Passa ai contenuti principali

A Gorizia sorgerà un busto nei giardini pubblici dedicato a Max Fabiani



Nato sotto l'impero Austro-Ungarico e giunto nella Gorizia annessa all'Italia, città nella quale morirà nel 1962. Max Fabiani è un nome certamente noto tra Gorizia e Trieste, diverse sono le sue opere diffuse tra Vienna, Lubiana, Palermo o Roma, giusto per citare le città più importanti. Per ricordare i 150 anni della sua nascita, anche se avvenuta a dire il vero il 29 aprile del 1865, a Gorizia ci saranno alcune iniziative importanti. Il Comune ha ritenuto di grande interesse la realizzazione da parte degli studenti del Liceo Artistico di Gorizia intitolato proprio a Max Fabiani di un busto in bronzo e da collocarsi presso i Giardini Pubblici di Gorizia in prossimità del Trgovski dom, uno degli edifici più rappresentativi realizzati da Fabiani in città. Ma ha valutato anche positivamente la proposta di realizzazione di una mostra da allestirsi proprio al Trgovski dom il cui contenuto specifico è la rappresentazione dell'architettura di Max Fabiani nel Goriziano attraverso fotografie dei principali edifici e monumenti presenti in città e nei dintorni(Lucinico, Sempeter, Vrtojba), con attenzione ai dettagli architettonici e ai materiali che Fabiani usava per la loro costruzione quale rappresentazione del suo stile architettonico (secessionista, a tratti barocco, romanico). Per questi motivi con uno stanziamento complessivo di 10 mila euro, € 6.000,00 per la realizzazione del busto e di € 4.000,00 per l'allestimento della mostra, Gorizia, come deliberato il 30 novembre 2015, celebrerà i 150 anni della nascita di Fabiani in modo rilevante. Quella della cultura  dovrebbe essere la vera via maestra da perseguire con convinzione a Gorizia per salvarla da quel declino inesorabile alla quale sembra essere diretta. Certo, non si deve dimenticare il rapporto che Fabiani ha avuto con il fascismo. E' stato podestà della sua nativa Štanjel, (annessa all'Italia dopo la prima guerra mondiale e dal '47 alla Jugoslavia prima e Slovenia poi) per il regime fascista dal '35 al '45, segretario dell'Ordine degli ingegneri e architetti di Gorizia (1925-45) sotto il fascismo, e membro della direzione nazionale degli Ordini fra il 1927 ed il '31, sotto il fascismo. Dal 1938 al 1962 fu ispettore onorario della soprintendenza ai monumenti per la provincia di Gorizia. E paradossalmente sarà proprio l'edificio come da lui progettato a Trieste, il Narodni Dom nel 1920, a divenire il simbolo delle barbarie compiute dal nazionalismo italiano contro gli sloveni, sorte similare  poi toccherà al Trgovski dom a Gorizia nel 1926. Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom,un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, accompagnati dal manganello, dal motto me ne frego e dalla solita camicia nera entrarono violentemente nelle sale della banca commerciale slovena gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri,documenti, mobili,oggetti,simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia, già. Applauso che prese maggiore forza quando venne rimossa l'insegna del Trgovski Dom. 


Commenti

Post popolari in questo blog

Se la tutela del decoro diventa questione di sicurezza urbana e rischia di criminalizzare il disagio sociale. Breve analisi del testo normativo

E' in fase di conversione in legge il decreto-legge 20 febbraio 2017, n. 14,  recante disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città. Un testo che ha introdotto il famigerato " DASPO Urbano" un testo che tende a ricondurre il concetto di decoro, che non è tipizzato e di cui non esiste una mera definizione giuridica e sostanziale omogenea e consolidata, sotto la voce di sicurezza urbana nel momento in cui si afferma che  " ai fini del presente decreto, si intende per sicurezza urbana il bene pubblico che afferisce alla vivibilità e al decoro delle città". Dunque il decoro della città diviene una questione legalitaria di sicurezza urbana, ergo di ordine pubblico. Ma contro chi si scaglierà questo dettato normativo? Mi soffermerò ora su alcuni elementi di questo decreto in fase di conversione. L'articolo 9 afferma che "Fatto salvo quanto previsto dalla vigente normativa a tutela delle aree interne delle infrastrutture, fisse e mobili, ferroviar…

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

Se a Venezia si può fare l'elemosina e dormire sulle panchine, a Trieste nel nome del decoro no se pol

Trieste e Venezia, concorrenti forse da sempre, due amanti che si corteggiano, ma si respingono a vicenda, quando nella società odierna l'unica soluzione possibile sarebbe collaborazione. Venezia non necessita di presentazione alcuna, è una cartolina meravigliosa, invasa da milioni di turisti. A Venezia ci sono regole rigide da rispettare per preservare l'intero ambiente e continue battaglie per salvare la laguna contro ogni tipo di inquinamento. Ma una cosa che colpisce è che per i tanti vicoli del centro è facilissimo incontrare diversi mendicanti, e per il centro, su qualche panchina, vedere qualche vagabondo, riposare, dormire e vivere i suoi sogni in santa pace.  


Nulla di strano, perchè vagabondi e mendicanti son sempre esistiti, son sempre sopravvissuti e sempre esisteranno e sempre sopravviveranno. Ed i turisti non sembrano proprio per niente essere infastiditi. Anzi, forse neanche ci fanno caso. Perchè la bellezza di Venezia cala un sipario che rende queste persone a…