Passa ai contenuti principali

Cent'anni a Nordest il 31 agosto sarà a Ronchi...con Ronchi dei Partigiani e non solo




In collaborazione con circolo Arci Curiel, Ronchi dei Partigiani, Liberatorio d'Arte, libreria linea d'ombra di Ronchi, il 31 agosto alle ore 18 presso l'Auditorium di Ronchi (Go), piazzetta dell'Emigrante, Wu Ming 1, presenterà il libro Cent'anni a Nordest, edizione Rizzoli. (Qui evento facebook). Un libro che viene presentato a pochi passi dalla nuova piazza Francesco Giuseppe I d’Asburgo – Lorena, inaugurata, non casualmente, il 23 maggio 2015. Un libro che denuncia il ritorno di diversi "fantasmi" come quello, appunto, dell'austro-nostalgia che si oppone al nazionalismo italiano, nonostante la somiglianza che sussiste nelle reticenze, nelle cose negate, nei processi di revisionismo storico, che hanno lo scopo di presentare come oro ciò che oro non è e mai potrà esserlo. Come dimenticare, ad esempio, il massacro subito dai Serbi nella prima guerra mondiale? 750 mila serbi, ovvero un serbo su sei ovvero quasi il 22% della popolazione verrà spazzato via, la percentuale più alta tra tutti i Paesi coinvolti dalla prima guerra mondiale. Eppure Ronchi era austriaca, nullo da dire su ciò, con tutti i benefici che ha maturato, ma dedicare una piazzetta a colui che non si è opposto al massacro dei Serbi, alla pulizia etnica contro i serbi, a colui che ha determinato la prima guerra mondiale, mi pare una cosa a dir poco ingiustificabile. Si dirà che la storia è storia, certo, è vero, ma dedicare luoghi, piazze, targhe e vie significa essere riconoscenti a chi tale piazza, via ecc verrà intitolata, dedicata. Significa che la comunità è grata. Un libro che affronta diverse questioni, alcune toccano direttamente Ronchi e territorio circostante, altre la lontana, seppur nell'ignoranza immaginaria e visionaria collettiva vicina, Trento, e non solo, si accennerà a Ronchi dei...Partigiani, il cui libro è in attesa di essere pubblicato e su cui si farà anche il punto della situazione il 31 agosto.


Ognuno troverà dei suoi elementi cognitivi od impulsivi di riflessione, dalla lettura del libro di Wu Ming 1, che ha già fatto molto discutere, in un contesto ove se da un lato la cultura laica è omogenea nel proferire condanna senza se e ma alla prima guerra mondiale, demolendo con cognizione di causa ogni retorica e demagogia, dall'altro lato continuano le celebrazioni da parte non solo istituzionale ma anche da parte di quelle realtà che in base alla nostra costituzione non dovrebbero più esistere. Ronchi ha ospitato già in precedenza Wu Ming 1, oramai qui è di casa, e Cent'anni a Nord Est si armonizza pienamente con lo "spettacolo" Rifiuto la guerra, di e con Piero Purini che ha conosciuto il sui debutto proprio a Ronchi. E dall'incrocio di queste due importanti opere ho pensato, come scritto poi in un pregresso post, che "Ronchi potrebbe ben edificare il monumento dedicato ai renitenti, disertori, insubordinati, decimati e dimenticati nella grande macelleria umana che è stata la prima guerra mondiale, a coloro che hanno conosciuto le peggiori ingiustizie da parte dell'Italia nel primo conflitto mondiale".

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

FVG pride se la marcia evita il duomo di Udine

Si svolgerà ad Udine il FVG Pride e la notizia del 15 maggio, quando è stato reso noto il percorso è che la marcia eviterà il duomo. Il comitato organizzatore, come è emerso al TG3 del FVG, ha deciso di evitare il duomo e di mantenere le vie "storiche" dove vi è stata maggiore accoglienza e soprattutto in sostanza per evitare polemiche ecc ecc. Che dire? Che passare davanti al duomo non sarebbe stata una provocazione, anche perchè quante persone che parteciperanno al Gay pride sono credenti o cattoliche? Ma in Italia siamo ancora a questi livelli, quasi da medioevo, e se posso capire le preoccupazioni di chi fino all'altro giorno non poteva neanche uscire di casa perchè omosessuale, perchè in questo Paese vi è un tasso di omofobia inquietante, allora da laico quello che auspico è che le processioni o manifestazioni religiose evitino da questo preciso momento luoghi simbolici importanti, come le scuole od i Municipi, per non turbare le coscienze di chi non è credente.
M…