Passa ai contenuti principali

Gorizia e migranti: guai a chiamarlo esposto politico elettorale


Si è svolta nella mattinata del 15 dicembre innanzi al Palazzo di Giustizia di ‪Gorizia la conferenza stampa ove sono state evidenziate alcune particolarità sull'esposto contro le volute politiche sistematiche di non accoglienza come accadute in città in questi ultimi decadenti tempi. Omissioni umanitarie che hanno risvolti anche di carattere penale. Almeno queste sono le valutazioni come effettuate da chi ha sostenuto l'esposto. Un bel gesto di civiltà, ennesimo segnale di cambiamento in una città che ha voglia di una svolta significativa. Esposto che nasce dal lavoro capillare come svolto da alcune realtà associative indipendenti, dal lavoro di alcuni volontari e che vuole dare una risposta a chi ha subito sofferenze, atti indegni e vili. Doveva per obbligo giuridico, etico e morale Gorizia fornire la giusta assistenza umanitaria a chi è fuggito da guerre e persecuzioni varie. Hanno in parte vissuto solo muri ed il degrado di un sistema che a furia di chiudersi altro non ha fatto che danneggiare, in una società che vive tanto di apparenze, prima di tutto la stessa immagine di una Gorizia città d'Italia e di Europa. No, non vi è alcun accanimento su Gorizia e guai a chiamarlo esposto elettorale come qualcuno ha tentato di fare. O peggio ancora, come i soliti noti vorrebbero, non è atto di strumentalizzazione, o di sciacallaggio (sic!).  Chi parla di sciacallaggio e strumentalizzazione o di manovra elettorale probabilmente, se si indigna così tanto, urla così tanto, con toni di una gravità e pesantezza inaudita, significa che ha qualcosa da temere? Le loro urla di indignazione non mineranno il lavoro di chi vuole e chiede o meglio pretende semplicemente una cosa banale in un sistema civile: giustizia ed assunzione piena di responsabilità. Nessuna propaganda, bensì civiltà giuridica e sociale. I fatti come trattati partono dall'estate del 2013 ed arrivano sino alla metà del novembre 2015 e sarà la Procura della Repubblica a valutare la sussistenza di eventuali responsabilità ed individuare eventuali responsabili, siano essi di "destra" o di "sinistra" o di nessun colore politico, siano questi enti locali od articolazioni ministeriali. E comunque non si esclude il ricorrere, al momento opportuno e se necessario, anche alla Corte europea dei diritti umani. Fatti delicati, situazioni particolari, che nell'insieme ben evidenziano il disegno che si è voluto perseguire nel sistema di non accoglienza a Gorizia. Senza dimenticare la questione vergognosa del CIE.
 Si confida nell'operato di una magistratura che sarà indipendente e sovrana nelle proprie funzioni. Gorizia è diventata un simbolo nazionale, e nei peggiori dei modi, poiché è diventata la pagina buia italiana della non accoglienza nei confronti dei migranti "fuori convenzione". E verso ciò non si poteva rimanere silenti. Gorizia dovrebbe mille e mille volte ringraziare chi ogni giorno si attiva per colmare le volute lacune di un sistema incivile e che lascia in balia delle fredde strade esseri umani la cui unica colpa è aver richiesto aiuto, solidarietà, protezione.


Commenti

Post popolari in questo blog

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

Quel razzismo verso gli slavi mai sparito, saranno le nuove generazioni a demolirlo

Agli italiani piace andare in Croazia a farsi le vacanze. E non è difficile sentir dire questo una volta era "nostro" pensando magari a Lussino, a Pola, a Fiume. O attraversando la costa slovena. Era nostro. Un nostro che si è rivelato un mostro, un mostro che ha partorito e determinato violenze inaudite, impunite. Crimini come quelli compiuti dai nazisti che hanno avuto in diversi casi giusti processi, in Italia mai considerati come crimini, ma presunti, e mai processati. Anzi, sono stati riabilitati i "presunti criminali". In Italia si è verificata l'epurazione al contrario. Sono stati i partigiani ad essere stati espulsi ad esempio dalle forze di polizia, ad essere processati ed incarcerati non i fascisti, almeno quelli che contavano che hanno continuato ad occupare posti chiave nell'Italia repubblicana il cui unisco scopo era colpire il comunismo e per colpire il comunismo il passato divenne un frullato indigesto gettato nel cesso dell'ingiustizia.…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …