Passa ai contenuti principali

Le Macroregioni decise dalle UE,ritorna una sorta di litorale austriaco se l'Europa guarda all'Impero caduto

L'attuale Unione Europea, nasce, casualmente, nel momento in cui si smembra con una tremenda guerra quella che oggi tutti chiamiamo semplicemente ex Jugoslavia. Non poteva esistere la Jugoslavia con l'Unione Europea che segue la dichiarazione di Stoccarda. Unione Europea che mina, come è ovvio che sia la sovranità dei vari Stati, sempre più centralista e decisionista. Tanta distanza dai cittadini, poca democrazia reale e partecipata. L'Europa per essere realmente democratica deve essere vicina alle comunità, coinvolgere le comunità, e per essere vicina alle comunità è necessario superare il vecchio modello degli Stati nazionali.  
L'Europa è oggi un mostro che rischia di implodere perché nato male e funziona male. E' nato sulla base dello scambio delle merci prima, dell'economia, e solo secondariamente ha esteso il suo raggio di azione ed inclusione ai diritti civili e delle persone. Insomma quello che rischia di accadere è che si riproponga una sorta di Impero Austro-Ungarico in chiave moderna. Milioni e milioni di morti ci sono voluti per demolire l'Impero Austro Ungarico, comunque destinato inesorabilmente a cadere. Nazionalismi, irredentismi, barbarie, violenze, sofferenze. Cent'anni ed oltre di disgrazie per cosa? Per ritornare al passato. L'Italia verrà smembrata. Il Friuli Venezia Giulia seguirà il suo naturale destino, quello di essere regione multiculturale, un tempo mitteleuropea, ma dovrà decidere dove voler stare. Vi sono due immense zone delle Macroregioni che includono il FVG. Le Macroregioni di cui praticamente tutti ignorano l'esistenza, sono destinate a ribaltare la geografia politica e non solo politica dell'Europa e dell'Italia. Si tratta di progetti nati, così come nacque la CEE, poi Ce, ed ora UE, in primo luogo per coordinare l'intervento economico su determinate aree. Ma lo scopo finale sarà quello di fare in modo che, rafforzandosi in maniera importante e determinante il ruolo delle Regioni, queste possano negoziare, trattare, direttamente con Bruxelles senza coinvolgere i Paesi nazionali di cui fanno parte. Insomma le Regioni scavalcheranno lo Stato, si coordineranno con le Regioni della Macroregione di cui faranno parte per costituire inevitabilmente un nuovo corpus politico ed autonomo che minerà, ovviamente, il senso degli Stati così come oggi e ieri li abbiamo conosciuti. Non tutte le Regioni saranno interessate da questi processi, ma buona parte di quelle italiane sì, e tra queste vi è anche il FVG che rientra in due progetti Nella macroregione regione Alpina, che riguarda l'Italia e altri quattro Stati membri dell'Ue (Austria, Francia, Germania, Italia e Slovenia), insieme a due Paesi terzi (Liechtenstein e Svizzera). 
E soprattutto in quella Adriatico Ionica che interessa i seguenti Paesi: Croazia, Grecia, Italia , Slovenia, Albania, Bosnia Erzegovina, Montenegro e Serbia. 
Quindi, il FVG è incluso in due Macroregioni, in un futuro non tanto lontano è facile anche intuire una divisione della Regione, quella di Udine che probabilmente entrerà nell'area Alpina e quella di Trieste nell'area Adriatico-Ionica. E ciò ben spiega il disegno in atto in FVG, che vuole, non a caso, una grande Trieste, includente tutta l'area di quella che sarebbe la Venezia Giulia inclusa Gorizia, ed il grande Friuli. Giocandosi sul quel mito del grande proprio dell'Impero Austro-Ungarico. Ci vorranno anni perché questo processo giunga ad ultimazione, ma la macchina è partita e sono già stati stanziati 450 milioni di euro per l'area Adriatico-Ionica. E la cosa allucinante è che di tutto ciò non sappiamo nulla, stanno ridisegnando l'Europa, con il pretesto della collaborazione economica, senza informare e coinvolgere i cittadini su ciò che accade e quali saranno i reali risvolti. Personalmente sono a favore di un tale processo,che vede il FVG acquisire maggiore autonomia e poteri e soprattutto rientrare in quell'area di naturale destinazione, a cui è stata sottratta per antiquati e superati sentimenti ottocenteschi. Però è anche vero che la così detta rotta balcanica, che guarda caso riguarda la maggior parte di questi Paesi e Regioni interessate dalla nuova Macroregione europea che nascerà, anzi che sta nascendo, ha dimostrato una chiusura che non aiuta questo processo, e che ha rispolverato il male dei mali, i nazionalismi con cui il sistema politico delle Macroregioni dovrà fare i conti.

Commenti

  1. tutti i progetti di macroregioni o macroaree hanno avuto alla base teorie massonico-industriali,vedi la fondazione Agnelli alla fine anni 80 che riusci' a far cambiare progetto politico alla LEGA ,da regionalista a macroregionalista .Ora arriva il progetto neoconservatore di impero austroungarico che di fatto sara' la pietra tombale della specificita' di questa regione.Trieste e il goriziano legati da soli al resto delle terre balcaniche forse saranno un naturale sbocco per il porto di trieste,ma per il resto sara' la fine dell'italianita' di questa citta' dentro un gran calderone di nazionalismi piu' o meno contrapposti di stampo slavo.Per italianita' ovviamente non intendo che questa citta' sia solo italiana ma che un conto e' la specificita' multiculturale di questa citta',altra e' aggregare Trieste a terre ,altra ancora sarebbe invece ad un progetto come poteva essere quello della jugoslavjia con un ideale e con un progetto di fratellanza tra popoli.Qui vedo solo nazionalismi,tinte nere,sciovinismi e forse l'unico dato che accomuna,il denaro,che poi non so fino a che punto collante o invece disunente.UN dubbio??MA TRIESTE non avrebbe piu' utilita'a rimanere legato a friuli karinzia ecc e una parte della Slovenjia,il resto del commercio penso che Trieste oramai non la consideri cosi' importante come un tempo....

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Il Confine una fiction da no comment e quella mescolanza tra Udine e Trieste e Gorizia

Fiction significa finzione, nella cinematografia e in televisione, come evidenzia la Treccani, è il genere di film a soggetto, che si contrappone per es. a quello dei documentarî e, negli sceneggiati televisivi, quello che si basa su intrecci romanzati.

Eppure la fiction il Confine che avrebbe avuto una media di poco superiore a 3 milioni di spettatori ambientata soprattutto in FVG sembrava, per i colori, per la regia, per i dialoghi, le musiche e l'ambientazione complessiva una fiction pseudo documentaria alla Piero o Alberto Angela che altro.

Ma non era questo l'intento. Una storia profondamente banale, dal finale scontato e altrettanto banale, che non è riuscita a trasmettere la complessità della guerra, l'atrocità della stessa,  la sensazione che si è avuta è che l'approccio sia stato più da soap opera spagnola, ma che per una parte del pubblico pare essere stata apprezzata. Forse è meglio un no comment. D'altronde la qualità della nostra televisione non par…

Cent'anni d'Italia in FVG non fanno rima con bellezza

E sono cento. Ancora un niente rispetto all'esperienza asburgica e via scivolando in quel passato che ha connotato questa fetta d'Europa. Cent'anni d'Italia son bastati per stravolgere la fisionomia di questo territorio, stravolgere le identità culturali, linguistiche. Con l'avvento dell'Italia qui si ricorda più ciò che è stato distrutto, compromesso che ciò che è stato costruito, edificato, in segno propositivo. Andando a guardare le questione delle opere, la bellezza dei luoghi che vogliono Trieste come la piccola Vienna d'Italia, Gorizia come la Nizza d'Austria e Udine in armonia con l'eleganza di un tempo che non esiste più, in quella nostalgia diventata poesia ma anche pericolosa illusione è dovuta esclusivamente a quel passato che con l'avvento del Regno d'Italia è stato effettivamente annientato. Se pensi all'Italia a quali opere pensi? Al faro della Vittoria? Alla scalinata di cemento che ha conquistato il Carso di Redipuglia, …