Passa ai contenuti principali

Il Consiglio Comunale di Ronchi dice no alla fusione e sì alla difesa del Comune

I motori iniziano a riscaldarsi, è in corso nella Bisiacaria, o meglio in parte di essa, una battaglia non solo politica, ma democratica di una importanza storica. Si rischia di realizzare una delle fusioni più rilevanti nella storia d'Italia, senza che ci sia stato un reale iniziale e significativo coinvolgimento della comunità, la quale ora si trova costretta ad affrontare un referendum per dire sì o no alla fusione con Monfalcone e Staranzano e Ronchi, che, per come concepita, altro effetto non avrebbe che determinare la morte di Ronchi e Staranzano a favore della vicina Monfalcone. Discorso diverso sarebbe stato coinvolgere tutti i comuni della Bisiacaria, per meglio equilibrare la rappresentanza del Territorio, dell'identità specifica, della storia, della necessità che ogni singolo Comune, pur essendo confinante, mantiene e difende e vorrà mantenere e vorrà, giustamente difendere. E non chiamatelo campanilismo.  Nessun beneficio deriverà dalla fusione come concepita, nei confronti della quale ho già espresso diverse opinioni e considerazioni altamente critiche. Ed i paventati incentivi economici, irrisori, e limitati, serviranno in gran parte a sostenere la nuova macchina amministrativa che dovrà nascere. Ogni operazione di speculazione politica, territoriale, funzionale a favorire determinati potentati economici, deve essere contrastata.  Certo, è innegabile che le nascenti UTI, in particolar modo quella dell'Adriatico, Isonzo e Carso, che interessa tutti i comuni della Bisiacaria, già mina la libera esistenza ed autonomia del Comune, ma questa fusione, per come pensata, concepita e voluta è altamente nociva per Ronchi ed anche Staranzano. Il Consiglio Comunale di Ronchi, nella seduta del 9 settembre, che ha visto la partecipazione anche di diversi cittadini, ha detto no, con 13 voti contrari, alla fusione, ed innescando un meccanismo che vuole raggiunta la maggioranza nel proprio Comune perché si possa dire sì o no a tale disastroso processo che rischia di frammentare ancor di più il nostro Territorio anziché, paradossalmente, favorirne l'unione. Ora la palla passa al nascente Comitato del NO che vedrà insieme diverse realtà di Ronchi che hanno a cuore l'autonomia, la storia, l'identità e la libera esistenza del proprio Comune e soprattutto che hanno in mente una idea diversa di democrazia, rispetto a quella sostenuta dal "sistema" che vuole questo tipo di fusione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste e Gorizia esplode l'austronostalgia

Wu Ming 1, scriveva: "Se devo scegliere tra sparare agli Asburgo in nome dei Savoia e sparare sui Savoia in nome degli Asburgo, grazie, ma preferisco sparare su entrambi. Come si legge nel Re Lear, “il tempo della vita è breve, e se viviamo, viviamo per calpestare i re”."E' innegabile che tra Gorizia e Trieste vi sia ancora una sorta di austronostalgia, anche se a dirla tutta non riesco proprio a capire come si possa essere nostalgici di un qualcosa che non è mai stato vissuto, forse ereditato a livello di testimonianza, letto nei libri, od esaltato in alcuni testi. Poco importa. E spesso ci si diverte a giostrare tra chi fosse meglio, i Borboni o gli Asburgo? E vai con l'elencazione delle opere, e delle solite ridondanti questioni . Solo che nel momento in cui implodono i nazionalismi, traballa l'ideale di Europa anche per responsabilità enormi di chi ha guidato l'Europa contro un muro di cemento armato a velocità folle, in questa piccola fetta di territo…