Passa ai contenuti principali

Ronchi Podemo è per la libera esistenza del Comune di Ronchi





Da qualche settimana è nato in rete un gruppo pubblico che si chiama #ronchipodemo https://www.facebook.com/groups/ronchipodemo/
Lo scopo principale di questo gruppo è proporre progetti, idee per Ronchi (FVG). Ma anche segnalare cosa non funziona nella nostra città. Avviare dibattiti, iniziative, confrontarsi sul futuro della nostra città, ed ovviamente lo scopo è anche quello di andare oltre la rete e prevedere iniziative nei nostri spazi, luoghi, per coinvolgere anche chi non ha accesso ad internet ecc. Ronchi Podemo vuole difendere la libera esistenza del Comune di Ronchi, la sua autonomia, la sua democrazia ma armonizzandosi con l'Europa dei diritti, contro ogni nazionalismo. Ronchi Podemo è contro la fusione della nostra città con altri Comuni. Tra i propri scopi ha anche quello di eliminare il suffisso "dei legionari" per il mantenimento del solo Ronchi. E' innegabile che la battaglia più importante che ci troviamo ad affrontare ora è proprio quella che riguarda la sopravvivenza del Comune di Ronchi, sotto attacco su due fronti. Dal sistema decisionista ed autoritario che ruota intorno alle UTI e dal referendum che vorrebbe la fusione con Monfalcone e Staranzano,  sostenendo che nascerebbe così la IV città del FVG. Ma i promotori del referendum per la fusione hanno idea di cosa sia una città? Ronchi, Staranzano e Monfalcone, seppur confinanti, sono diverse, separate e distinte, ed il risultato della fusione altro non comporterebbe che un forte accentramento dei poteri a favore della sola Monfalcone, ed un ruolo marginale ed assolutamente periferico per Ronchi e Staranzano, con tutte le conseguenze disastrose del caso per i cittadini. 

Le città non si costruiscono con le fusioni, le città hanno una loro storia, una loro fisionomia, anche architettonica ben definita, che il Comune o meglio il pseudoComune Monfalcone, Ronchi, Staranzano mai avrà e mai potrà avere. 
Questo è solo uno dei tanti elementi di contrarietà. Come ‪#‎Ronchipodemo‬ insieme ad altre realtà presto ci mobiliteremo per esporre le nostre ragioni per il no alla fusione, il sì alla libera esistenza del Comune di Ronchi, per il no alla legge della riforma Enti Locali Serracchiani e company, disastrosa per la democrazia locale, e per il sì alla democrazia reale e piena autonomia delle piccole realtà. Anche il piccolo è bello. E noi il piccolo lo difenderemo. Anche perché il piccolo è il cuore vitale del FVG. Diverse sono già le proposte avanzate per Ronchi all'interno di questo gruppo, come Ronchi giardino della Bisiacaria, ispirandosi al modello viennese per la cura e l'amore per il verde ed i fiori, gli orti comunali, che a livello comunitario sono sostenuti e promossi, più pedonalizzazione, più piste ciclabili, abbattimento di ogni processo di speculazione edilizia, investimento nel settore culturale, letterario, e sociale, guardando con particolare attenzione all'Est Europa, specialmente alla Slovenia, ma anche al Sud Italia e non solo, valutare la realizzazione di un luogo polivalente polifunzionale, che possa essere cinema, teatro ed anche luogo espositivo, gratuito, per i nostri artisti, per la nostra arte, tutta. Sostenere lo sport locale, perché Ronchi è de facto città dello sport, rivalutare e promuovere al meglio la nostra economia locale con le sue specificità, la nostra storia con particolare attenzione ai percorsi sulla e della resistenza,  far decollare, in tutti sensi, il nostro scalo aeroportuale, che si deve armonizzare con il centro di Ronchi, quando oggi è semplicemente relegato in un piccolo angolo periferico ecc. Questi sono solo esempi di quello che abbiamo in mente e di quello che si vuole proporre per la nostra Ronchi "borgata di sole". 
Con una giusta sinergia con i fondi comunitari ciò può diventare realtà. Insomma, Ronchi Podemo è un piccolo gruppo, destinato a crescere e che in sintonia con altre forze politiche, associative e non, locali, che sappiano condividere i principi che vogliono una società alimentata dallo spirito di solidarietà, uguaglianza, accoglienza, integrazione, che guardi ai valori antifascisti fondanti la nostra Carta Costituzionale, certamente continuerà il suo cammino, nelle modalità che verranno ritenute più opportune senza precludere alcuna strada, per la Ronchi "borgata di sole" del XXI secolo.


Per Ronchi Podemo,
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

FVG pride se la marcia evita il duomo di Udine

Si svolgerà ad Udine il FVG Pride e la notizia del 15 maggio, quando è stato reso noto il percorso è che la marcia eviterà il duomo. Il comitato organizzatore, come è emerso al TG3 del FVG, ha deciso di evitare il duomo e di mantenere le vie "storiche" dove vi è stata maggiore accoglienza e soprattutto in sostanza per evitare polemiche ecc ecc. Che dire? Che passare davanti al duomo non sarebbe stata una provocazione, anche perchè quante persone che parteciperanno al Gay pride sono credenti o cattoliche? Ma in Italia siamo ancora a questi livelli, quasi da medioevo, e se posso capire le preoccupazioni di chi fino all'altro giorno non poteva neanche uscire di casa perchè omosessuale, perchè in questo Paese vi è un tasso di omofobia inquietante, allora da laico quello che auspico è che le processioni o manifestazioni religiose evitino da questo preciso momento luoghi simbolici importanti, come le scuole od i Municipi, per non turbare le coscienze di chi non è credente.
M…