Passa ai contenuti principali

Il nuovo Inno per la Serie A calcio: un mix tra preghiera religiosa, e spirito di romanizzazione

Aveva ragione Piero Purini quando durante il convegno sulla questione della toponomastica di Ronchi-Ronchi dei legionari-Ronchi dei partigiani- invitava a riflettere sull'operazione nazionalizzazione che ha avuto in Italia il calcio, riscoperta dei valori tradizionali, dell'inno, del tricolore, della patria. Noto è come durante il ventennio si esaltasse soprattutto l'aspetto della forza, della virilità, dell'essere maschio, uomo, combattente, eroe, gladiatore, del calciatore. E devo dire che l'inno della serie A, come realizzato da Allevi, è lontano, musicalmente sicuramente dall'inno ufficioso d'Italia, quale quello di Mameli, può, per alcuni aspetti riportare alla mente l'inno d'Europa, ma è certamente, molto vicino allo spirito della romanizzazione. Già. Quella musica, e poi il testo nelle sue prime battute in latino, sembrano accompagnare il gladiatore dentro l'arena. Sembra di ascoltare la musica epica, al cui suono, alle cui caratteristiche ci hanno abituato per anni, tipica dei film sull'antica Roma. 
D'altronde quante volte è stato detto, scritto che i calciatori sarebbero i gladiatori moderni? Un testo che ha un qualcosa di dannunziano, D'Annunzio per esempio scriveva "Qui, dove la più generosa gioventù conveniva anelante di armarsi e di combattere" il titolo dell'inno di Allevi è o Generosa, e si parla di nobiltà d'animo, di gloria al vincitore. Un testo per combattenti, per vincitori, con sfumature religiose e spirituali, con il più volte espressamente richiamato Alleluia e Gloria. Sembra quasi una preghiera. Anzi, forse lo è.  Un testo che ha una doppia lettura. Una, che sarà quella più superficiale e banale, ma la più percepita non lascia spazio agli sconfitti, non vi è spazio per la partecipazione. D'altronde ogni moralismo falso ed ipocrita vorrebbe che quello che conta è partecipare, non vincere. Stupidate. Sono decenni, se non di più, che esaltano la vittoria, poi nel centenario della grande guerra figuriamoci se potrebbe essere altrimenti, sono decenni che gli sconfitti non hanno spazio, anzi subiscono denigrazioni. Una seconda lettura, che è quella più profonda e religiosa, che pare essere un recepimento di qualche discorso papale,e non laico, riguarda il contrasto alla corruzione, per lasciar regno all'anima al cuore, alla gioia. Insomma inno che si addice a questa Italia, e forse è per questo che è tanto criticato perché ha messo innanzi allo specchio gli italiani.



Questo il testo dell'Inno:
Oh forza nobile!
Oh nobile, vieni da noi!Gloria al vincitoreil suo cuore si muove sempre con onestà.
Gloria al vincitore
Gloria al vincitore
Custodisci la tua anima
affinché si astenga dalla corruzione,
riceverai una gioia inaspettata
Oh nobile!
vincitore sarai nel tuo cuore
Gloria, a te dico, Alleluia!
vincitore sarai nel tuo cuore
sempre lo sarai.


Gloria al vincitore
Gloria, a te dico, Alleluia!


Commenti

Post popolari in questo blog

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste e Gorizia esplode l'austronostalgia

Wu Ming 1, scriveva: "Se devo scegliere tra sparare agli Asburgo in nome dei Savoia e sparare sui Savoia in nome degli Asburgo, grazie, ma preferisco sparare su entrambi. Come si legge nel Re Lear, “il tempo della vita è breve, e se viviamo, viviamo per calpestare i re”."E' innegabile che tra Gorizia e Trieste vi sia ancora una sorta di austronostalgia, anche se a dirla tutta non riesco proprio a capire come si possa essere nostalgici di un qualcosa che non è mai stato vissuto, forse ereditato a livello di testimonianza, letto nei libri, od esaltato in alcuni testi. Poco importa. E spesso ci si diverte a giostrare tra chi fosse meglio, i Borboni o gli Asburgo? E vai con l'elencazione delle opere, e delle solite ridondanti questioni . Solo che nel momento in cui implodono i nazionalismi, traballa l'ideale di Europa anche per responsabilità enormi di chi ha guidato l'Europa contro un muro di cemento armato a velocità folle, in questa piccola fetta di territo…