Passa ai contenuti principali

Quale il futuro di Gorizia nella nuova politica regionale del FVG? Diventare Regione autonoma?


Trieste ed Udine svolgono la parte da leone, magari non quello della Serenissima, ma pur sempre leone. Un leone che ora ruggisce, inizia a far sentire la propria ringhiosa voce, per vedere trasformata la nostra Regione, in due sotto Regioni, quella di Trieste e quella di Udine, che siano zone metropolitane od altro poco muta. Per ora un leone che ruggisce, ma che non graffia, ma graffierà. Pordenone e Gorizia, in tutto ciò vengono considerate come realtà marginali, estremamente periferiche, il cui destino sembra essere o verso il Friuli o verso Trieste. 
Quale il futuro di Gorizia in tutto ciò? 
Gli effetti del Trattato di Pace ed atti conseguenti, sono stati nefasti soprattutto per Gorizia.  Se fosse stata assegnata alla Jugoslavia le cose sarebbero state diverse, forse sarebbe stato giusto, per il bene di Gorizia,chissà, ma così non è stato ed il fatto che questa città sia stata smembrata ed abbia perso parte del suo storico imperiale territorio è stato certamente un fattore che oggi paga caramente. E dunque, per ovvietà, si guarda a Nova Gorica. 
Non esistono più muri reali, ma confini invisibili, storia passata ed un futuro che rischia di frammentare ancora di più Gorizia ed il suo territorio rendendola semplicemente periferia nella periferia delle future zone metropolitane che più di qualcuno vorrebbe in FVG. Spesso il si potrebbe questo e quello si smarrisce nel nulla, un nulla che comporta la desertificazione dei luoghi e degli spazi. E' necessario un colpo di vitalità, di modernità, che sappia armonizzare la storia, il patrimonio artistico e culturale con il giusto progresso ed agganciarsi al mondo che cammina e non si perde in dilemmi logoranti ed esistenziali del se pol o no se pol.
Mi domando se a Nova Gorica si pongono gli stessi interrogativi che sorgono a Gorizia. Eppure sono fisicamente una sola città, ma quanto ci parla? 
Quali condivisioni sono possibili? E' inimmaginabile pensare ad una ipotetica Regione autonoma transfrontaliera di Gorizia e Nova Gorica? 
Che sappia dare un mero impulso vitale a questa estrema periferia d'Italia e di Slovenia? Sedersi intorno ad un tavolo, ragionare per il futuro concreto e non possibilista, maturare accordi di portata e respiro internazionale, per realizzare una nuova entità, una immensa zona franca internazionale, è una delle opzioni da prendere in considerazione, altrimenti il futuro di Gorizia e dell'Isontino alto e basso sembra essere inesorabilmente tracciato. Declino. 
D'altronde nulla è eterno, tutto è mutabile ed il quadro geopolitico dell'Europa è in fermento e di questo se ne deve prendere atto, come si deve prendere atto del fatto che il sistema Italia su Gorizia certamente ha fallito. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…