Passa ai contenuti principali

Il nuovo Inno per la Serie A calcio: un mix tra preghiera religiosa, e spirito di romanizzazione

Aveva ragione Piero Purini quando durante il convegno sulla questione della toponomastica di Ronchi-Ronchi dei legionari-Ronchi dei partigiani- invitava a riflettere sull'operazione nazionalizzazione che ha avuto in Italia il calcio, riscoperta dei valori tradizionali, dell'inno, del tricolore, della patria. Noto è come durante il ventennio si esaltasse soprattutto l'aspetto della forza, della virilità, dell'essere maschio, uomo, combattente, eroe, gladiatore, del calciatore. E devo dire che l'inno della serie A, come realizzato da Allevi, è lontano, musicalmente sicuramente dall'inno ufficioso d'Italia, quale quello di Mameli, può, per alcuni aspetti riportare alla mente l'inno d'Europa, ma è certamente, molto vicino allo spirito della romanizzazione. Già. Quella musica, e poi il testo nelle sue prime battute in latino, sembrano accompagnare il gladiatore dentro l'arena. Sembra di ascoltare la musica epica, al cui suono, alle cui caratteristiche ci hanno abituato per anni, tipica dei film sull'antica Roma. 
D'altronde quante volte è stato detto, scritto che i calciatori sarebbero i gladiatori moderni? Un testo che ha un qualcosa di dannunziano, D'Annunzio per esempio scriveva "Qui, dove la più generosa gioventù conveniva anelante di armarsi e di combattere" il titolo dell'inno di Allevi è o Generosa, e si parla di nobiltà d'animo, di gloria al vincitore. Un testo per combattenti, per vincitori, con sfumature religiose e spirituali, con il più volte espressamente richiamato Alleluia e Gloria. Sembra quasi una preghiera. Anzi, forse lo è.  Un testo che ha una doppia lettura. Una, che sarà quella più superficiale e banale, ma la più percepita non lascia spazio agli sconfitti, non vi è spazio per la partecipazione. D'altronde ogni moralismo falso ed ipocrita vorrebbe che quello che conta è partecipare, non vincere. Stupidate. Sono decenni, se non di più, che esaltano la vittoria, poi nel centenario della grande guerra figuriamoci se potrebbe essere altrimenti, sono decenni che gli sconfitti non hanno spazio, anzi subiscono denigrazioni. Una seconda lettura, che è quella più profonda e religiosa, che pare essere un recepimento di qualche discorso papale,e non laico, riguarda il contrasto alla corruzione, per lasciar regno all'anima al cuore, alla gioia. Insomma inno che si addice a questa Italia, e forse è per questo che è tanto criticato perché ha messo innanzi allo specchio gli italiani.



Questo il testo dell'Inno:
Oh forza nobile!
Oh nobile, vieni da noi!Gloria al vincitoreil suo cuore si muove sempre con onestà.
Gloria al vincitore
Gloria al vincitore
Custodisci la tua anima
affinché si astenga dalla corruzione,
riceverai una gioia inaspettata
Oh nobile!
vincitore sarai nel tuo cuore
Gloria, a te dico, Alleluia!
vincitore sarai nel tuo cuore
sempre lo sarai.


Gloria al vincitore
Gloria, a te dico, Alleluia!


Commenti

Post popolari in questo blog

Regionali FVG 2018 se a qualcuno interessano i programmi...

Si voterà in prossimità del ponte, una grande pensata che altro non farà che favorire già quello che si sa che sarà, una partecipazione al voto calante,e chiunque vincerà non vincerà tanto per il suo programma elettorale innovativo o superlativo, profondo o leggero o geniale che questo sia. I programmi oramai trovano il tempo che trovano ci puoi mettere di tutto e di più. Da chi parlerà di TAV a chi parlerà di tutela dell'identità friulana o slovena a chi di zone agevolate interesserà poco alla maggior parte dei cittadini. Perchè ragioneranno sulla base di quello che hanno vissuto, un vissuto che è fatto di esperienze, di questioni concrete. E soprattutto di un rigurgito chiaro e netto nei confronti di un certo modo di fare e concepire la politica ed il bene comune sempre più degradato e sacrificato all'altare dell'austerità e della globalizzazione selvaggia che ha favorito il ritorno di nazionalismi anacronistici e ucciso identità e specificità che meritavano tutela. Ogn…

L'Italia e l'alleanza con gli USA, una scelta di campo?

Così Gentiloni sulla questione Siria: voglio solo dire, in conclusione, che l'Italia non è un Paese neutrale, non è un Paese che sceglie di volta in volta, di fronte a questa o a quella crisi, se schierarsi con l'Alleanza atlantica o schierarsi da un'altra parte. Noi siamo coerentemente, da più di sessant'anni, partner fondamentali dell'Alleanza atlantica e alleati degli Stati Uniti. Siamo alleati dell'America, voglio dire: non è un problema di rapporti con questo o quel presidente americano. Siamo stati alleati dell'America con Kennedy e con Nixon, con Clinton e con Reagan, con Bush e con Obama e lo abbiamo fatto perché - lo dico senza infingimenti - è una scelta di campo. È una scelta di campo. È una scelta di campo che deriva certamente dal fatto che l'America, insieme agli alleati, ci ha liberato dal nazifascismo e che certamente deriva dai nostri interessi di difesa e di sicurezza del Paese, ma non è solo questo. È una scelta di campo che deriva da…

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…