici. Il film in cui aveva recitato la propria morte apparteneva al canone rassicurante che oggi potremmo definire il genere 'mai più'...''. Da un articolo apparso su Repubblica nell'agosto 2010 in occasione dei quindici anni dal massacro di Srebrenica...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…