Passa ai contenuti principali

Un calabrese ha diritto di parlare di storia del confine orientale a Gorizia?



C'era un tempo, soprattutto verso la seconda metà dello scorso secolo, dove in alcune città del Nord, penso a Torino ad esempio, non si affittavano case ai meridionali. Passano gli anni, ed il razzismo è mutato, scagliandosi non più contro i meridionali, ma contro gli stranieri, i non italiani. Il razzismo è una cosa becera, è una forma di discriminazione sociale, becera, che ancora esiste e che rischia, nuovamente, di ritornare anche contro i meridionali. Basta vedere quello che accade negli stadi, i cori vigliacchi contro i napoletani, giusto per fare un piccolo ma noto esempio. I calabresi hanno dato il sangue nella prima guerra mondiale, per conquistare queste terre. Nell'Italia meridionale ed in tutta la Calabria si perde il conto di quanti sono i parchi della Rimembranza o lapidi dedicate a conterranei maciullati per un fazzoletto di terra. Ma i meridionali hanno anche lottato nella resistenza. 
Penso al mio conterraneo, di Vibo, Saverio Papandrea. Raggiunse in Piemonte le prime formazioni partigiane, che avrebbero poi dato vita alla II Divisione Garibaldi. Il giovane allievo ufficiale fu inquadrato nella 18ma Brigata che, dopo la sua morte, avrebbe assunto proprio il nome di Saverio Papandrea. Cadde a Forno Canavese nel dicembre del 1943. Ed è anche medaglia d'oro. Ma accade che in una conferenza al Liceo Classico Dante Alighieri di Gorizia, il giorno 11 febbraio, il Presidente della Lega Nazionale di Gorizia, Urizio, parlando dei fatti del 10 febbraio, ed attaccando il sottoscritto e non solo, ha pronunciato la seguente frase "un calabrese che pontifica". Vi è chi ha fatto notare che non era il caso, specialmente a scuola e davanti agli studenti, di "insultare tanto meno persone assenti che non potevano neanche difendersi". Ora, mi domando, ma chi è calabrese, come me, non ha diritto di parlare di storia? Non ha diritto di effettuare studi e ricerche sulle vicende del confine orientale? Non ha diritto di denunciare quelle menzogne che ruotano intorno al giorno "della memoria condivisa", che fanno solo del male alla verità storica e non solo?
Perché lanciare delle illazioni che nella sostanza riguardano la provenienza della persona? Forse perché dall'altra parte mancano i contenuti? Forse perché non essendo nato qui, certe cose non le posso capire? Ed allora tutti gli storici che effettuano ricerche e che non sono autoctoni? Non hanno diritto di proferir verbo alcuno? Pur studiando per anni ed anni determinate questioni e frequentando e vivendo il territorio in questione? La storia è riservata solo ad una cerchia ristretta e faziosa di autoctoni?  Il tutto si commenta per la sua gravità ed in modo deprimente da solo.
Ora è a queste persone che la Provincia di Gorizia, il Comune di Gorizia, la Prefettura di Gorizia, offrono il patrocinio per il 10 febbraio? Sono queste le persone che devono entrare nelle nostre scuole a parlare di vicende delicate come quelle sul confine orientale? A parte il fatto che non ho mai pontificato un bel niente, sono calabrese e di adozione del Friuli Venezia Giulia, terra che mi ha dato tanto, che continua a darmi tanto e so che casi come questi non rispondono alla vera essenza ed al vero cuore del FVG . 

Commenti

  1. "insultare tanto meno persone assenti che non potevano neanche difendersi"
    FRASE FALSA E TENDENZIOSA! IO STESSO SONO DI SANGUE MERIDIONALE O TERRONE COME DITE VOI! Ho fatto presente al prof. intervenuto che stava facendo un discorso copia incolla di Marco Barone per far comprendere che sembrava un soldatino ben istruito(infatti ho colto nel segno)ed ho detto che Marco Barone per quanto mi è dato a sapere è nato in Calabria, ha studiato a Bologna ed è nelle nostre zone da due anni solamente per cui ritengo che non abbia avuto modo di confrontarsi con molte persone e quelle che ha incrociato sono tra le più faziose in assoluto. Queste sono state le mie parole e se per Marco sono entrato nel privato mi scuso con lui ma certamente non ho usato le espressioni delle quali mi si accusa! Nessuno ha usato la frase insultare le persone assenti e dal momento che ho registrato parte della conferenza sono pronto a sporgere denuncia per diffamazione se si prosegue con tale illazione! Mi è stato chiesto (ritengo giustamente ma ognuno si prende le proprie responsabilità) che non è corretto parlare di persone che non sono presenti e non possono difendersi ed ho replicato dicendo che quello che stavo dicendo si poteva ritrovare tra le domande e risposte sulla pagina FB di Marco. Un tanto per la corretta informazione e ringrazio per lo spazio. Luca Urizio

    RispondiElimina
  2. la grammatica lascia a desiderare ma ho scritto senza rileggere

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Attraversando Pordenone (foto)

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …