Passa ai contenuti principali

Vita di comunità a Ronchi: la cena sociale della sezione ANPI



La Sezione ANPI di Ronchi, in provincia di Gorizia, è una sezione viva, una delle più importanti della nostra regione, non solo per la sua storia, visto che proprio a Selz di Ronchi si è costituita la prima formazione armata nella e della resistenza contro gli occupanti nazifascisti, ma perché si realizzano diverse iniziative, dal sociale, a quelle che coinvolgono gli studenti delle nostre scuole, dal culturale e storico, a momenti di semplice ma importante vita di comunità. Come quello che si è realizzato nella sera del 18 dicembre presso la storica locanda del Ficchio.  Cena sociale, una cinquantina di partecipanti, tra musica e sano cibo, si è vissuto quello che è la vera forza di Ronchi il suo essere comunità. Ci sono stati anche alcuni brevi importanti, quello di Gastone, che ha ricordato tutto quello che come sezione ANPI nel corso degli anni è stato realizzato, rilevando che ora il testimone dovrà passare alle nuove generazioni, visto anche l'imminente congresso del 2016, che dovranno saper raccogliere la passione e la voglia di lottare per la libertà, la democrazia, la pace, per l'integrazione, per l'applicazione piena della nostra Costituzione, contro ogni razzismo e discriminazione ed avendo come punto di riferimento vitale il 25 aprile. Sulla stessa onda l'intervento di Marina Cuzzi, la quale ha salutato con commozione chi ci ha lasciato e lanciando un grande abbraccio, condiviso da tutta la sala, al nostro Presidente, Paolo Zonta, che sta affrontando una importante e difficile battaglia. Ma vi è stato anche l'intervento del Sindaco di Ronchi, Roberto Fontanot, il quale, dopo il saluto dell'assessore Masarà che ha ricordato l'importanza dell'ANPI per Ronchi, ha evidenziato come l'amministrazione comunale è sempre stata presente nell'ANPI e con l'ANPI, ribadendo l'importanza di avere un comune indipendente ed autonomo, perché i Comuni sono bene costituzionale, nascono dalla voce e dalla forza della resistenza come recepita nella nostra grande Carta Costituzionale e per questo motivo devono essere difesi. Parole condivise e che non posso che condividere specialmente in un momento particolarmente delicato come questo, dove Ronchi rischia di sparire come Ente Comunale, a causa di uno scellerato referendum che vorrebbe la fusione con Monfalcone, con l'inevitabile conseguenza di perdere tutto e divenire solo banale periferia del Comune di Monfalcone. Ma questo a Ronchi verrà impedito, e non a caso esiste un partecipato  Comitato del No alla fusione,  perché la comunità è viva e la comunità vuole la difesa del suo Comune anche per rispetto della storia della nostra resistenza e dei valori fondamentali che ne sono derivati e che devono essere salvaguardati. La vera base dell'internazionalismo, di un mondo senza più barriere, muri, confini, sono i Comuni liberi ed indipendenti. perché sono  la massima esplicazione della democrazia reale e partecipata.  Insomma un bel momento sociale, di riflessione, e di sana convivialità che evidenzia l'importanza dell'ANPI per Ronchi ed anche come al proprio interno sappia contenere visioni e valutazioni non sempre condivise da tutti, su diverse questioni purché rispettose e conformi ai valori tradizionali e storici della nostra resistenza, dell'antifascismo, della nostra Costituzione. 
seguono foto serata:







Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

FVG pride se la marcia evita il duomo di Udine

Si svolgerà ad Udine il FVG Pride e la notizia del 15 maggio, quando è stato reso noto il percorso è che la marcia eviterà il duomo. Il comitato organizzatore, come è emerso al TG3 del FVG, ha deciso di evitare il duomo e di mantenere le vie "storiche" dove vi è stata maggiore accoglienza e soprattutto in sostanza per evitare polemiche ecc ecc. Che dire? Che passare davanti al duomo non sarebbe stata una provocazione, anche perchè quante persone che parteciperanno al Gay pride sono credenti o cattoliche? Ma in Italia siamo ancora a questi livelli, quasi da medioevo, e se posso capire le preoccupazioni di chi fino all'altro giorno non poteva neanche uscire di casa perchè omosessuale, perchè in questo Paese vi è un tasso di omofobia inquietante, allora da laico quello che auspico è che le processioni o manifestazioni religiose evitino da questo preciso momento luoghi simbolici importanti, come le scuole od i Municipi, per non turbare le coscienze di chi non è credente.
M…