Passa ai contenuti principali

A Gorizia sorgerà un busto nei giardini pubblici dedicato a Max Fabiani



Nato sotto l'impero Austro-Ungarico e giunto nella Gorizia annessa all'Italia, città nella quale morirà nel 1962. Max Fabiani è un nome certamente noto tra Gorizia e Trieste, diverse sono le sue opere diffuse tra Vienna, Lubiana, Palermo o Roma, giusto per citare le città più importanti. Per ricordare i 150 anni della sua nascita, anche se avvenuta a dire il vero il 29 aprile del 1865, a Gorizia ci saranno alcune iniziative importanti. Il Comune ha ritenuto di grande interesse la realizzazione da parte degli studenti del Liceo Artistico di Gorizia intitolato proprio a Max Fabiani di un busto in bronzo e da collocarsi presso i Giardini Pubblici di Gorizia in prossimità del Trgovski dom, uno degli edifici più rappresentativi realizzati da Fabiani in città. Ma ha valutato anche positivamente la proposta di realizzazione di una mostra da allestirsi proprio al Trgovski dom il cui contenuto specifico è la rappresentazione dell'architettura di Max Fabiani nel Goriziano attraverso fotografie dei principali edifici e monumenti presenti in città e nei dintorni(Lucinico, Sempeter, Vrtojba), con attenzione ai dettagli architettonici e ai materiali che Fabiani usava per la loro costruzione quale rappresentazione del suo stile architettonico (secessionista, a tratti barocco, romanico). Per questi motivi con uno stanziamento complessivo di 10 mila euro, € 6.000,00 per la realizzazione del busto e di € 4.000,00 per l'allestimento della mostra, Gorizia, come deliberato il 30 novembre 2015, celebrerà i 150 anni della nascita di Fabiani in modo rilevante. Quella della cultura  dovrebbe essere la vera via maestra da perseguire con convinzione a Gorizia per salvarla da quel declino inesorabile alla quale sembra essere diretta. Certo, non si deve dimenticare il rapporto che Fabiani ha avuto con il fascismo. E' stato podestà della sua nativa Štanjel, (annessa all'Italia dopo la prima guerra mondiale e dal '47 alla Jugoslavia prima e Slovenia poi) per il regime fascista dal '35 al '45, segretario dell'Ordine degli ingegneri e architetti di Gorizia (1925-45) sotto il fascismo, e membro della direzione nazionale degli Ordini fra il 1927 ed il '31, sotto il fascismo. Dal 1938 al 1962 fu ispettore onorario della soprintendenza ai monumenti per la provincia di Gorizia. E paradossalmente sarà proprio l'edificio come da lui progettato a Trieste, il Narodni Dom nel 1920, a divenire il simbolo delle barbarie compiute dal nazionalismo italiano contro gli sloveni, sorte similare  poi toccherà al Trgovski dom a Gorizia nel 1926. Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom,un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, accompagnati dal manganello, dal motto me ne frego e dalla solita camicia nera entrarono violentemente nelle sale della banca commerciale slovena gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri,documenti, mobili,oggetti,simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia, già. Applauso che prese maggiore forza quando venne rimossa l'insegna del Trgovski Dom. 


Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

La comunità di Ronchi abbraccia la famiglia di Giulio Regeni

Non esiste altro modo che definire come un grande ed immenso abbraccio quello che si è realizzato nella serata di sabato 11 novembre a Ronchi nella sala della Chiesa di Santa Maria Madre. L'abbraccio alla famiglia di Giulio Regeni, a papà Claudio, alla mamma Paola, alla sorella Irene, ad una famiglia meravigliosa che non ha mai smesso per un solo giorno in questi oltre 21 mesi da quel maledetto 3 febbraio 2016 di battersi per la verità e giustizia per Giulio.

Diciamolo pure, quello che è successo dopo la barbara uccisione di Giulio per mano e volere di chi qualcuno lo vorrebbe ancora come innominabile, è un qualcosa di assolutamente straordinario pur nella drammaticità di questa storia, che è diventata la nostra storia. Da quasi due anni continua a resistere, a crescere, a battere colpi ogni giorno ed essere sempre lì in rete la parola chiave, verità per Giulio. E' in continuo movimento. Internazionale, globale, senza età, Ha raggiunto ogni angolo di questo nostro mondo. Ha p…

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…