Passa ai contenuti principali

Cent'anni a Nordest il 31 agosto sarà a Ronchi...con Ronchi dei Partigiani e non solo




In collaborazione con circolo Arci Curiel, Ronchi dei Partigiani, Liberatorio d'Arte, libreria linea d'ombra di Ronchi, il 31 agosto alle ore 18 presso l'Auditorium di Ronchi (Go), piazzetta dell'Emigrante, Wu Ming 1, presenterà il libro Cent'anni a Nordest, edizione Rizzoli. (Qui evento facebook). Un libro che viene presentato a pochi passi dalla nuova piazza Francesco Giuseppe I d’Asburgo – Lorena, inaugurata, non casualmente, il 23 maggio 2015. Un libro che denuncia il ritorno di diversi "fantasmi" come quello, appunto, dell'austro-nostalgia che si oppone al nazionalismo italiano, nonostante la somiglianza che sussiste nelle reticenze, nelle cose negate, nei processi di revisionismo storico, che hanno lo scopo di presentare come oro ciò che oro non è e mai potrà esserlo. Come dimenticare, ad esempio, il massacro subito dai Serbi nella prima guerra mondiale? 750 mila serbi, ovvero un serbo su sei ovvero quasi il 22% della popolazione verrà spazzato via, la percentuale più alta tra tutti i Paesi coinvolti dalla prima guerra mondiale. Eppure Ronchi era austriaca, nullo da dire su ciò, con tutti i benefici che ha maturato, ma dedicare una piazzetta a colui che non si è opposto al massacro dei Serbi, alla pulizia etnica contro i serbi, a colui che ha determinato la prima guerra mondiale, mi pare una cosa a dir poco ingiustificabile. Si dirà che la storia è storia, certo, è vero, ma dedicare luoghi, piazze, targhe e vie significa essere riconoscenti a chi tale piazza, via ecc verrà intitolata, dedicata. Significa che la comunità è grata. Un libro che affronta diverse questioni, alcune toccano direttamente Ronchi e territorio circostante, altre la lontana, seppur nell'ignoranza immaginaria e visionaria collettiva vicina, Trento, e non solo, si accennerà a Ronchi dei...Partigiani, il cui libro è in attesa di essere pubblicato e su cui si farà anche il punto della situazione il 31 agosto.


Ognuno troverà dei suoi elementi cognitivi od impulsivi di riflessione, dalla lettura del libro di Wu Ming 1, che ha già fatto molto discutere, in un contesto ove se da un lato la cultura laica è omogenea nel proferire condanna senza se e ma alla prima guerra mondiale, demolendo con cognizione di causa ogni retorica e demagogia, dall'altro lato continuano le celebrazioni da parte non solo istituzionale ma anche da parte di quelle realtà che in base alla nostra costituzione non dovrebbero più esistere. Ronchi ha ospitato già in precedenza Wu Ming 1, oramai qui è di casa, e Cent'anni a Nord Est si armonizza pienamente con lo "spettacolo" Rifiuto la guerra, di e con Piero Purini che ha conosciuto il sui debutto proprio a Ronchi. E dall'incrocio di queste due importanti opere ho pensato, come scritto poi in un pregresso post, che "Ronchi potrebbe ben edificare il monumento dedicato ai renitenti, disertori, insubordinati, decimati e dimenticati nella grande macelleria umana che è stata la prima guerra mondiale, a coloro che hanno conosciuto le peggiori ingiustizie da parte dell'Italia nel primo conflitto mondiale".

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…