Passa ai contenuti principali

L'inventata balcanofobia di Trieste nasconde in realtà una “sfida” alla Procura e Questura ?


Questa riflessione nasce dopo aver letto il post a cura di Andrea Olivieri e Tuco pubblicato su GIAP che certamente ne ha per tutti e tutte, ed offre spunti di riflessione interessanti. E' innegabile che vi sono problemi di nazionalismo, di razzismo, di xeonofobia, in una città, quale Trieste, che ha conosciuto sempre le violenze più estreme proprio in nome e per conto del nazionalismo. 
Però, ragionandoci, nutro delle sensazioni, chiamiamole così. L'ex questore di Trieste prima del passaggio di consegne a gennaio 2015 dichiarava che questa era “una città sostanzialmente sicura e vivibile, dove si riesce ancora a dare una risposta anche alle piccole istanze della gente”. Il mese successivo si insediava il nuovo questore, che dichiarava “Qui siamo un'isola felice, ma bisogna sempre stare all'erta per conservare il benessere sociale di cui godiamo“  Nel mentre di questi due passaggi in città accadeva un fatto sconcertante per i canonici rapporti tra stampa, e parte delle Istituzioni. Per una “fuga” di notizie si aprivano indagini che nel corso del tempo riguarderanno alti funzionari delle forze dell'ordine, un giornalista di punta del Piccolo di Trieste e non solo. Intanto il Financial Times con articolo del 10 luglio 2015 rimarcherà il carattere di città sicura, vivibile di Trieste.
 Ma così pare non essere. Infatti, alcuni casi di cronaca locale, come ben riassunti nel post indicato in premessa, che introdurranno in città una sorte di allarme balcanico, si parlerà di balcanici, addirittura di Balkantown triestina, concetto che andrà ben oltre il canonico slavi, perché più estensivo, più indefinito ed indeterminabile, emergerà una situazione di non sicurezza. Fatti che in un qualunque luogo sarebbero la norma da relegare ad ordinario atto di cronaca, diventano altro. Ci saranno gli eroi, i paladini della giustizia, i triestini doc, la triestinità che annulla tutte le differenze, purché sia una triestinità in chiave rigorosamente italiana, ed il tutto, però, con un chiaro messaggio. A Trieste le forze dell'ordine, e non solo, non sono in grado di garantire la sicurezza, l'ordine. Ed ecco che un sito internet, una pagina facebook, che esiste dal 2014, diventa la principale fonte della garanzia dell'ordine e della sicurezza per Trieste. Sito ove vi sono segnalazioni di situazioni di degrado, ove tutti i cittadini diventano “sbirri”, anziché ricorrere ai metodi tradizionali, nel caso di furti, e segnalazioni variegati, denunciano, spesso, tutto pubblicamente.  E quale sensazione percepisci? Che la città è insicura, che le Stato è assente, inefficace. Dunque, quale soluzione? Giustizia fai da te. E quando le forze dell'ordine intervengono, lo fanno perché è merito di quel gruppo nato in rete, mica per la propria indipendente capacità investigativa. Gruppi che vorrebbero essere un supporto alle forze dell'ordine, ma così non è. Sono uno strumento che evidenziano la non fiducia nei confronti del sistema di sicurezza vigente, con il rischio di diventare un surrogato delle forze dell'ordine. E le notizie, le segnalazioni che giungeranno in quel sito facebook, diventeranno la fonte strumentale per quell'altro che porterà alla inventata balkanofobia.
Dopo questa, se le cose continueranno così, probabilmente  non è da escludere che possa ritornare la meridonalefobia. Che nessuno si senta assolto, chiunque può essere coinvolto in tale corto circuito mediatico funzionale ad altre questioni, ad altri scopi, che sussistono anche se non pienamente evidenti. Ronde 2.0, gruppi internet di pseudo-supporto alla Procura della Repubblica o Forze dell'Ordine, sono in realtà strumenti che diventano alternativi a queste, ed andrebbero vietati per legge, perché la giustizia fai da te, fatta in casa è pericolosa per la normale convivenza civile. 
E poi, quando queste realtà vengono cavalcate ed utilizzate per questioni mediatiche, è chiaro che vi sono altri interessi, altri obiettivi da raggiungere.
Poi, se si vuole vivere in una città, ove tutti vogliono divenire poliziotti o giudici, io questa idea la respingo a priori, perché dietro l'ordine e la sicurezza, vi è sempre un concetto di restrizione della libertà individuale e collettiva, vi è sempre quel più di pericoloso e reazionario, specialmente in un tempo come questo, ove i nazionalismi, riportati in vita da una Europa penosa, e da centenari storici governati in pessimo modo, rischiano di fungere da trampolino di lancio per nuove crociate.Il problema è, come ha insegnato WuMing1, che al  Confine Orientale gli estremi si realizzano prima che altrove. Ed è vero. Ed è per questo che quello che accade tra Trieste e Gorizia, in particolar modo, deve essere analizzato e monitorato a dovere.


Commenti

Post popolari in questo blog

I 220 passi della vergogna d'Italia, la galleria Bombi di Gorizia,non verranno dimenticati

Prima di svoltare l'angolo ed addentrarti nella magnifica cornice che è quella di Piazza Vittoria, leggi una targa che riporta una frase in ricordo della visita di Giovanni Paolo II "Gorizia, situata all’incrocio di correnti di pensiero, di attività e di molteplici iniziative, sembra rivestire una singolare missione, quella di essere la porta d’Italia che pone comunicazione il mondo latino con quello slavo: porta aperta sull’Est europeo e sull’Europa centrale”.
Sembra rivestire.  Appunto. Sembra.
Alle tue spalle la Prefettura, e poi segui quelle persone con la felpa ed il cappuccio entrare dentro la galleria Bombi che dovrebbe unire Gorizia, ma non è così. Però prima di entrare dentro quel luogo buio, umido, una seconda targa coglie la tua attenzione.
Si legge che " stelle è un progetto di raccolta di segni, presenze e storie per comprendere e raccontare la condizione della moltitudine di persone in viaggio lungo la Balkan Route". Segni e presenze che nella g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…