Passa ai contenuti principali

Isontino dormiente? Svegliamolo con la zona franca "provinciale" e transfrontaliera


Il Piccolo di Gorizia ha lanciato una proposta volta a sollevare dibattiti ed iniziative per risvegliare non solo la città di Gorizia ma l'intera area territoriale isontina. Certo, a livello ordinamentale verrà meno la provincia di Gorizia e nasceranno, teoricamente, le anti-democratiche UTI che divideranno questo territorio in basso ed alto Isontino. Ma l'Isontino non necessita di frammentazione, di divisione, ma di sinergia, collaborazione, pur difendendo l'autonomia vitale e costituzionale dei singoli Comuni. A Trieste, in passato, vennero raccolte, ben 65 mila firme per una zona franca integrale. Come sappiamo Trieste, per diverse ragioni, non ha saputo fare tesoro di questo strumento. Ad aprile 2013 per il porto di Livorno ed Ancona venne depositata la richiesta per l’istituzione della zona franca, ad aprile 2015, invece, è stata depositata altra proposta di Legge, che prevede sempre l'istituzione di una zona franca per lo sviluppo e la legalità per il territorio di Caltanissetta, Enna ed Agrigento. L’obiettivo era ed è quello di sollecitare le istituzioni a investire su un progetto capace di attrarre nuove iniziative produttive e nuovi investimenti sul territorio, stante, tra l’altro, il concorso delle istituzioni locali,regionali e delle associazioni di categoria ecc. 
Così facendo si sperimenta nell'area individuata, la necessità di approntare strumenti straordinari che lo Stato, in concorso con la regione, deve porre in essere per innescare meccanismi di sviluppo economico e di ordine sociale. L’obiettivo è quello di creare le condizioni per una rinascita sociale e culturale, che offra un’opportunità alle imprese locali che vogliono crescere e alle PMI provenienti da altri territori, che intendono delocalizzare le proprie iniziative, agendo in condizioni di sicurezza e con adeguate infrastrutture. Chiaramente zona franca non deve significare fai quello che vuoi con i lavoratori, ed i diritti dei lavoratori, questi devono essere garantiti a prescindere, però è innegabile che se da un lato si può favorire l'arricchimento di chi investirà, visto che è la naturale logica del sistema capitalistico, dall'altro lato le ricadute per il territorio, possono essere positive, dal punto di vista occupazionale,economico e sociale.  
In base alla Direttiva Comunitaria n.69/75/CEE del 4 marzo 1969 intitolata “Direttiva del Consiglio relativa all’armonizzazione delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative riguardanti il regime delle Zone Franche si rileva che ( l’art. 1 comma 2)   la “Zona Franca”,  è  ogni territorio posto fuori dal territorio doganale (extradoganale) e dove le merci non devono essere assoggettate ad alcuna tassa o misura di effetto equivalente. Certo, Gorizia  con una Legge specifica del 1948 ha conosciuto un regime particolare di Zona Franca, ma il vero cuore dell'economia locale è rappresentato dal Fondo di Gorizia che oggi costituisce l'unico strumento per lo sviluppo del territorio goriziano. Andrà ripensata una zona franca non solo urbana ma provinciale e soprattutto valutare la possibilità di una zona franca transfrontaliera, Gorizia e Nova Gorica, devono, in tal senso, collaborare e camminare insieme con l'aiuto dell'Unione Europea. D'altronde uno dei principi fondamentali del Trattato sull’Unione Europea è il principio di sussidiarietà, sancito dall’art. 5 comma 3 quale fondamento della politica di coesione economica e sociale,mentre l’art. 107 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea prevede la possibilità di aiuti di Stato nelle regioni dove il tenore di vita sia anormalmente basso oppure si abbiano gravi forme di sottoccupazione. Senza dimenticare che nell'attuale provincia di Gorizia vi è l'aeroporto del Fvg, vi sono i cantieri navali, e la zona franca estesa, per una zona economicamente oggi depressa come quella isontina, ed a rischio spopolamento, può essere un punto di svolta vitale, in armonia con la tutela ambientale, incentivando il turismo, la cultura, i rapporti commerciali in particolar modo con l'Est e favorendo una rinascita in questo nuovo secolo di un territorio che soffre una crisi più che passeggera, strutturale e sistemica. Per la rinascita occorrono strumenti straordinari ed eccezionali, e la zona franca estesa, lo è e lo può essere anche per l'Isontino.



Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…