Passa ai contenuti principali

L'inventata balcanofobia di Trieste nasconde in realtà una “sfida” alla Procura e Questura ?


Questa riflessione nasce dopo aver letto il post a cura di Andrea Olivieri e Tuco pubblicato su GIAP che certamente ne ha per tutti e tutte, ed offre spunti di riflessione interessanti. E' innegabile che vi sono problemi di nazionalismo, di razzismo, di xeonofobia, in una città, quale Trieste, che ha conosciuto sempre le violenze più estreme proprio in nome e per conto del nazionalismo. 
Però, ragionandoci, nutro delle sensazioni, chiamiamole così. L'ex questore di Trieste prima del passaggio di consegne a gennaio 2015 dichiarava che questa era “una città sostanzialmente sicura e vivibile, dove si riesce ancora a dare una risposta anche alle piccole istanze della gente”. Il mese successivo si insediava il nuovo questore, che dichiarava “Qui siamo un'isola felice, ma bisogna sempre stare all'erta per conservare il benessere sociale di cui godiamo“  Nel mentre di questi due passaggi in città accadeva un fatto sconcertante per i canonici rapporti tra stampa, e parte delle Istituzioni. Per una “fuga” di notizie si aprivano indagini che nel corso del tempo riguarderanno alti funzionari delle forze dell'ordine, un giornalista di punta del Piccolo di Trieste e non solo. Intanto il Financial Times con articolo del 10 luglio 2015 rimarcherà il carattere di città sicura, vivibile di Trieste.
 Ma così pare non essere. Infatti, alcuni casi di cronaca locale, come ben riassunti nel post indicato in premessa, che introdurranno in città una sorte di allarme balcanico, si parlerà di balcanici, addirittura di Balkantown triestina, concetto che andrà ben oltre il canonico slavi, perché più estensivo, più indefinito ed indeterminabile, emergerà una situazione di non sicurezza. Fatti che in un qualunque luogo sarebbero la norma da relegare ad ordinario atto di cronaca, diventano altro. Ci saranno gli eroi, i paladini della giustizia, i triestini doc, la triestinità che annulla tutte le differenze, purché sia una triestinità in chiave rigorosamente italiana, ed il tutto, però, con un chiaro messaggio. A Trieste le forze dell'ordine, e non solo, non sono in grado di garantire la sicurezza, l'ordine. Ed ecco che un sito internet, una pagina facebook, che esiste dal 2014, diventa la principale fonte della garanzia dell'ordine e della sicurezza per Trieste. Sito ove vi sono segnalazioni di situazioni di degrado, ove tutti i cittadini diventano “sbirri”, anziché ricorrere ai metodi tradizionali, nel caso di furti, e segnalazioni variegati, denunciano, spesso, tutto pubblicamente.  E quale sensazione percepisci? Che la città è insicura, che le Stato è assente, inefficace. Dunque, quale soluzione? Giustizia fai da te. E quando le forze dell'ordine intervengono, lo fanno perché è merito di quel gruppo nato in rete, mica per la propria indipendente capacità investigativa. Gruppi che vorrebbero essere un supporto alle forze dell'ordine, ma così non è. Sono uno strumento che evidenziano la non fiducia nei confronti del sistema di sicurezza vigente, con il rischio di diventare un surrogato delle forze dell'ordine. E le notizie, le segnalazioni che giungeranno in quel sito facebook, diventeranno la fonte strumentale per quell'altro che porterà alla inventata balkanofobia.
Dopo questa, se le cose continueranno così, probabilmente  non è da escludere che possa ritornare la meridonalefobia. Che nessuno si senta assolto, chiunque può essere coinvolto in tale corto circuito mediatico funzionale ad altre questioni, ad altri scopi, che sussistono anche se non pienamente evidenti. Ronde 2.0, gruppi internet di pseudo-supporto alla Procura della Repubblica o Forze dell'Ordine, sono in realtà strumenti che diventano alternativi a queste, ed andrebbero vietati per legge, perché la giustizia fai da te, fatta in casa è pericolosa per la normale convivenza civile. 
E poi, quando queste realtà vengono cavalcate ed utilizzate per questioni mediatiche, è chiaro che vi sono altri interessi, altri obiettivi da raggiungere.
Poi, se si vuole vivere in una città, ove tutti vogliono divenire poliziotti o giudici, io questa idea la respingo a priori, perché dietro l'ordine e la sicurezza, vi è sempre un concetto di restrizione della libertà individuale e collettiva, vi è sempre quel più di pericoloso e reazionario, specialmente in un tempo come questo, ove i nazionalismi, riportati in vita da una Europa penosa, e da centenari storici governati in pessimo modo, rischiano di fungere da trampolino di lancio per nuove crociate.Il problema è, come ha insegnato WuMing1, che al  Confine Orientale gli estremi si realizzano prima che altrove. Ed è vero. Ed è per questo che quello che accade tra Trieste e Gorizia, in particolar modo, deve essere analizzato e monitorato a dovere.


Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …