Passa ai contenuti principali

La Corte Europea per i diritti dell'uomo apre al matrimonio per le coppie omosessuali in Italia


E' inutile girarci intorno, od andare alla ricerca di sterili cavilli. Quello che dice la Corte Europea per i diritti dell'Uomo, che condanna per l'ennesima volta l'Italia, è chiaro. Talmente chiaro, che il testo della sentenza è ancora non disponibile in lingua italiana, ma è possibile tradurla. Stupisce, forse, il fatto che i maggiori siti internet d'informazione non vi abbiano ancora provveduto, forse per non far venire il panico ai soliti soggetti destri e reazionari che in questo Paese continuano a battersi affinché l'Italia rimanga prigioniera di principi incompatibili con un mero stato di civiltà giuridica. O semplicemente perché oramai la strada, in Italia, è tracciata. Nessun matrimonio per le coppie dello stesso sesso, ma una diversa regolamentazione giuridica.  La Corte rileva che già in passato ha “dichiarato che il rapporto di coppia tra conviventi dello stesso sesso che vivono in un partenariato stabile, di fatto, rientra nel concetto di vita familiare" ed “aveva anche riconosciuto che le coppie dello stesso sesso hanno bisogno di un  riconoscimento giuridico e di  protezione per la loro relazione. Tale necessità era inoltre stata sottolineata in raccomandazioni dall'Assemblea parlamentare e dal Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa, invitando gli Stati membri a valutare la possibilità per le coppie dello stesso sesso, di una qualche forma di riconoscimento giuridico. La Corte ha ritenuto che la tutela giuridica attualmente disponibile in Italia per le coppie dello stesso sesso (...)non è sufficientemente affidabile”. 
Una riflessione viene effettuata anche sulla questione delle registrazioni, ove la Corte rileva che “ la registrazione delle unioni dello stesso sesso con le autorità locali è stata possibile - solo in una piccola percentuale di comuni in Italia – questo atto aveva un valore puramente simbolico, in quanto non conferisce alcun diritto sulle coppie dello stesso sesso”. Fatto, noto, ma forse non pienamente condiviso in Italia. 
In merito alla possibilità di stipulare "contratti di convivenza", la corte rileva che questi erano aperti a qualsiasi gruppo di persone che erano conviventi, come ad esempio amici, coinquilini o accompagnatori, ed hanno dimostrato che tali accordi non miravano principalmente a tutelare le coppie. E la Corte afferma, in particolar modo che “in assenza del matrimonio, la possibilità di una unione civile o partenariato registrato sarebbe il modo più appropriato per le coppie dello stesso sesso, affinché abbiano la loro relazione legalmente riconosciuta. I tribunali più alti in Italia - in particolare della Corte costituzionale nella sentenza di aprile 2010  avevano più volte sottolineato la necessità di una legislazione per riconoscere e proteggere le relazioni omosessuali. Tuttavia, il legislatore italiano ha per lungo tempo omesso di tener conto di tali dichiarazioni. La Corte ha osservato che tali chiamate da parte dei giudici italiani riflettono inoltre i sentimenti della maggioranza della popolazione italiana che, secondo recenti indagini, vogliono un riconoscimento giuridico delle coppie omosessuali". Sempre sulla questione del matrimonio, la Corte rileva che la normativa sussistente non ha imposto " l'obbligo per gli Stati di concedere ad una coppia dello stesso sesso l'accesso al matrimonio".  Però la Corte evidenzia, non casualmente, che in Europa vi è una vera e propria “evoluzione” in tal senso, poiché sono diversi gli “ Stati membri del Consiglio d'Europa ad aver riconosciuto il matrimonio omosessuale”. Dunque vi è una importante apertura al diritto al matrimonio per le coppie omosessuali, ed il fatto che la Corte faccia presente che in Europa vi sia una chiara evoluzione in tal senso, e che non esiste alcun elemento ostativo per affermare tale diritto, un buon legislatore altro non dovrebbe fare che semplicemente estendere il diritto al matrimonio anche alle coppie dello stesso sesso in Italia. In armonia con la nostra Costituzione che non vieta tale tipo di matrimonio, anzi. 

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Iera una volta...il mercato di Ronchi

Iera una volta il mercato di Ronchi. Questa è oramai una constatazione di fatto che vivi nei mercoledì ronchesi, giorno per eccellenza del mercato. I mercati sono sopravvissuti ai secoli, alle guerre, al progresso, all'avvento dei grandi centri commerciali che hanno risucchiato nel buco nero della depressione economica i piccoli commercianti, con città sempre più svuotate con il paradosso che vedrai le città finte, create ad hoc per il commercio, essere strapiene.

I mercati resistono, ma faticano a sopravvivere soprattutto quando arriva l'ultimo mercoledì del mese, quando i soldi son già finiti e per le strade del mercato vedrai sempre meno gente.

Un mercato che ha una sua storia importante, noto soprattutto per la sua energia, vitalità, socialità, che paga probabilmente il prezzo di diverse problematicità, da quelle logistiche alla crisi sociale ed economica che si è scagliata su questo Territorio che pur avendo potenzialità enormi per alzare la testa, in questo momento sto…