Passa ai contenuti principali

Per la ricerca storica non si può collaborare con chi non festeggia il 25 aprile


Prima si getta il sasso, poi si chiede all'ANPI, ad esempio, di riconoscere gli errori dei partigiani giuliani, perché così tutti possiamo celebrare insieme il 25 aprile.  La nota informativa sulla presunta "foiba/fossa comune di Rosazzo" ha scatenato un putiferio. Pur trattandosi di un documento pieno di contraddizioni. Si va dalla presunta esistenza di questa fossa comune, alle voci della popolazione, alla individuazione dei responsabili, alla richiesta di interrogare un comandante Osovano. E' mai stato interrogato questo comandante?  Documento da prendere con le pinze, anche per la sua naturale contraddittorietà nei termini. Si dice che la fossa comune esiste, e che vi potrebbero essere sepolte un centinaio di persone. Chi sarebbero queste persone? Dal dubitativo si va poi alla certezza nella individuazione del responsabile o dei responsabili. Quali sono le prove? A quando si riferiscono i fatti?  Sulla base di quali elementi si basano queste gravissime accuse? E responsabili di cosa? Di quanto riportato da voci della popolazione? E quali sono queste voci? Chi sono queste voci?  Stando almeno a quel documento che necessita di reali e non faziosi riscontri. Come è possibile che nulla è emerso sino ad oggi? Pur avendone tutti l'interesse a farla emergere? E guarda caso riguarda la vicenda due partigiani che vennero coinvolti nella questione di Porzùs per poi essere assolti,cosa che in cattiva fede ed in via diffamatoria spesso si dimentica, così come, guarda il caso, chi doveva essere interrogato era un componente osovano. Gli effetti, della pubblicazione di questo annuncio, sono stati, stando a quello che sta accadendo almeno in rete, pur essendoci state delle prese di distanze, devastanti. In rete si sta realizzando un mero accanimento contro l'ANPI che non ha responsabilità alcuna su ciò,  e non solo, si sta gettando fango, per l'ennesima volta sulla resistenza. Dopo settant'anni il 25 aprile è la festa delle feste, universalmente accettata, festa che ha grande e vitale ragione di esistere. I partigiani italiani seguirono l'esempio dei partigiani jugoslavi, con i quali vi sarà anche un forte processo di solidarietà, e non a caso la prima brigata di resistenza armata che nascerà in questo Paese sarà a Selz di Ronchi e si chiamerà proletaria  e nella resistenza si salderà, sotto la guida di determinati ideali, l'unione di uomini e donne, italiani e sloveni e croati. 
Il 25 aprile è il giorno della liberazione, della nostra "rivoluzione", anche se la liberazione dall'occupante nazifascista in queste terre non è avvenuta operativamente il 25 aprile ma il 1 maggio, e non è stato il 25 aprile né il 1° né il secondo e neanche il 3° risorgimento, ma il giorno simbolo della liberazione dalla tossicità che ha infestato ogni città italiana con il bastone della reazione e con la voce dell'odio ed intolleranza violenta, specialmente nel martoriato Confine Orientale, che ha conosciuto la veste più brutale del regime. Cosa che in Italia pochi conoscono. Tra irredentismi reazionari, nazionalismi reazionari, che condurranno alla grande guerra e come poi abbracciati dal fascismo, prodotto, anche questo, della grande guerra, sarà solo il 25 aprile, con la resistenza  e con il sogno e non banale utopia di una società socialista, che si consoliderà la voglia di ribaltamento di valori meschini propri della restaurazione. La resistenza ha abbracciato i valori della rivoluzione francese, libertà, uguaglianza e fratellanza. L'Italia in quel tempo non esisteva più. Legittimo è stato l'operato di una parte dei partigiani giuliani, perché non si può fare di tutta l'erba un fascio, di effettuare determinate scelte e di collaborare con l'esercito di liberazione jugoslavo e di credere e lottare in un sistema sociale diverso, quello comunista e per la Jugoslavia. Se non ci fosse stata la resistenza Jugoslava, nata per opporsi all'occupazione nazifascista, per contrastare i crimini contro l'umanità e di guerra compiuti anche dalla "brava gente " nostrana, e mai puniti, e volutamente nascosti in Italia, mentre si affermano menzogne e falsità finalizzate ad affermare il canonico vittimismo italiano di "brava gente", speculando sulla sofferenza e sul dramma vissuto anche da migliaia di italiani, probabilmente oggi si parlerebbe in queste terre di una resistenza completamente diversa e forse la nostra Costituzione sarebbe anche diversa e peggiore. Non si può collaborare, come ANPI, né oggi e né domani con chi non festeggia il 25 aprile, con chi così ha scritto in passato " (...)il 25 aprile ha coinciso a Gorizia con la brutale occupazione delle truppe comuniste del maresciallo Tito con la volontà non di liberare Gorizia dai nazisti bensì quella di annettere alla Jugoslavia il Friuli Venezia Giulia (...) non ricorda la tragica ricorrenza del 25 Aprile e commemora invece il 12 giugno".

Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Scuola e nuove Indicazioni Nazionali,sì alla storia del '900 ma si parla di "ricordo della liberazione" e "momento di concordia nazionale"

Come si è sempre detto nelle nostre scuole si sa tutto della storia dell'uomo primitivo, della donna primitiva, tutto della storia romana, qualcosa sull'Italia risorgimentale, meno che niente di tutta la storia del '900, in un Paese che ha un forte ritardo d'istruzione rispetto ai Paesi più sviluppati e che corre nella direzione della scuola delle competenze in chiave europea abbandonando quello spirito critico ed umanistico che ne ha sempre segnato la forza e la differenza. Vanno in questa direzione, per diversi aspetti, le nuove indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione, formalizzate con D.M. n. 254 del 13 novembre 2012. Se da un lato si riconosce valenza alla lingua italiana e valorizzazione agli atri idiomi diffusi in Italia, si persevera in modo pesante sulla via delle competenze in chiave europea per la realizzazione di quel modello di certificazione nazionale delle competenze che ha favorito processi che v…