Passa ai contenuti principali

A Gorizia sorgerà un busto nei giardini pubblici dedicato a Max Fabiani



Nato sotto l'impero Austro-Ungarico e giunto nella Gorizia annessa all'Italia, città nella quale morirà nel 1962. Max Fabiani è un nome certamente noto tra Gorizia e Trieste, diverse sono le sue opere diffuse tra Vienna, Lubiana, Palermo o Roma, giusto per citare le città più importanti. Per ricordare i 150 anni della sua nascita, anche se avvenuta a dire il vero il 29 aprile del 1865, a Gorizia ci saranno alcune iniziative importanti. Il Comune ha ritenuto di grande interesse la realizzazione da parte degli studenti del Liceo Artistico di Gorizia intitolato proprio a Max Fabiani di un busto in bronzo e da collocarsi presso i Giardini Pubblici di Gorizia in prossimità del Trgovski dom, uno degli edifici più rappresentativi realizzati da Fabiani in città. Ma ha valutato anche positivamente la proposta di realizzazione di una mostra da allestirsi proprio al Trgovski dom il cui contenuto specifico è la rappresentazione dell'architettura di Max Fabiani nel Goriziano attraverso fotografie dei principali edifici e monumenti presenti in città e nei dintorni(Lucinico, Sempeter, Vrtojba), con attenzione ai dettagli architettonici e ai materiali che Fabiani usava per la loro costruzione quale rappresentazione del suo stile architettonico (secessionista, a tratti barocco, romanico). Per questi motivi con uno stanziamento complessivo di 10 mila euro, € 6.000,00 per la realizzazione del busto e di € 4.000,00 per l'allestimento della mostra, Gorizia, come deliberato il 30 novembre 2015, celebrerà i 150 anni della nascita di Fabiani in modo rilevante. Quella della cultura  dovrebbe essere la vera via maestra da perseguire con convinzione a Gorizia per salvarla da quel declino inesorabile alla quale sembra essere diretta. Certo, non si deve dimenticare il rapporto che Fabiani ha avuto con il fascismo. E' stato podestà della sua nativa Štanjel, (annessa all'Italia dopo la prima guerra mondiale e dal '47 alla Jugoslavia prima e Slovenia poi) per il regime fascista dal '35 al '45, segretario dell'Ordine degli ingegneri e architetti di Gorizia (1925-45) sotto il fascismo, e membro della direzione nazionale degli Ordini fra il 1927 ed il '31, sotto il fascismo. Dal 1938 al 1962 fu ispettore onorario della soprintendenza ai monumenti per la provincia di Gorizia. E paradossalmente sarà proprio l'edificio come da lui progettato a Trieste, il Narodni Dom nel 1920, a divenire il simbolo delle barbarie compiute dal nazionalismo italiano contro gli sloveni, sorte similare  poi toccherà al Trgovski dom a Gorizia nel 1926. Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom,un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, accompagnati dal manganello, dal motto me ne frego e dalla solita camicia nera entrarono violentemente nelle sale della banca commerciale slovena gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri,documenti, mobili,oggetti,simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia, già. Applauso che prese maggiore forza quando venne rimossa l'insegna del Trgovski Dom. 


Commenti

Post popolari in questo blog

Ogni estate il solito tormentone, docenti con due mesi di vacanza,ma è falso

Ogni estate il solito tormentone, e questo tormentone diventa una vera e propria ossessione contro una delle categorie lavorative che meriterebbero maggior rispetto e tutela in Italia, ma che a dirla tutta viene continuamente ridicolizzata. Parlo del corpo docente della scuola pubblica italiana.

I problemi della scuola italiana sono noti e la famigerata Legge 107 del 2015, nota come "buona scuola" ma diventata di dominio pubblico come cattiva scuola altro non ha fatto che peggiorare la situazione.  Una legge che ha registrato uno degli scioperi più importanti mai realizzati in Italia in tale comparto, una legge scritta contro la comunità scolastica, una legge che ha determinato un mero incremento pazzesco dei contenziosi in tutte le sedi. 

Il personale scolastico, nel suo complesso, è quello più corposo dell'intera Pubblica Amministrazione, con delle responsabilità sociali fondamentali per la nostra società. Un personale che vede il contratto fermo da dieci anni, con st…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Continuano i rapporti culturali ed economici con l'Egitto, affari aumentati del 30%,"rapporti bilaterali intensi"

Sul sito dell'Ambasciata italiana in Egitto si legge che "i rapporti bilaterali tra Italia ed Egitto sono intensi e spaziano dalla cooperazione politica (incontri, missioni, visite di stato, riunioni internazionali, ecc.), a quella economico-commerciale, dalla promozione della lingua e della cultura italiana, alle politiche di sostegno allo sviluppo e alla collaborazione nel campo della ricerca e della scienza."  Anche se come è noto a aprile 2016, in merito al tremendo caso di Giulio Regeni, la cui verità latita per i motivi ben noti ,veniva pubblicato sul sito dell'Ambasciata questo comunicato  " Il Ministro degli Affari Esteri, Paolo Gentiloni, ha disposto il richiamo a Roma per consultazioni dell'Ambasciatore al Cairo Maurizio Massari. La decisione fa seguito agli sviluppi delle indagini sul caso Regeni e in particolare alle riunioni svoltesi a Roma ieri e oggi tra i team investigativi italiano ed egiziano. In base a tali sviluppi si rende necessaria u…