Passa ai contenuti principali

Gorizia e migranti: guai a chiamarlo esposto politico elettorale


Si è svolta nella mattinata del 15 dicembre innanzi al Palazzo di Giustizia di ‪Gorizia la conferenza stampa ove sono state evidenziate alcune particolarità sull'esposto contro le volute politiche sistematiche di non accoglienza come accadute in città in questi ultimi decadenti tempi. Omissioni umanitarie che hanno risvolti anche di carattere penale. Almeno queste sono le valutazioni come effettuate da chi ha sostenuto l'esposto. Un bel gesto di civiltà, ennesimo segnale di cambiamento in una città che ha voglia di una svolta significativa. Esposto che nasce dal lavoro capillare come svolto da alcune realtà associative indipendenti, dal lavoro di alcuni volontari e che vuole dare una risposta a chi ha subito sofferenze, atti indegni e vili. Doveva per obbligo giuridico, etico e morale Gorizia fornire la giusta assistenza umanitaria a chi è fuggito da guerre e persecuzioni varie. Hanno in parte vissuto solo muri ed il degrado di un sistema che a furia di chiudersi altro non ha fatto che danneggiare, in una società che vive tanto di apparenze, prima di tutto la stessa immagine di una Gorizia città d'Italia e di Europa. No, non vi è alcun accanimento su Gorizia e guai a chiamarlo esposto elettorale come qualcuno ha tentato di fare. O peggio ancora, come i soliti noti vorrebbero, non è atto di strumentalizzazione, o di sciacallaggio (sic!).  Chi parla di sciacallaggio e strumentalizzazione o di manovra elettorale probabilmente, se si indigna così tanto, urla così tanto, con toni di una gravità e pesantezza inaudita, significa che ha qualcosa da temere? Le loro urla di indignazione non mineranno il lavoro di chi vuole e chiede o meglio pretende semplicemente una cosa banale in un sistema civile: giustizia ed assunzione piena di responsabilità. Nessuna propaganda, bensì civiltà giuridica e sociale. I fatti come trattati partono dall'estate del 2013 ed arrivano sino alla metà del novembre 2015 e sarà la Procura della Repubblica a valutare la sussistenza di eventuali responsabilità ed individuare eventuali responsabili, siano essi di "destra" o di "sinistra" o di nessun colore politico, siano questi enti locali od articolazioni ministeriali. E comunque non si esclude il ricorrere, al momento opportuno e se necessario, anche alla Corte europea dei diritti umani. Fatti delicati, situazioni particolari, che nell'insieme ben evidenziano il disegno che si è voluto perseguire nel sistema di non accoglienza a Gorizia. Senza dimenticare la questione vergognosa del CIE.
 Si confida nell'operato di una magistratura che sarà indipendente e sovrana nelle proprie funzioni. Gorizia è diventata un simbolo nazionale, e nei peggiori dei modi, poiché è diventata la pagina buia italiana della non accoglienza nei confronti dei migranti "fuori convenzione". E verso ciò non si poteva rimanere silenti. Gorizia dovrebbe mille e mille volte ringraziare chi ogni giorno si attiva per colmare le volute lacune di un sistema incivile e che lascia in balia delle fredde strade esseri umani la cui unica colpa è aver richiesto aiuto, solidarietà, protezione.


Commenti

Post popolari in questo blog

Regionali FVG 2018 se a qualcuno interessano i programmi...

Si voterà in prossimità del ponte, una grande pensata che altro non farà che favorire già quello che si sa che sarà, una partecipazione al voto calante,e chiunque vincerà non vincerà tanto per il suo programma elettorale innovativo o superlativo, profondo o leggero o geniale che questo sia. I programmi oramai trovano il tempo che trovano ci puoi mettere di tutto e di più. Da chi parlerà di TAV a chi parlerà di tutela dell'identità friulana o slovena a chi di zone agevolate interesserà poco alla maggior parte dei cittadini. Perchè ragioneranno sulla base di quello che hanno vissuto, un vissuto che è fatto di esperienze, di questioni concrete. E soprattutto di un rigurgito chiaro e netto nei confronti di un certo modo di fare e concepire la politica ed il bene comune sempre più degradato e sacrificato all'altare dell'austerità e della globalizzazione selvaggia che ha favorito il ritorno di nazionalismi anacronistici e ucciso identità e specificità che meritavano tutela. Ogn…

L'Italia e l'alleanza con gli USA, una scelta di campo?

Così Gentiloni sulla questione Siria: voglio solo dire, in conclusione, che l'Italia non è un Paese neutrale, non è un Paese che sceglie di volta in volta, di fronte a questa o a quella crisi, se schierarsi con l'Alleanza atlantica o schierarsi da un'altra parte. Noi siamo coerentemente, da più di sessant'anni, partner fondamentali dell'Alleanza atlantica e alleati degli Stati Uniti. Siamo alleati dell'America, voglio dire: non è un problema di rapporti con questo o quel presidente americano. Siamo stati alleati dell'America con Kennedy e con Nixon, con Clinton e con Reagan, con Bush e con Obama e lo abbiamo fatto perché - lo dico senza infingimenti - è una scelta di campo. È una scelta di campo. È una scelta di campo che deriva certamente dal fatto che l'America, insieme agli alleati, ci ha liberato dal nazifascismo e che certamente deriva dai nostri interessi di difesa e di sicurezza del Paese, ma non è solo questo. È una scelta di campo che deriva da…

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…