Passa ai contenuti principali

Anche la goriziana Fasiolo firma proposta di legge ammazza libertà sindacale nei trasporti pubblici


Non è bastato, a quanto pare, alla Senatrice Fasiolo, aver sostenuto e difeso la pessima, anzi disastrosa nuova scuola azienda, il cui testo legislativo, come riconosciuto da diversi addetti ai lavori è anche scritto in modo indecente, e che fomenterà un caos interpretativo senza precedenti. Senza voler entrare ora nel merito dello stesso, su cui comunque il popolo della scuola ha già risposto in modo univoco manifestando l'assoluta contrarietà ed opposizione. Ora la Senatrice del Pd di Gorizia sostiene pure, essendo una delle cofirmatarie, l'incredibile disegno di legge del noto Senatore Ichino che stravolge totalmente la libertà sindacale in determinati ambiti lavorativi. E se il detto disegno di legge, il n°2006 depositato al Senato il 14 luglio, passerà, rischierà di determinare un mero effetto domino a dir poco inquietante per la democrazia nei luoghi di lavoro di questo malandato Paese. Cosa prevede tale scellerato disegno di legge? 




Che, in materia di servizi di trasporto pubblico, servizi di assistenza al volo, servizi portuali e aeroportuali, servizi di assistenza ai viaggiatori sui mezzi di trasporto o nelle stazioni ferroviarie, porti o aeroporti, disponendosi ancora una volta il superamento della contrattazione collettiva a favore del decisionismo legislativo, in merito alla proclamazione dello sciopero riferito ai dipendenti di una singola azienda, questa sarà possibile qualora si realizzino uno dei due requisiti tra loro alternativi: a)la rappresentatività maggioritaria, in seno all’azienda stessa, del sindacato o della coalizione sindacale stipulante, secondo i criteri individuati dagli accordi interconfederali che già disciplinano la materia, oppure b) il voto favorevole allo sciopero espresso, mediante un apposito referendum preventivo, dalla maggioranza dei lavoratori interessati delle aziende interessate dalla proclamazione dello sciopero e per avere il via libera si deve ottenere un numero di voti favorevoli complessivamente superiore alla metà dei voti espressi. Un modello simile a quello tedesco, che come è noto, è certamente all'avanguardia per i diritti sicuramente non sindacali e non a favore dei lavoratori. In difetto del requisito di cui alla lettera a) che può regolare diversamente la materia, è vincolata al referendum preventivo tra tutti i dipendenti dell’impresa anche l’organizzazione o la coalizione sindacale che estenda la propria rappresentanza soltanto a una determinata categoria professionale. Alla faccia della libertà sindacale e del diritto di sciopero, e pensare che diversa e consolidata giurisprudenza ha più volte affermato che la titolarità del diritto di sciopero non spetta alle organizzazioni sindacali, bensì ai lavoratori e con tale ddl questa verrà certamente minata a discapito dei lavoratori.Comunque, quanto si legge nella premessa del testo ora criticato, è emblematico, perché lascia ben intendere che tipo di sciopero si vuole incentivare in Italia. Quello virtuale. "Per uscire da questa situazione è opportuno che il sistema delle relazioni industriali attivi forme di lotta sindacale nuove, altrettanto se non più incisive rispetto allo sciopero tradizionale, ma prive delle esternalità negative di quest’ultimo, cioè dei suoi effetti dannosi per gli interessi degli utenti e della collettività, come lo sciopero virtuale".
Insomma dopo la cattiva scuola, ora pure l'ammazza diritto di sciopero. Veramente complimenti, ma Gorizia non dimentica ed il consenso elettorale, se fondate sono le voci di una sua futura candidatura a Sindaco della città, certamente sarà a dir poco traballante per non dire altro, almeno da parte della sinistra che crede nella scuola pubblica, nel diritto di sciopero, nei diritti dei lavoratori.

Commenti

Post popolari in questo blog

Se la tutela del decoro diventa questione di sicurezza urbana e rischia di criminalizzare il disagio sociale. Breve analisi del testo normativo

E' in fase di conversione in legge il decreto-legge 20 febbraio 2017, n. 14,  recante disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città. Un testo che ha introdotto il famigerato " DASPO Urbano" un testo che tende a ricondurre il concetto di decoro, che non è tipizzato e di cui non esiste una mera definizione giuridica e sostanziale omogenea e consolidata, sotto la voce di sicurezza urbana nel momento in cui si afferma che  " ai fini del presente decreto, si intende per sicurezza urbana il bene pubblico che afferisce alla vivibilità e al decoro delle città". Dunque il decoro della città diviene una questione legalitaria di sicurezza urbana, ergo di ordine pubblico. Ma contro chi si scaglierà questo dettato normativo? Mi soffermerò ora su alcuni elementi di questo decreto in fase di conversione. L'articolo 9 afferma che "Fatto salvo quanto previsto dalla vigente normativa a tutela delle aree interne delle infrastrutture, fisse e mobili, ferroviar…

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

Se a Venezia si può fare l'elemosina e dormire sulle panchine, a Trieste nel nome del decoro no se pol

Trieste e Venezia, concorrenti forse da sempre, due amanti che si corteggiano, ma si respingono a vicenda, quando nella società odierna l'unica soluzione possibile sarebbe collaborazione. Venezia non necessita di presentazione alcuna, è una cartolina meravigliosa, invasa da milioni di turisti. A Venezia ci sono regole rigide da rispettare per preservare l'intero ambiente e continue battaglie per salvare la laguna contro ogni tipo di inquinamento. Ma una cosa che colpisce è che per i tanti vicoli del centro è facilissimo incontrare diversi mendicanti, e per il centro, su qualche panchina, vedere qualche vagabondo, riposare, dormire e vivere i suoi sogni in santa pace.  


Nulla di strano, perchè vagabondi e mendicanti son sempre esistiti, son sempre sopravvissuti e sempre esisteranno e sempre sopravviveranno. Ed i turisti non sembrano proprio per niente essere infastiditi. Anzi, forse neanche ci fanno caso. Perchè la bellezza di Venezia cala un sipario che rende queste persone a…