Passa ai contenuti principali

In Italia studiare all'Università è costoso, pochi aiuti economici con l'eccezione del FVG


Avevo già segnalato un recente studio sulla questione diritto all'istruzione e sul fatto che l'Italia rischia di diventare un miraggio per una platea sempre più enorme di persone. Ora è stata pubblicata 
la Settima Indagine Eurostudent, promossa e co-finanziata dal Miur -che ha analizzato le condizioni di vita e di studio degli studenti italiani iscritti nell’anno accademico 2011-2012 a corsi di laurea, di laurea magistrale o di laurea magistrale a ciclo unico delle università statali e non statali. Andando a guardare alcuni dati, in merito al sistema del DSU, (borse di studio, collaborazione part-time, contributo per la mobilità internazionale, altri aiuti economici) o indiretti (esonero totale, esonero parziale), solo nel Friuli Venezia Giulia più della metà degli studenti iscritti negli atenei della regione hanno ottenuto almeno un aiuto economico. 

“La capacità del Dsu è meno estesa nel Mezzogiorno, soprattutto nelle Isole, dove gli studenti che hanno avuto accesso agli aiuti economici sono meno del 30%”. Studiare è costoso, e lo è ancor di più per i così detti fuori casa il cui costo medio è non inferiore ai novemila euro l’anno. “Per tutti, l’alloggio rappresenta l’uscita più consistente, pari al 35,6% del totale. Il vitto è al secondo posto, pesando per circa un quinto delle spese totali. Seguono le tasse universitarie, i trasporti, le spese per i libri e gli altri materiali didattici. Nell’insieme, l’alloggio, i trasporti e le tasse universitarie rappresentano il 56,7% della spese, un dato pienamente allineato con la grande maggioranza dei paesi che partecipano all’Indagine Eurostudent. Le famiglie costituiscono la fonte primaria di supporto degli studenti che vivono “fuori casa”. Esse forniscono oltre il 70% delle risorse. In quattro casi su cinque il contributo della famiglia rappresenta una fonte di entrata quasi esclusiva, pari a circa il 90% del totale, mentre le altre fonti di entrate hanno un ruolo secondario e integrativo”.
35,3 è la percentuale di studenti che hanno fruito di almeno un aiuto economico 1,7 è la percentuale di studenti che alloggiano in una residenza del Dsu 7,3 è la percentuale di studenti che hanno avuto l’esonero totale da tasse e contributi 6,7 è la percentuale di studenti che hanno ottenuto una borsa di studio del Diritto allo studio. 

Quali le criticità del nostro sistema? Lo stallo della capacità d’intervento del sistema del Dsu, fermo da anni su base nazionale e in riduzione nelle regioni meridionali; la riduzione della percentuale di studenti che hanno ottenuto una borsa di studio; la diminuzione della percentuale di studenti che lavorano, con conseguente riduzione della capacità di aiuto-finanziamento e maggiore dipendenza dalle famiglie; la valutazione prevalentemente negativa della preparazione pratica offerta dai corsi di studio; la percentuale di studenti in difficoltà economica per effetto della crisi, soprattutto nelle università meridionali e fra le donne over 25 7. Ma anche l’aumento delle disparità territoriali fra Sud e Centro-Nord del paese, e il peggioramento della condizione studentesca nelle università meridionali; lo squilibrio nella composizione delle entrate: il finanziamento delle famiglie è più di 1,5 volte la media europea, l’aiuto pubblico è meno della metà della media europea; le impari opportunità di accesso alla mobilità internazionale degli studenti in condizioni socio-economiche svantaggiate (possibilità dimezzate rispetto agli altri); la percentuale di studenti che terminano la mobilità internazionale senza aver conseguito un solo credito, con dispersione di risorse personali e finanziarie.
Insomma il diritto pieno all'istruzione, in Italia, rischia realmente di diventare un privilegio per pochi, o forse a dirla tutta, lo è già diventato. 


Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

Per essere un Paese migliore si deve chiedere scusa,ed alcune date di Gorizia da non dimenticare

Quanto è difficile chiedere scusa, eppure chiedere scusa è il primo passo necessario non tanto per ricominciare, ma per avviare un percorso diverso, più onesto, più eticamente e moralmente corretto. Il Papa, ad esempio, qualche passo tenue nei confronti degli omosessuali lo sta facendo, Obama si è recato ad Hiroshima, gesto importante, ma non ha osato chiedere scusa per quel crimine immenso compiuto contro inermi civili. Tante barbarie nel corso della storia sono state compiute in nome e per conto dell'Italia. Dalla “piemontesizzazione del Sud”, ai massacri della prima guerra mondiale, al regime fascista, alle violenze e crimini compiuti nelle terre occupate, in Africa, Albania, Grecia, in Jugoslavia. Mai scusa si è chiesto per ciò. Eppure basterebbe poco, chiedere scusa per restituire dignità all'Italia, il cui nome è stato usurpato dalle peggiori nefandezze. Il problema è che quando pretendi ciò ti etichettano spesso come anti-italiano. A parer mio il peggior modo di essere…