Passa ai contenuti principali

In Italia studiare all'Università è costoso, pochi aiuti economici con l'eccezione del FVG


Avevo già segnalato un recente studio sulla questione diritto all'istruzione e sul fatto che l'Italia rischia di diventare un miraggio per una platea sempre più enorme di persone. Ora è stata pubblicata 
la Settima Indagine Eurostudent, promossa e co-finanziata dal Miur -che ha analizzato le condizioni di vita e di studio degli studenti italiani iscritti nell’anno accademico 2011-2012 a corsi di laurea, di laurea magistrale o di laurea magistrale a ciclo unico delle università statali e non statali. Andando a guardare alcuni dati, in merito al sistema del DSU, (borse di studio, collaborazione part-time, contributo per la mobilità internazionale, altri aiuti economici) o indiretti (esonero totale, esonero parziale), solo nel Friuli Venezia Giulia più della metà degli studenti iscritti negli atenei della regione hanno ottenuto almeno un aiuto economico. 

“La capacità del Dsu è meno estesa nel Mezzogiorno, soprattutto nelle Isole, dove gli studenti che hanno avuto accesso agli aiuti economici sono meno del 30%”. Studiare è costoso, e lo è ancor di più per i così detti fuori casa il cui costo medio è non inferiore ai novemila euro l’anno. “Per tutti, l’alloggio rappresenta l’uscita più consistente, pari al 35,6% del totale. Il vitto è al secondo posto, pesando per circa un quinto delle spese totali. Seguono le tasse universitarie, i trasporti, le spese per i libri e gli altri materiali didattici. Nell’insieme, l’alloggio, i trasporti e le tasse universitarie rappresentano il 56,7% della spese, un dato pienamente allineato con la grande maggioranza dei paesi che partecipano all’Indagine Eurostudent. Le famiglie costituiscono la fonte primaria di supporto degli studenti che vivono “fuori casa”. Esse forniscono oltre il 70% delle risorse. In quattro casi su cinque il contributo della famiglia rappresenta una fonte di entrata quasi esclusiva, pari a circa il 90% del totale, mentre le altre fonti di entrate hanno un ruolo secondario e integrativo”.
35,3 è la percentuale di studenti che hanno fruito di almeno un aiuto economico 1,7 è la percentuale di studenti che alloggiano in una residenza del Dsu 7,3 è la percentuale di studenti che hanno avuto l’esonero totale da tasse e contributi 6,7 è la percentuale di studenti che hanno ottenuto una borsa di studio del Diritto allo studio. 

Quali le criticità del nostro sistema? Lo stallo della capacità d’intervento del sistema del Dsu, fermo da anni su base nazionale e in riduzione nelle regioni meridionali; la riduzione della percentuale di studenti che hanno ottenuto una borsa di studio; la diminuzione della percentuale di studenti che lavorano, con conseguente riduzione della capacità di aiuto-finanziamento e maggiore dipendenza dalle famiglie; la valutazione prevalentemente negativa della preparazione pratica offerta dai corsi di studio; la percentuale di studenti in difficoltà economica per effetto della crisi, soprattutto nelle università meridionali e fra le donne over 25 7. Ma anche l’aumento delle disparità territoriali fra Sud e Centro-Nord del paese, e il peggioramento della condizione studentesca nelle università meridionali; lo squilibrio nella composizione delle entrate: il finanziamento delle famiglie è più di 1,5 volte la media europea, l’aiuto pubblico è meno della metà della media europea; le impari opportunità di accesso alla mobilità internazionale degli studenti in condizioni socio-economiche svantaggiate (possibilità dimezzate rispetto agli altri); la percentuale di studenti che terminano la mobilità internazionale senza aver conseguito un solo credito, con dispersione di risorse personali e finanziarie.
Insomma il diritto pieno all'istruzione, in Italia, rischia realmente di diventare un privilegio per pochi, o forse a dirla tutta, lo è già diventato. 


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…