Passa ai contenuti principali

Se la città metropolitana di Trieste ingloberà anche Gorizia e la Bisiacaria


Era la primavera del 2015 e scrivevo che la " Bisiacaria, o Territorio, o sinistra Isonzo, mira, con naturalezza, al golfo di Trieste. Territorio, definito in passato come “ l'ultimo grande lembo della pianura padana”, che dai castellieri al "ponte" romano di Ronchi, dalle invasioni dei Turchi, alle guerre austro venete, all'Impero Austro Ungarico, al Regno d'Italia, è stata frontiera e fronte. Fino al 1947 circa gran parte della Bisiacaria ha fatto parte del territorio di Trieste, se dovesse ritornare sotto Trieste non sarebbe un dramma, né una forzatura, certamente sarebbe la fine della provincia di Gorizia, che continua ad essere tirata, come una fune, tra Trieste ed Udine". A livello di Unione Europea è in corso un ridisegno dei "confini" e della geografia della UE. Il FVG rientra in due progetti, nella macroregione Alpina, che riguarda l'Italia e altri quattro Stati membri dell'Ue (Austria, Francia, Germania, Italia e Slovenia), insieme a due Paesi terzi (Liechtenstein e Svizzera) e soprattutto in quella Adriatico Ionica che interessa i seguenti Paesi: Croazia, Grecia, Italia , Slovenia, Albania, Bosnia Erzegovina, Montenegro e Serbia.  Quindi, il FVG è incluso in due Macroregioni, in un futuro non tanto lontano è facile anche intuire una divisione della Regione, quella di Udine che probabilmente entrerà nell'area Alpina e quella di Trieste o Venezia Giulia nell'area Adriatico-Ionica. E ciò ben spiega il disegno in atto in FVG, che vuole, non a caso, una grande Trieste, includente tutta l'area di quella che sarebbe la Venezia Giulia inclusa Gorizia, ed il grande Friuli. Si rinforzerà in maniera significativa e determinante il ruolo delle Regioni, queste potranno negoziare, trattare, direttamente con Bruxelles senza coinvolgere i Paesi nazionali di cui fanno parte. Insomma le Regioni scavalcheranno lo Stato, si coordineranno con le Regioni della Macroregione di cui faranno parte per costituire inevitabilmente un nuovo corpus politico ed autonomo che minerà, ovviamente, il senso degli Stati così come oggi e ieri li abbiamo conosciuti. Si discute con forza dell'area metropolitana di Trieste che dovrebbe includere Gorizia, Monfalcone e Territorio. D'altronde Gorizia già dei pezzi li perde, la questione del futuro del Tribunale si inserisce anche in tale ottica, stesso discorso per il porto di Monfalcone visto che quello di Trieste nella sua confermata autonomia potrebbe inglobare Monfalcone e Porto Nogaro. L'aeroporto del FVG come è noto, è conosciuto come aeroporto di Trieste, nonostante sia in provincia di Gorizia ed a Ronchi. La cosa grave non è tanto che si discuta di ciò. “Cities of tomorrow: Challenges, Visions, Ways Forward”, è un documento della Unione Europea con il quale si sostiene che "le città sono considerate il luogo in cui la maggior parte delle persone vive, dove si sviluppa innovazione tramite la prossimità e i contatti sociali e dove sono organizzate la maggior parte delle attività economiche. (..) Non è possibile ottenere uno sviluppo sostenibile senza un chiaro coinvolgimento delle città nell’elaborazione e nello sviluppo delle politiche pubbliche e senza una strategia che le ponga al suo centro”.  La cosa grave è come la si pone. Quando si propone l'inglobamento di Monfalcone e Territorio, e di Gorizia sotto la Grande Trieste, o città metropolitana di Trieste, senza aver prima ascoltato o consultato le rispettive località e comunità che dovrebbero essere inglobate, significa che queste località non hanno alcun peso politico, non hanno alcuna autorevolezza, non contano niente. E non è certamente la grandezza della località che ne determina l'autorevolezza. Aver demolito la Provincia, sembrando il territorio in due UTI, compromettendo l'unione, la collaborazione, si favorisce tale processo, tale frammentazione del territorio. E su ciò è necessaria una compiuta riflessione, ben tenendo conto che è in corso un qualcosa di nuovo, di grande, e che rischia di essere calato dall'alto o che vedrà fittiziamente coinvolte le comunità solo quando i giochi saranno stati definiti. Ma non è così che funziona e deve funzionare la nostra democrazia. A prescindere dal fatto che si possa o non si possa essere favorevoli a tale processo, occorre partecipazione, discussione, confronto e condivisione e soprattutto rispetto.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…