Passa ai contenuti principali

A Gorizia sorgerà un busto nei giardini pubblici dedicato a Max Fabiani



Nato sotto l'impero Austro-Ungarico e giunto nella Gorizia annessa all'Italia, città nella quale morirà nel 1962. Max Fabiani è un nome certamente noto tra Gorizia e Trieste, diverse sono le sue opere diffuse tra Vienna, Lubiana, Palermo o Roma, giusto per citare le città più importanti. Per ricordare i 150 anni della sua nascita, anche se avvenuta a dire il vero il 29 aprile del 1865, a Gorizia ci saranno alcune iniziative importanti. Il Comune ha ritenuto di grande interesse la realizzazione da parte degli studenti del Liceo Artistico di Gorizia intitolato proprio a Max Fabiani di un busto in bronzo e da collocarsi presso i Giardini Pubblici di Gorizia in prossimità del Trgovski dom, uno degli edifici più rappresentativi realizzati da Fabiani in città. Ma ha valutato anche positivamente la proposta di realizzazione di una mostra da allestirsi proprio al Trgovski dom il cui contenuto specifico è la rappresentazione dell'architettura di Max Fabiani nel Goriziano attraverso fotografie dei principali edifici e monumenti presenti in città e nei dintorni(Lucinico, Sempeter, Vrtojba), con attenzione ai dettagli architettonici e ai materiali che Fabiani usava per la loro costruzione quale rappresentazione del suo stile architettonico (secessionista, a tratti barocco, romanico). Per questi motivi con uno stanziamento complessivo di 10 mila euro, € 6.000,00 per la realizzazione del busto e di € 4.000,00 per l'allestimento della mostra, Gorizia, come deliberato il 30 novembre 2015, celebrerà i 150 anni della nascita di Fabiani in modo rilevante. Quella della cultura  dovrebbe essere la vera via maestra da perseguire con convinzione a Gorizia per salvarla da quel declino inesorabile alla quale sembra essere diretta. Certo, non si deve dimenticare il rapporto che Fabiani ha avuto con il fascismo. E' stato podestà della sua nativa Štanjel, (annessa all'Italia dopo la prima guerra mondiale e dal '47 alla Jugoslavia prima e Slovenia poi) per il regime fascista dal '35 al '45, segretario dell'Ordine degli ingegneri e architetti di Gorizia (1925-45) sotto il fascismo, e membro della direzione nazionale degli Ordini fra il 1927 ed il '31, sotto il fascismo. Dal 1938 al 1962 fu ispettore onorario della soprintendenza ai monumenti per la provincia di Gorizia. E paradossalmente sarà proprio l'edificio come da lui progettato a Trieste, il Narodni Dom nel 1920, a divenire il simbolo delle barbarie compiute dal nazionalismo italiano contro gli sloveni, sorte similare  poi toccherà al Trgovski dom a Gorizia nel 1926. Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom,un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, accompagnati dal manganello, dal motto me ne frego e dalla solita camicia nera entrarono violentemente nelle sale della banca commerciale slovena gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri,documenti, mobili,oggetti,simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia, già. Applauso che prese maggiore forza quando venne rimossa l'insegna del Trgovski Dom. 


Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …