Passa ai contenuti principali

La destra goriziana è al capolinea

E' stata un fallimento clamoroso la manifestazione indetta dalla destra cittadina di Gorizia il 15 ottobre. Chiamati a raccolta, sotto il palazzo della Regione in via Roma, poche decine di persone, diversi esponenti politici, qualche tricolore, e poco distanti una decina di casapoundisti.
Manifestazione ove si è espressa irritazione per la proposta di intervento in città di Medici senza frontiere, ove si è detto che Gorizia rischiava di diventare la Lampedusa del Nord ecc. Nessun mea culpa, nessuna ammissione di responsabilità, neanche minima, in merito al fatto che il muro edificato volutamente dalla destra ha favorito lo stato di tensione in città e soprattutto passività, le cui conseguenze giuridiche verranno valutate dalle giuste autorità, quelle politiche, etiche e morali, invece, sono state già valutate da buona parte dei goriziani. Chi ha leso l'immagine della città è chi ha alzato i muri e non chi ha lottato, per mesi, per l'affermazione di diritti umanitari. Una parte considerevole della città certamente non ha sentimenti di "sinistra" diffusi, ma non è certamente rimasta indifferente in merito al trattamento disumano, degradante, squallido che è stato riservato per mesi e mesi a chi è fuggito dalla guerra e giunto a Gorizia per chiedere aiuto, protezione, diritti garantiti dalla Legge. Una città che ospita la Commissione Territoriale, già ridimensionata nelle sue competenze, dovrebbe essere pronta, preparata a certe e date situazioni  invece come i fatti hanno evidenziato non lo è. Potrebbe anche chiudere la Commissione Territoriale, ma se chiuderà questa, chiuderà anche la Prefettura, la cui ratio esistenziale è data propria dalla questione immigrazione, e poi, sarà declino totale.   
L’accoglienza del richiedente asilo é un obbligo giuridico per gli Stati membri dell’Unione europea. La Direttiva n. 2003/9/CE prevede norme minime sull’accoglienza dei richiedenti asilo finalizzate a “garantire loro un livello di vita dignitoso e condizioni di vita analoghe in tutti gli Stati membri”. E risultano certamente violati i seguenti articoli della nostra Costituzione, quali l'articolo 3 e 10 oltre che i seguenti articoli della Carta Europea dei diritti dell'Uomo che nel dicembre 2009, con l’entrata in vigore del trattato di Lisbona, ha acquisito lo stesso effetto giuridico vincolante dei trattati, quali il 1,3,6,20,21,34,35, da parte di chi sostiene istanze o promuove manifestazioni che fomentano intolleranze nei confronti dei migranti e richiedenti asilo. L'immagine che si percepisce oltre i muri invisibili di Gorizia è che questa città sia inospitale, sia non accogliente, reazionaria, che ha tradito il suo essere luogo di frontiera, il suo essere luogo di multiculturalismo. Gorizia è una città che ha visto dal 1948 ad oggi quasi sempre sindaci della DC. E la DC a Gorizia ha governato fino al 1993 cioè fino a quando Andreotti è stato un protagonista attivo della vita politica italiana e fino a quando la DC ha avuto il suo ultimo respiro. Città che ha fatto della moderazione il suo stile di vita nel corso di questi ultimi decenni. Questa volta la destra sembra essere al capolinea. Gorizia, come avevo già denunciato questa primavera, è diventata un simbolo per i reazionari, un simbolo per l'estrema destra, ed anche per i nostalgici del fascismo e per i neofascisti ed i centenari storici se governati in cattivo modo svolgeranno una funzione di attrazione, in tal senso, micidiale
Non è un caso che ci sia una concentrazione di certe manifestazioni di estrema destra in città. Non è un caso che la questione migranti a Gorizia sia diventata uno strumento politico. Non è più possibile continuare a vedere a Gorizia manifestazioni che si scontrano con i valori ed i principi della nostra Costituzione e con i principi fondamentali della Carta Europea dei diritti dell'uomo. Gorizia è in questo momento un laboratorio e di ciò se ne deve prendere atto, soprattutto in un momento in cui la destra governativa è certamente in difficoltà. 
Vi sono vari tipi di laboratori, alcuni possono essere funzionali alla pacificazione sociale, altri ad estremizzare i conflitti per alzare lo stato di tensione, altri a favorire soluzioni ungheresi, ultra-nazionaliste, anticostituzionali, e che andrebbero bandite a priori, altri finalizzati a sancire la pulizia di tutte quelle istanze ideologiche che hanno segnato il '900, che Gorizia ha conosciuto pienamente, per una società altra, ma senza alcuna identità specifica. 
Penso che sia arrivato il momento di avviare una sana e complessiva riflessione sulla questione di Gorizia perché non è più possibile vivere alla giornata, pensando di risolvere i problemi con i supereroi, cosa che non deve esistere, perché la vita reale non è un fumetto Marvel, e neanche con l'esasperazione dell'io, male assoluto della politica e della società. Perché a quel punto la politica non è più servizio ai cittadini, ma miseria umana. Non è più possibile vivere di pseudo-emergenze, vivere senza avere una visione complessiva, una progettualità duratura e stabile, e dover ogni volta rincorrere ogni goccia che scivola via dal vaso per riportarla nel suo vaso, per poi vederla nuovamente uscire, senza comprendere che il problema è il vaso stracolmo d'acqua turbolenta e non la goccia che fugge, forse anche inconsapevolmente, dal vaso. 

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Togliatti: "tutte le campagne circa le persecuzioni degli italiani in Jugoslavia sono calunnie e menzogne"

Togliatti nella prima pagina dell'Unità del 7 novembre 1946, racconta il suo viaggio a Belgrado e l'incontro con il Maresciallo Tito. "Il Maresciallo Tito mi ha dichiarato di essere disposto a consentire che Trieste appartenga all'Italia, cioè sia sotto la Sovranità della Repubblica italiana qualora l'Italia consenta di lasciare Gorizia alla Jugoslavia, città che anche secondo i dati del nostro ministero degli esteri è in prevalenza slava. La sola condizione che il Maresciallo Tito pone è che Trieste riceva in seno alla Repubblica italiana uno statuto autonomo effettivamente democratico che permetta ai triestini di governare la loro città ed il loro territorio secondo principi democratici". Alla domanda, cosa pensava di questa proposta, Togliatti, rispose: io penso che è ora di smetterla di servirsi della questione triestina per seminare discordia tra due popoli i quali sono entrambi popoli di lavoratori che debbono collaborare nel modo più stretto allo scop…

Il concerto di Trieste per la sofferenza degli innocenti ed il discorso assurdo di Arguello al Family Day

Domenica 25 giugno, alle ore 20.30, piazza Unità d’Italia, ospiterà il concerto “La sofferenza degli innocenti”, organizzato da Diocesi, Comunità Ebraica e il Comune di Trieste. Si legge che "composta da Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale, l'opera sinfonico-catechetica presenta la sofferenza di una madre ebrea, Maria di Nazareth, che vede uccidere suo figlio, una sofferenza inaudita che le attraversa l'anima, una spada, un dolore assimilato a quello di ogni madre davanti alla morte dei propri figli, vittime innocenti in tanti campi di concentramento come Auschwitz, Majdanek, Mauthausen, Treblinka, Trieste." Tutti coloro che parteciperanno a quel concerto dovrebbero avere ben ferme nella mente le parole assurde pronunciate da Argüello nel suo discorso, al Family day del 2015 a Roma,  tra le altre cose applaudito, con uno striscione enorme alle spalle con scritto "stop gender nelle scuole". Una riflessione che nasce sul femminicidio e da un…