Passa ai contenuti principali

Il 25 giugno '46 si insediava l'Assemblea Costituente,25 giugno 2015 si attacca la scuola della costituzione

Correva l'anno 1946 ed in quel 25 giugno si insediava L'Assemblea Costituente della Repubblica Italiana, organo legislativo elettivo preposto alla stesura della Costituzione. Oggi, 25 giugno 2015, la scuola nata da quella Assemblea Costituente, della nostra Costituzione, rischia di vivere il suo ultimo respiro. Perché se sarà fiducia governativa, pur essendo venuta meno quella del mondo sveglio e vigile della scuola, si chiuderà quasi un secolo di storia della scuola pubblica italiana. Il testimone passerà alla scuola azienda. La libertà d'insegnamento sarà solo una mera formalità, forma che non sarà sostanza, il diritto allo studio sarà solo forma, forma che non sarà sostanza, così forma e non più sostanza sarà la pari dignità sociale il contrasto alle diseguaglianze in ordine alle condizioni personali e sociali, l'arte e la scienza e l'istruzione libera ed aperta lasceranno il posto alle competenze, alla competizione, alla concorrenza. Una scuola che avrà pochi vincitori ed una platea infinita di sconfitti. Una scuola, quella che rischia di essere partorita in questo 25 giugno 2015, che sarà l'esempio di cosa la scuola non debba essere. Non è una riforma quella in essere, ma l'edificazione di una scuola nuova, che va oltre la Costituzione. Di norma, in Paesi civili, democratici queste cose vengono definite senza fiducia, senza fretta, senza correre, senza ricatti, senza vendette, con la massima partecipazione e condivisione. Avrebbero dovuto proporre una nuova assemblea costituente per la scuola pubblica. Questa è la storia del nostro Paese. Tradita in tal triste 25 giugno 2015. Non è una lamentazione, questa. E' una presa di consapevolezza, chiara, inequivocabile. Andremo avanti, nonostante tutto ed il tutto. Una cosa è certa, la scuola, la nostra scuola, ha dimostrato a tutti cosa significa amore per la scuola pubblica, cosa significa democrazia. Mesi di lotta, mesi di rivolta, mesi a testa alta. E questo tesoro non sarà inutile, questo tesoro è la nostra ricchezza, perché prima di ogni virgola e legge, ci sono le persone, e se le persone non condividono totalmente, in modo compatto, unitario, una norma, una legge, questa, avrà vita dura e breve. Legiferare contro la volontà, contro quel mondo che si vorrebbe innovare, ma che in realtà si vuole azzittire, è il peggior modo di amministrare la cosa pubblica. Si dice che il bene pubblico, la cosa pubblica andrebbe amministrata con il vecchio spirito del buon padre di famiglia. Concetto arcaico, certo, ma giuridicamente ancora attuale. Ebbene, non è e non è stato un buon padre di famiglia questo Governo e questo modo di legiferare. Quando si pone o si propone la fiducia su provvedimenti con valenza di carattere costituzionale, e quello che interviene in modo organico nel settore della scuola lo è, si violenta lo spirito, ora silente, apparentemente impotente ed in balia di correnti turbolente, della nostra Costituzione quale quello della Sovranità popolare. Certo, Einaudi in sede di Costituente affermava che “ La Sovranità Popolare appartiene al novero di quei concetti che si chiamano miti, che sono, in sostanza, formule empiriche, accettabili in vista di determinati scopi (per esempio: trovare il migliore governo, stabilire un clima di libertà, evitare qualunque tipo di tirannia) ma che possono anche cambiare”, ma come ebbe modo di evidenziare La Rocca “nel sistema parlamentare deve essere riconosciuto il principio che nella Repubblica italiana, unitaria, indivisibile, democratica, la radice della sovranità sta esclusivamente nel popolo, da cui emana ogni potere”.
Nota: intervento pubblicato su Orizzonte Scuola 

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

FVG pride se la marcia evita il duomo di Udine

Si svolgerà ad Udine il FVG Pride e la notizia del 15 maggio, quando è stato reso noto il percorso è che la marcia eviterà il duomo. Il comitato organizzatore, come è emerso al TG3 del FVG, ha deciso di evitare il duomo e di mantenere le vie "storiche" dove vi è stata maggiore accoglienza e soprattutto in sostanza per evitare polemiche ecc ecc. Che dire? Che passare davanti al duomo non sarebbe stata una provocazione, anche perchè quante persone che parteciperanno al Gay pride sono credenti o cattoliche? Ma in Italia siamo ancora a questi livelli, quasi da medioevo, e se posso capire le preoccupazioni di chi fino all'altro giorno non poteva neanche uscire di casa perchè omosessuale, perchè in questo Paese vi è un tasso di omofobia inquietante, allora da laico quello che auspico è che le processioni o manifestazioni religiose evitino da questo preciso momento luoghi simbolici importanti, come le scuole od i Municipi, per non turbare le coscienze di chi non è credente.
M…