Passa ai contenuti principali

Isontino dormiente? Svegliamolo con la zona franca "provinciale" e transfrontaliera


Il Piccolo di Gorizia ha lanciato una proposta volta a sollevare dibattiti ed iniziative per risvegliare non solo la città di Gorizia ma l'intera area territoriale isontina. Certo, a livello ordinamentale verrà meno la provincia di Gorizia e nasceranno, teoricamente, le anti-democratiche UTI che divideranno questo territorio in basso ed alto Isontino. Ma l'Isontino non necessita di frammentazione, di divisione, ma di sinergia, collaborazione, pur difendendo l'autonomia vitale e costituzionale dei singoli Comuni. A Trieste, in passato, vennero raccolte, ben 65 mila firme per una zona franca integrale. Come sappiamo Trieste, per diverse ragioni, non ha saputo fare tesoro di questo strumento. Ad aprile 2013 per il porto di Livorno ed Ancona venne depositata la richiesta per l’istituzione della zona franca, ad aprile 2015, invece, è stata depositata altra proposta di Legge, che prevede sempre l'istituzione di una zona franca per lo sviluppo e la legalità per il territorio di Caltanissetta, Enna ed Agrigento. L’obiettivo era ed è quello di sollecitare le istituzioni a investire su un progetto capace di attrarre nuove iniziative produttive e nuovi investimenti sul territorio, stante, tra l’altro, il concorso delle istituzioni locali,regionali e delle associazioni di categoria ecc. 
Così facendo si sperimenta nell'area individuata, la necessità di approntare strumenti straordinari che lo Stato, in concorso con la regione, deve porre in essere per innescare meccanismi di sviluppo economico e di ordine sociale. L’obiettivo è quello di creare le condizioni per una rinascita sociale e culturale, che offra un’opportunità alle imprese locali che vogliono crescere e alle PMI provenienti da altri territori, che intendono delocalizzare le proprie iniziative, agendo in condizioni di sicurezza e con adeguate infrastrutture. Chiaramente zona franca non deve significare fai quello che vuoi con i lavoratori, ed i diritti dei lavoratori, questi devono essere garantiti a prescindere, però è innegabile che se da un lato si può favorire l'arricchimento di chi investirà, visto che è la naturale logica del sistema capitalistico, dall'altro lato le ricadute per il territorio, possono essere positive, dal punto di vista occupazionale,economico e sociale.  
In base alla Direttiva Comunitaria n.69/75/CEE del 4 marzo 1969 intitolata “Direttiva del Consiglio relativa all’armonizzazione delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative riguardanti il regime delle Zone Franche si rileva che ( l’art. 1 comma 2)   la “Zona Franca”,  è  ogni territorio posto fuori dal territorio doganale (extradoganale) e dove le merci non devono essere assoggettate ad alcuna tassa o misura di effetto equivalente. Certo, Gorizia  con una Legge specifica del 1948 ha conosciuto un regime particolare di Zona Franca, ma il vero cuore dell'economia locale è rappresentato dal Fondo di Gorizia che oggi costituisce l'unico strumento per lo sviluppo del territorio goriziano. Andrà ripensata una zona franca non solo urbana ma provinciale e soprattutto valutare la possibilità di una zona franca transfrontaliera, Gorizia e Nova Gorica, devono, in tal senso, collaborare e camminare insieme con l'aiuto dell'Unione Europea. D'altronde uno dei principi fondamentali del Trattato sull’Unione Europea è il principio di sussidiarietà, sancito dall’art. 5 comma 3 quale fondamento della politica di coesione economica e sociale,mentre l’art. 107 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea prevede la possibilità di aiuti di Stato nelle regioni dove il tenore di vita sia anormalmente basso oppure si abbiano gravi forme di sottoccupazione. Senza dimenticare che nell'attuale provincia di Gorizia vi è l'aeroporto del Fvg, vi sono i cantieri navali, e la zona franca estesa, per una zona economicamente oggi depressa come quella isontina, ed a rischio spopolamento, può essere un punto di svolta vitale, in armonia con la tutela ambientale, incentivando il turismo, la cultura, i rapporti commerciali in particolar modo con l'Est e favorendo una rinascita in questo nuovo secolo di un territorio che soffre una crisi più che passeggera, strutturale e sistemica. Per la rinascita occorrono strumenti straordinari ed eccezionali, e la zona franca estesa, lo è e lo può essere anche per l'Isontino.



Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

FVG pride se la marcia evita il duomo di Udine

Si svolgerà ad Udine il FVG Pride e la notizia del 15 maggio, quando è stato reso noto il percorso è che la marcia eviterà il duomo. Il comitato organizzatore, come è emerso al TG3 del FVG, ha deciso di evitare il duomo e di mantenere le vie "storiche" dove vi è stata maggiore accoglienza e soprattutto in sostanza per evitare polemiche ecc ecc. Che dire? Che passare davanti al duomo non sarebbe stata una provocazione, anche perchè quante persone che parteciperanno al Gay pride sono credenti o cattoliche? Ma in Italia siamo ancora a questi livelli, quasi da medioevo, e se posso capire le preoccupazioni di chi fino all'altro giorno non poteva neanche uscire di casa perchè omosessuale, perchè in questo Paese vi è un tasso di omofobia inquietante, allora da laico quello che auspico è che le processioni o manifestazioni religiose evitino da questo preciso momento luoghi simbolici importanti, come le scuole od i Municipi, per non turbare le coscienze di chi non è credente.
M…