Passa ai contenuti principali

La commissione parlamentare di inchiesta su Aldo Moro è lontana dalla verità o vicina alla verità?




Il componente della Commissione, parlamentare di inchiesta sul rapimento e sulla morte di Aldo Moro, Gero Grassi, rivolgendosi al Dott. Pignatone, nell'audizione del 21 ottobre 2015, dichiara che “ come Commissione, noi fondiamo la nostra esistenza sul presupposto, derivante dall'approvazione della legge lo Stato, che la verità sul caso Moro non c’è ancora. Il nostro obiettivo, ovviamente, nel pieno rispetto della divisione dei poteri, principio ultimamente abbastanza violato, non è quello di fare un'indagine giudiziaria. Il nostro obiettivo è diverso ed è di raggiungere una verità storica che possa essere trasferita al Paese, non tanto per rimediare ai guai del passato, quanto per evitare quelli del futuro. Se poi quello che noi facciamo produce implicazioni di natura giudiziaria, spetta a voi valutare e procedere.  (..) Un anno di esperienza in questa Commissione ci induce a ritenere – molto più di quello che abbiamo pensato, scritto e approvato in occasione della legge – che dalla verità siamo lontani, ma ci induce anche a poter dire, con un'approssimazione che può variare da parlamentare a parlamentare all'interno della Commissione, ma che mai potrà avvicinarsi allo zero, che questi trentasette anni sono stati caratterizzati da omissioni e azioni dilatorie, per dirla «da siciliano», di componenti diverse dello Stato che hanno fatto finta di non capire, di non vedere e di non sentire. Ho detto «siciliano» con rispetto per la provenienza regionale del dottor Pignatone, anche perché è notorio che ha svolto grande opera meritoria in Sicilia per un lungo periodo.  La domanda che le faccio – ovviamente, capisco che la sua possa essere una risposta a sensazione – mi serve per suffragare anche l'impegno e la volontà che noi mettiamo nel raggiungimento di questo obiettivo. Lei, che per pochi anni si è interessato del caso Moro, da quando è venuto a Roma, ritiene che ci siano margini di miglioramento sulla strada della verità ? Le faccio questa domanda, che può sembrare ingenua, perché sono interessato, da un lato, a conoscere la sua opinione e, dall'altro, a smentire anche suoi colleghi che in questa e in altre sedi hanno usato, dal punto di vista del rispetto istituzionale, turpiloquio nei confronti della Commissione, dicendoci che stiamo raggiungendo una verità che si conosce ormai da trentasei anni.  Non so se sono stato sufficientemente chiaro. Comunque la ringrazio della sua disponibilità”. 
Dunque è vicina alla verità? O lontana dalla verità che storicamente è nota e  che contrasta con quella giudiziaria? Quella che tutti sanno ma che nessuno è in grado di provare? Tra menzogne di brigatisti, coinvolgimenti di servizi di chissà quanti Paesi, persone manipolate, sviamenti, linguaggi in codice, per arrivare al dunque, uccidere una persona scomoda per tanti per diverse ragioni, magari di Stato? Già, ragioni di Stato. Quali poi sono queste ragioni di Stato è tutto da comprendere. 
Intanto, il Presidente della Commissione ha concluso l'audizione ricordando che “ Poiché nella nostra serie di indagini abbiamo trovato profili di DNA, gli manderemo una lettera per richiedergli di fare gli accertamenti su tutti i brigatisti che, in base alle sentenze, risultano coinvolti nel caso Moro”. Probabilmente questa sarà l'ultima Commissione d'inchiesta sul Caso Moro, ma non riuscirà a mettere la parola fine su questa vicenda, perché sono trascorsi pochi anni dal fatto, perché la maggior parte delle persone coinvolte sono ancora vive, hanno ruoli variegati in questa nostra cattiva società italiana, perché gli equilibri di poteri, pur con qualche turbolenza, alla fine sono rimasti invariati.

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…