Passa ai contenuti principali

Salvini a Gusti di Frontiera? Allora quel giorno l'ora salviniana verrà boicottata

Più di 300 stand, 19 borghi, una manifestazione fondamentale per l'economia e l'immagine della città di Gorizia. Eppure, almeno per la seconda volta, questa manifestazione, anche se per poco tempo, verrà in qualche modo "usata" come vetrina politica da parte del capo della Lega Nord, Salvini. Le politiche della lega nord sono chiare, i rapporti con casapound, che vedono un dono l'essere d'ispirazione fascista, sono altrettanto ben noti. Il punto è che non viene a Gusti di Frontiera come semplice cittadino, ma nel comunicato leghista che circola in rete, è previsto "l'arrivo di Salvini sabato 26 settembre alle ore 16.00, giro di 1 ora a Gusti di Frontiera e partenza alle 17.00" per poi fare un salto anche al Parco della Rimembranza. Dunque chiara operazione politica. Tour che rientra all'interno di quella campagna che la Lega Nord sta costruendo in regione. Ciò lo reputo inaccettabile, a prescindere dal colore politico, quale usare Gusti di Frontiera come vetrina politica, ma è ancor di più inaccettabile, per i colori, i pensieri, le politiche che la Lega Nord sostiene e vorrebbe attuare in questo nostro Paese. Ed allora, quel giorno, almeno nell'ora “salviniana” Gusti di Frontiera andrà boicottata, visto che non sarà presente in qualità di semplice cittadino, ma all'interno del tour che viene realizzato nella nostra regione. Il 19 settembre ha già segnato il dibattito in città in modo significativo, anche se la cosa più grave, che politicamente è accaduta, oltre all'apertura della sede di Casapound, è a parer mio la delazione politica che è stata posta in essere da una persona che fino a pochi giorni prima del 19 rispettavo, specialmente per le sue campagne in materia di accoglienza per i profughi.. Voi cosa pensereste di una persona che viene invitata a partecipare ad una riunione interna e riservata, cosa che era nota e ribadita prima della riunione ed ovviamente, come intelligenza, specialmente politica, vorrebbe, era ovvio che tutto quello che lì veniva detto lì doveva rimanere, visto che era una riunione riservata, che poco oltre la metà della riunione va via, non ascoltando quindi tutti gli interventi, tutto il dibattito, certamente animato e caldo per la tematica affrontata, e soprattutto non ascolta le conclusioni, e poi sia sui giornali che in rete sfiducia praticamente gli organizzatori dell'evento che deriverà da quella riunione, offende, per non dire altro, con il suo comportamento praticamente tutte le componenti politiche e sociali che in quella riunione erano presenti? Cercando, ma fallendo in modo clamoroso, di depotenziare la manifestazione antifascista contro Casapound, organizzata in neanche una settimana, in fretta, e con 250 persone presenti? Numeri in ogni caso significativi per Gorizia? Che è una persona, sicuramente dal punto di vista politico, non affidabile. E che certamente non verrà più coinvolta, perché è stata lei ad escludersi, stante il suo comportamento, in tutte quelle iniziative, che quella realtà complessa, viva, organica e plurale,quale l'Osservatorio regionale Antifascista del FVG con tutte le sue componenti sociali presenti, intenderà portare avanti, e che porterà avanti nel nostro territorio e nella città di Gorizia. Purtroppo queste situazioni accadono quando a volte si pensa solo a situazioni elettorali, quando si pensa che una città sia di proprietà solo di alcuni e pochi "eletti", e che solo questi eletti possano avere il diritto di sancire cosa dire o non dire, fare o non fare ecc alla faccia della democrazia e di vivere in luoghi senza più confini.
In ogni caso da questo tipo di persone non si accettano lezioni, di nessun tipo, specialmente quando si affrontano questioni, che ogni giorno ci vedono in primo piano, con tutti gli annessi e connessi, rischi e non rischi, quali l'antifascismo, l'antirazzismo in primo luogo. Il 19 settembre è stata difesa anche la nostra Costituzione, che qualcuno non vorrebbe antifascista semplicemente perché non vi è mai la parola antifascista, roba da non credere, banalità dell'ignoranza. Il 19 settembre, dopo il 23 maggio hanno evidenziato che Gorizia è una città simbolo, sicuramente a livello regionale, importante, e questa attenzione su quello che accade in questa città non verrà meno, e dunque, in piena armonia con il 23maggio ed il 19settembre l'ora salviniana andrà, a parer mio, boicottata secondo le modalità democratiche che ognuno riterrà più opportune. Poi se Salvini deciderà di fare un passo indietro e di non venire in qualità di capo leghista a Gusti di Frontiera, all'interno del suo tour in regione, se ne prenderà atto.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…