Passa ai contenuti principali

La battaglia della Neretva un film sulla resistenza Jugoslava da trasmettere in prima serata


Su Rai Movie, nella serata del 12 marzo 2016, è stato trasmesso il bellissimo film sulla resistenza Jugoslava, la battaglia della Neretva. Un film girato dalla e nella Jugoslavia in collaborazione con l'Italia e la Germania, un film lungo alcune ore ma importante. Importante perchè evidenzia chi e cosa hanno dovuto affrontare i partigiani Jugoslavi. Gli occupanti nazisti, fascisti, i collaborazionisti cetnici, ustascia. La forza della resistenza è data dall'amore e dall'unione con il popolo. Un popolo unito contro gli invasori che hanno compiuto brutalità immense in Jugoslavia. Massacrato civili, i civili non andranno risparmiati, si dirà nel film, da parte nazifascista, perché poi si rivolteranno contro gli occupanti. La musica svolgerà un ruolo determinante, nei momenti di peggior sconforto sarà attraverso la musica, il canto della resistenza, che si ritroverà il coraggio di osare per la libertà.
Tante le frasi che potremmo definire epiche come questa: " un Paese che non ama la propria lingua e la propria poesia non merita la libertà". Un Film che per alcuni è di propaganda, ma verrebbe da dire quanti sono i film che parlano di guerra e che non sono di propaganda? Un Film che per essere del 1969 lo si riesce a vedere fino alla fine, pur in alcuni punti ripetitivo, e con alcune scene non proprio da Oscar, si potrebbe dire. Ma poco importa. Quello che conta è che è un film sulla resistenza, che trasmette bene il messaggio della resistenza. Unità, donne in prima fila, solidarietà, voglia di libertà. Gli ordini di Tito non verranno mai messi realmente in discussione, cosa che invece accadrà con i nazisti e fascisti e collaborazionisti nei confronti dei loro diretti superiori. Sarà interessante la scena di quando un militare italiano deciderà, volontariamente, di passare tra le fila della resistenza Jugoslava. Ovviamente ci sarà della naturale diffidenza all'inizio. Alla prima messa "in prova" fallirà, perché si rifiuterà di sparare contro i suoi ex camerati italiani, perché lui " ha deciso di passare dalla parte della resistenza jugoslava per avere una Italia libera dal fascismo, per una Jugoslavia libera dal fascismo" ma sparerà solo contro i nazisti. E così sarà e verrà comunque poi ucciso durante un combattimento. Sarà commovente la scena di quando un partigiano perderà un suo compagno di lotta ucciso dai cetnici nella battaglia finale. In quel momento, prenderà il mitra, ed ucciderà alcuni cetnici che si erano arresi. Interverrà un comandante partigiano che lo degraderà e gli dirà" tu da questo momento non sei più un partigiano ma un assassino". 
Il piano Weiss doveva spazzare via la resistenza Jugoslava. Ma il fallimento di quel piano, grazie alla forza della resistenza Jugoslava, con la battaglia della Neretva, segnerà una svolta decisiva che condurrà la Jugoslavia verso la vittoria finale. Il Film è stato girato tra le montagne dell’Erzegovina, tra Dubrovnik e Sarajevo ed è considerato come la più grossa produzione mai intrapresa in Jugoslavia. Collaborarono alla realizzazione del film, per la supervisione, anche  ex comandanti partigiani. L’esercito fornirà quasi 5000 comparse e diverso materiale. Ed elevata è stata la partecipazione anche della popolazione. I film sulla resistenza sono rari, e questo film meriterebbe di essere trasmesso in prima serata nelle reti principali e non secondarie.




Marco Barone 

Commenti

  1. ''...tra le storie terribili degli oltre ottomila sventurati uccisi a Srebrenica, molti dei quali ancora senza una tomba, spicca il paradosso di Nezir Omerovic. Da giovane aveva recitato la parte di un partigiano sgozzato dai fascisti serbi, i cetnici, nel kolossal 'La battaglia della Neretva'. Fatto prigioniero dai serbi nei giorni successivi alla caduta DI Srebrenica, morì proprio in quel modo: Sgozzato dai nuovi cetnici. Il film in cui aveva recitato la propria morte apparteneva al canone rassicurante che oggi potremmo definire il genere 'mai più'...''. Da un articolo apparso su Repubblica nell'agosto 2010 in occasione dei quindici anni dal massacro di Srebrenica...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…