Passa ai contenuti principali

In Italia studiare all'Università è costoso, pochi aiuti economici con l'eccezione del FVG


Avevo già segnalato un recente studio sulla questione diritto all'istruzione e sul fatto che l'Italia rischia di diventare un miraggio per una platea sempre più enorme di persone. Ora è stata pubblicata 
la Settima Indagine Eurostudent, promossa e co-finanziata dal Miur -che ha analizzato le condizioni di vita e di studio degli studenti italiani iscritti nell’anno accademico 2011-2012 a corsi di laurea, di laurea magistrale o di laurea magistrale a ciclo unico delle università statali e non statali. Andando a guardare alcuni dati, in merito al sistema del DSU, (borse di studio, collaborazione part-time, contributo per la mobilità internazionale, altri aiuti economici) o indiretti (esonero totale, esonero parziale), solo nel Friuli Venezia Giulia più della metà degli studenti iscritti negli atenei della regione hanno ottenuto almeno un aiuto economico. 

“La capacità del Dsu è meno estesa nel Mezzogiorno, soprattutto nelle Isole, dove gli studenti che hanno avuto accesso agli aiuti economici sono meno del 30%”. Studiare è costoso, e lo è ancor di più per i così detti fuori casa il cui costo medio è non inferiore ai novemila euro l’anno. “Per tutti, l’alloggio rappresenta l’uscita più consistente, pari al 35,6% del totale. Il vitto è al secondo posto, pesando per circa un quinto delle spese totali. Seguono le tasse universitarie, i trasporti, le spese per i libri e gli altri materiali didattici. Nell’insieme, l’alloggio, i trasporti e le tasse universitarie rappresentano il 56,7% della spese, un dato pienamente allineato con la grande maggioranza dei paesi che partecipano all’Indagine Eurostudent. Le famiglie costituiscono la fonte primaria di supporto degli studenti che vivono “fuori casa”. Esse forniscono oltre il 70% delle risorse. In quattro casi su cinque il contributo della famiglia rappresenta una fonte di entrata quasi esclusiva, pari a circa il 90% del totale, mentre le altre fonti di entrate hanno un ruolo secondario e integrativo”.
35,3 è la percentuale di studenti che hanno fruito di almeno un aiuto economico 1,7 è la percentuale di studenti che alloggiano in una residenza del Dsu 7,3 è la percentuale di studenti che hanno avuto l’esonero totale da tasse e contributi 6,7 è la percentuale di studenti che hanno ottenuto una borsa di studio del Diritto allo studio. 

Quali le criticità del nostro sistema? Lo stallo della capacità d’intervento del sistema del Dsu, fermo da anni su base nazionale e in riduzione nelle regioni meridionali; la riduzione della percentuale di studenti che hanno ottenuto una borsa di studio; la diminuzione della percentuale di studenti che lavorano, con conseguente riduzione della capacità di aiuto-finanziamento e maggiore dipendenza dalle famiglie; la valutazione prevalentemente negativa della preparazione pratica offerta dai corsi di studio; la percentuale di studenti in difficoltà economica per effetto della crisi, soprattutto nelle università meridionali e fra le donne over 25 7. Ma anche l’aumento delle disparità territoriali fra Sud e Centro-Nord del paese, e il peggioramento della condizione studentesca nelle università meridionali; lo squilibrio nella composizione delle entrate: il finanziamento delle famiglie è più di 1,5 volte la media europea, l’aiuto pubblico è meno della metà della media europea; le impari opportunità di accesso alla mobilità internazionale degli studenti in condizioni socio-economiche svantaggiate (possibilità dimezzate rispetto agli altri); la percentuale di studenti che terminano la mobilità internazionale senza aver conseguito un solo credito, con dispersione di risorse personali e finanziarie.
Insomma il diritto pieno all'istruzione, in Italia, rischia realmente di diventare un privilegio per pochi, o forse a dirla tutta, lo è già diventato. 


Commenti

Post popolari in questo blog

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

Attraversando Pordenone (foto)

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …