Passa ai contenuti principali

Il Consiglio Comunale di Ronchi dice no alla fusione e sì alla difesa del Comune

I motori iniziano a riscaldarsi, è in corso nella Bisiacaria, o meglio in parte di essa, una battaglia non solo politica, ma democratica di una importanza storica. Si rischia di realizzare una delle fusioni più rilevanti nella storia d'Italia, senza che ci sia stato un reale iniziale e significativo coinvolgimento della comunità, la quale ora si trova costretta ad affrontare un referendum per dire sì o no alla fusione con Monfalcone e Staranzano e Ronchi, che, per come concepita, altro effetto non avrebbe che determinare la morte di Ronchi e Staranzano a favore della vicina Monfalcone. Discorso diverso sarebbe stato coinvolgere tutti i comuni della Bisiacaria, per meglio equilibrare la rappresentanza del Territorio, dell'identità specifica, della storia, della necessità che ogni singolo Comune, pur essendo confinante, mantiene e difende e vorrà mantenere e vorrà, giustamente difendere. E non chiamatelo campanilismo.  Nessun beneficio deriverà dalla fusione come concepita, nei confronti della quale ho già espresso diverse opinioni e considerazioni altamente critiche. Ed i paventati incentivi economici, irrisori, e limitati, serviranno in gran parte a sostenere la nuova macchina amministrativa che dovrà nascere. Ogni operazione di speculazione politica, territoriale, funzionale a favorire determinati potentati economici, deve essere contrastata.  Certo, è innegabile che le nascenti UTI, in particolar modo quella dell'Adriatico, Isonzo e Carso, che interessa tutti i comuni della Bisiacaria, già mina la libera esistenza ed autonomia del Comune, ma questa fusione, per come pensata, concepita e voluta è altamente nociva per Ronchi ed anche Staranzano. Il Consiglio Comunale di Ronchi, nella seduta del 9 settembre, che ha visto la partecipazione anche di diversi cittadini, ha detto no, con 13 voti contrari, alla fusione, ed innescando un meccanismo che vuole raggiunta la maggioranza nel proprio Comune perché si possa dire sì o no a tale disastroso processo che rischia di frammentare ancor di più il nostro Territorio anziché, paradossalmente, favorirne l'unione. Ora la palla passa al nascente Comitato del NO che vedrà insieme diverse realtà di Ronchi che hanno a cuore l'autonomia, la storia, l'identità e la libera esistenza del proprio Comune e soprattutto che hanno in mente una idea diversa di democrazia, rispetto a quella sostenuta dal "sistema" che vuole questo tipo di fusione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nova Gorica interrompa i rapporti con Gorizia

Non è la prima volta e non sarà forse neanche l'ultima volta che Gorizia e l'Italia dovranno vivere un sabato nero. Ricevere certi nostalgici è un qualcosa di veramente incomprensibile che continua a trovare spazio e legittimazione in una zona di confine come questa che ha conosciuto più che altrove le barbarie compiute soprattutto contro gli sloveni. Non è un caso che anche Gorizia ha avuto il suo Narodni dom. Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom,un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, entrarono violentemente nelle sale del Trgovski Dom, gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri, documenti, mobili,oggetti, simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia. E' inaccettabile che nella Repubbli…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…