Passa ai contenuti principali

Ronchi Podemo è per la libera esistenza del Comune di Ronchi





Da qualche settimana è nato in rete un gruppo pubblico che si chiama #ronchipodemo https://www.facebook.com/groups/ronchipodemo/
Lo scopo principale di questo gruppo è proporre progetti, idee per Ronchi (FVG). Ma anche segnalare cosa non funziona nella nostra città. Avviare dibattiti, iniziative, confrontarsi sul futuro della nostra città, ed ovviamente lo scopo è anche quello di andare oltre la rete e prevedere iniziative nei nostri spazi, luoghi, per coinvolgere anche chi non ha accesso ad internet ecc. Ronchi Podemo vuole difendere la libera esistenza del Comune di Ronchi, la sua autonomia, la sua democrazia ma armonizzandosi con l'Europa dei diritti, contro ogni nazionalismo. Ronchi Podemo è contro la fusione della nostra città con altri Comuni. Tra i propri scopi ha anche quello di eliminare il suffisso "dei legionari" per il mantenimento del solo Ronchi. E' innegabile che la battaglia più importante che ci troviamo ad affrontare ora è proprio quella che riguarda la sopravvivenza del Comune di Ronchi, sotto attacco su due fronti. Dal sistema decisionista ed autoritario che ruota intorno alle UTI e dal referendum che vorrebbe la fusione con Monfalcone e Staranzano,  sostenendo che nascerebbe così la IV città del FVG. Ma i promotori del referendum per la fusione hanno idea di cosa sia una città? Ronchi, Staranzano e Monfalcone, seppur confinanti, sono diverse, separate e distinte, ed il risultato della fusione altro non comporterebbe che un forte accentramento dei poteri a favore della sola Monfalcone, ed un ruolo marginale ed assolutamente periferico per Ronchi e Staranzano, con tutte le conseguenze disastrose del caso per i cittadini. 

Le città non si costruiscono con le fusioni, le città hanno una loro storia, una loro fisionomia, anche architettonica ben definita, che il Comune o meglio il pseudoComune Monfalcone, Ronchi, Staranzano mai avrà e mai potrà avere. 
Questo è solo uno dei tanti elementi di contrarietà. Come ‪#‎Ronchipodemo‬ insieme ad altre realtà presto ci mobiliteremo per esporre le nostre ragioni per il no alla fusione, il sì alla libera esistenza del Comune di Ronchi, per il no alla legge della riforma Enti Locali Serracchiani e company, disastrosa per la democrazia locale, e per il sì alla democrazia reale e piena autonomia delle piccole realtà. Anche il piccolo è bello. E noi il piccolo lo difenderemo. Anche perché il piccolo è il cuore vitale del FVG. Diverse sono già le proposte avanzate per Ronchi all'interno di questo gruppo, come Ronchi giardino della Bisiacaria, ispirandosi al modello viennese per la cura e l'amore per il verde ed i fiori, gli orti comunali, che a livello comunitario sono sostenuti e promossi, più pedonalizzazione, più piste ciclabili, abbattimento di ogni processo di speculazione edilizia, investimento nel settore culturale, letterario, e sociale, guardando con particolare attenzione all'Est Europa, specialmente alla Slovenia, ma anche al Sud Italia e non solo, valutare la realizzazione di un luogo polivalente polifunzionale, che possa essere cinema, teatro ed anche luogo espositivo, gratuito, per i nostri artisti, per la nostra arte, tutta. Sostenere lo sport locale, perché Ronchi è de facto città dello sport, rivalutare e promuovere al meglio la nostra economia locale con le sue specificità, la nostra storia con particolare attenzione ai percorsi sulla e della resistenza,  far decollare, in tutti sensi, il nostro scalo aeroportuale, che si deve armonizzare con il centro di Ronchi, quando oggi è semplicemente relegato in un piccolo angolo periferico ecc. Questi sono solo esempi di quello che abbiamo in mente e di quello che si vuole proporre per la nostra Ronchi "borgata di sole". 
Con una giusta sinergia con i fondi comunitari ciò può diventare realtà. Insomma, Ronchi Podemo è un piccolo gruppo, destinato a crescere e che in sintonia con altre forze politiche, associative e non, locali, che sappiano condividere i principi che vogliono una società alimentata dallo spirito di solidarietà, uguaglianza, accoglienza, integrazione, che guardi ai valori antifascisti fondanti la nostra Carta Costituzionale, certamente continuerà il suo cammino, nelle modalità che verranno ritenute più opportune senza precludere alcuna strada, per la Ronchi "borgata di sole" del XXI secolo.


Per Ronchi Podemo,
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …