Passa ai contenuti principali

In provincia di Gorizia diverse misure cautelari su disposizione della DDA


Recentemente è stato lanciato l'allarme sulla questione mafie ed in particolar modo sull'attenzione della 'ndrangheta, che spadroneggia nel campo della cocaina, in provincia di Gorizia, territorio che vive una grande depressione a livello sociale ed economico e dove l'attenzione della criminalità organizzata sussiste.  La Polizia di Stato e l’Arma dei Carabinieri hanno eseguito, nelle prime ore del 21 ottobre, una decina di misure cautelari nell’ambito di una vasta operazione antidroga avviata in provincia di Gorizia. Analoghe misure, per un totale di 51 ordinanze emesse dalla D.D.A. di Milano, sono state eseguite in altre province italiane. Dal comunicato reso noto dalle autorità emerge che "i  fatti risalgono ad una sera del marzo 2010 quando, durante un intervento per lite in famiglia a Grado (GO), un uomo confessò che la sua particolare esagitazione era dovuta al consumo di cocaina indicando altri consumatori e fornitori. Da lì iniziò un’attività d’indagine, indirizzata nei confronti del soggetto che effettuava viaggi da Milano verso la provincia di Gorizia trasportando la cocaina all’interno di un vano nascosto ricavato al posto dell’airbag lato passeggero della sua Mini Cooper, per poi venderla a consumatori locali. Il suo arresto in flagranza di reato avvenne il 24 aprile successivo, allorquando P.P. fu fermato proveniente da Milano alla guida della sua Mini Cooper; con sé aveva 40 grammi di cocaina e 14.000 euro in contanti. Fu la svolta verso il livello superiore, quello dei fornitori milanesi inseriti in un vasto giro coinvolgente un gran numero di persone, contemporaneamente indagate anche da altri Uffici.(...)". L’indagine prese il nome di “Cooper”, dal nome della vettura utilizzata e il suo nascondiglio segreto.  Da quei fatti è intercorso del tempo, necessario allo sviluppo delle attività investigative, alla raccolta degli elementi ed al magistrato della D.D.A. di Milano per formulare la sua richiesta con ben 189 capi d’imputazione al G.I.P. emittente le misure cautelari eseguite nella mattinata del 21 ottobre 2015. Insomma una operazione di grande rilievo e che conferma la problematicità sussistente anche in FVG e nel goriziano su tale questione, che non può più continuare ad essere sottovalutata dalla politica in primo luogo. Così come da approfondire sono i legami che possono sussistere tra il goriziano e l'area del milanese ove la 'ndrangheta e non solo esercita un dominio a dir poco inquietante. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

Attraversando Pordenone (foto)

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …