Passa ai contenuti principali

La Corte Europea per i diritti dell'uomo apre al matrimonio per le coppie omosessuali in Italia


E' inutile girarci intorno, od andare alla ricerca di sterili cavilli. Quello che dice la Corte Europea per i diritti dell'Uomo, che condanna per l'ennesima volta l'Italia, è chiaro. Talmente chiaro, che il testo della sentenza è ancora non disponibile in lingua italiana, ma è possibile tradurla. Stupisce, forse, il fatto che i maggiori siti internet d'informazione non vi abbiano ancora provveduto, forse per non far venire il panico ai soliti soggetti destri e reazionari che in questo Paese continuano a battersi affinché l'Italia rimanga prigioniera di principi incompatibili con un mero stato di civiltà giuridica. O semplicemente perché oramai la strada, in Italia, è tracciata. Nessun matrimonio per le coppie dello stesso sesso, ma una diversa regolamentazione giuridica.  La Corte rileva che già in passato ha “dichiarato che il rapporto di coppia tra conviventi dello stesso sesso che vivono in un partenariato stabile, di fatto, rientra nel concetto di vita familiare" ed “aveva anche riconosciuto che le coppie dello stesso sesso hanno bisogno di un  riconoscimento giuridico e di  protezione per la loro relazione. Tale necessità era inoltre stata sottolineata in raccomandazioni dall'Assemblea parlamentare e dal Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa, invitando gli Stati membri a valutare la possibilità per le coppie dello stesso sesso, di una qualche forma di riconoscimento giuridico. La Corte ha ritenuto che la tutela giuridica attualmente disponibile in Italia per le coppie dello stesso sesso (...)non è sufficientemente affidabile”. 
Una riflessione viene effettuata anche sulla questione delle registrazioni, ove la Corte rileva che “ la registrazione delle unioni dello stesso sesso con le autorità locali è stata possibile - solo in una piccola percentuale di comuni in Italia – questo atto aveva un valore puramente simbolico, in quanto non conferisce alcun diritto sulle coppie dello stesso sesso”. Fatto, noto, ma forse non pienamente condiviso in Italia. 
In merito alla possibilità di stipulare "contratti di convivenza", la corte rileva che questi erano aperti a qualsiasi gruppo di persone che erano conviventi, come ad esempio amici, coinquilini o accompagnatori, ed hanno dimostrato che tali accordi non miravano principalmente a tutelare le coppie. E la Corte afferma, in particolar modo che “in assenza del matrimonio, la possibilità di una unione civile o partenariato registrato sarebbe il modo più appropriato per le coppie dello stesso sesso, affinché abbiano la loro relazione legalmente riconosciuta. I tribunali più alti in Italia - in particolare della Corte costituzionale nella sentenza di aprile 2010  avevano più volte sottolineato la necessità di una legislazione per riconoscere e proteggere le relazioni omosessuali. Tuttavia, il legislatore italiano ha per lungo tempo omesso di tener conto di tali dichiarazioni. La Corte ha osservato che tali chiamate da parte dei giudici italiani riflettono inoltre i sentimenti della maggioranza della popolazione italiana che, secondo recenti indagini, vogliono un riconoscimento giuridico delle coppie omosessuali". Sempre sulla questione del matrimonio, la Corte rileva che la normativa sussistente non ha imposto " l'obbligo per gli Stati di concedere ad una coppia dello stesso sesso l'accesso al matrimonio".  Però la Corte evidenzia, non casualmente, che in Europa vi è una vera e propria “evoluzione” in tal senso, poiché sono diversi gli “ Stati membri del Consiglio d'Europa ad aver riconosciuto il matrimonio omosessuale”. Dunque vi è una importante apertura al diritto al matrimonio per le coppie omosessuali, ed il fatto che la Corte faccia presente che in Europa vi sia una chiara evoluzione in tal senso, e che non esiste alcun elemento ostativo per affermare tale diritto, un buon legislatore altro non dovrebbe fare che semplicemente estendere il diritto al matrimonio anche alle coppie dello stesso sesso in Italia. In armonia con la nostra Costituzione che non vieta tale tipo di matrimonio, anzi. 

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

FVG pride se la marcia evita il duomo di Udine

Si svolgerà ad Udine il FVG Pride e la notizia del 15 maggio, quando è stato reso noto il percorso è che la marcia eviterà il duomo. Il comitato organizzatore, come è emerso al TG3 del FVG, ha deciso di evitare il duomo e di mantenere le vie "storiche" dove vi è stata maggiore accoglienza e soprattutto in sostanza per evitare polemiche ecc ecc. Che dire? Che passare davanti al duomo non sarebbe stata una provocazione, anche perchè quante persone che parteciperanno al Gay pride sono credenti o cattoliche? Ma in Italia siamo ancora a questi livelli, quasi da medioevo, e se posso capire le preoccupazioni di chi fino all'altro giorno non poteva neanche uscire di casa perchè omosessuale, perchè in questo Paese vi è un tasso di omofobia inquietante, allora da laico quello che auspico è che le processioni o manifestazioni religiose evitino da questo preciso momento luoghi simbolici importanti, come le scuole od i Municipi, per non turbare le coscienze di chi non è credente.
M…