Passa ai contenuti principali

La strage di Kunduz finirà presto nel dimenticatoio?


Un messaggio, sulla pagina facebook, di Medici Senza Frontiere, breve ma drammatico: “Confermiamo che nell'attacco al nostro ospedale a #‎Kunduz sono stati uccisi 12 operatori ‪#‎MSF‬ e 10 pazienti (ieri erano 7), tra cui 3 bambini. Ribadiamo che l’edificio principale dell’ospedale è stato colpito in modo ripetuto e molto preciso durante ciascuno dei raid aerei. Questo attacco rappresenta una grave violazione del Diritto Internazionale Umanitario. Chiediamo che venga avviata un’investigazione completa e trasparente sull’accaduto, condotta da un ente internazionale indipendente”. Intanto, il Segretario generale della NATO il 4 ottobre ha dichiarato dopo aver riconosciuto il lavoro umanitario straordinario che svolge in tutto il mondo Medici Senza Frontiere, e che svolgono un ruolo importante nel contribuire a creare le condizioni per un futuro migliore per il popolo afghano, che una indagine degli Stati Uniti “in questo tragico incidente è in corso in coordinamento con il governo afgano”.
Mentre i Russi,  per il tramite della portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, evidenziano che “ questo ( con riferimento a Kunduz) non è nella maniera più assoluta l'unico caso in cui, in Afghanistan, dei civili sono rimasti uccisi a causa dell'uso sconsiderato delle armi da parte degli americani. Condanniamo con decisione questo attacco aereo lanciato contro una struttura civile e pretendiamo l'avvio di un'indagine immediata e obiettiva che faccia luce su quanto accaduto per identificare e punire i responsabili di questa tragedia" In Occidente si cerca di liquidare il tutto nel semplicismo del danno collaterale o dell'incidente, si prende tempo aspettando l'inchiesta che si auspica indipendente, e si pone quella vicenda, dopo pochissime ore dall'accaduto, come trafiletto mediatico, per poi sparire nella voracità della società. 
Mi domando, ma se quell'attacco scellerato fosse stato mosso, ad esempio, dai russi? Si parlerebbe ancora di danno collaterale, la NATO parlerebbe di incidente? Tutto normale in un mondo sempre più conflittuale e violento, che tratta i diritti umani come spazzatura e che si appresta a vivere la più grande esercitazione militare della NATO dalla fine della guerra fredda, cosa che i media volutamente ignorano. Visti gli artefici di quel massacro, probabilmente verrà presto dimenticata la strage di Kunduz, forse perché ci sarà qualche altro evento che porrà Kunduz nel dimenticatoio e magari imputabile a qualche altra ostile soggettività. Ancora una volta il tempo risponderà. Ma per quanto ancora possiamo continuare ad essere semplici spettatori? Aspettare il prossimo nefasto e prevedibile evento?
nota: fonte Foto Link

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto