Passa ai contenuti principali

Da Cent'anni a Nord Est al monumento ai disertori in Ronchi per la grande guerra



Come è noto la Giunta del Comune di Ronchi il 18 marzo 2015 all'unanimità di voti espressi in forma palese ha deciso di sostenere la richiesta di riabilitazione dei fucilati di Cercivento e di chiedere anche che sia adottato un provvedimento di clemenza a carattere generale, a favore di tutti i condannati a morte del Primo conflitto mondiale, chiedendo altresì che l'istanza di riabilitazione “venga allargata a tutti i condannati dai tribunali militari per reati in qualche modo connessi con le “fucilazioni per l’esempio” e le decimazioni, sulla scorta di quanto fatto da Francia e Inghilterra e in ragione della mutata sensibilità nazionale nei confronti della guerra. 
Nel libro Cent'anni a Nordest di WuMing1, Rizzoli editore, dove si parla anche di Ronchi e dell'impresa razzista,militarista, ante-fascista di occupazione di Fiume di D'Annunzio, si dedica grande attenzione alla questione della diserzione nella prima guerra mondiale. Si ricorda che a Rovereto nel 2004 è stato realizzato un monumento, che nel Nord Est Italia sono tante le attività che dedicano spazio ed attenzione ai decimati, alla diserzione. Uno su tutti, quello di Piero Purini, che ha debuttato proprio a Ronchi, in questo 2015. Rifiuto la guerra è il titolo dello spettacolo, dove si denuncia che “Migliaia di uomini cercarono di evitare la guerra, chi cercando di resistere alla montante esaltazione patriottica e alla propaganda bellicista, chi cercando semplicemente di sfuggire al fronte attraverso la diserzione o la renitenza, chi ancora rifiutando di eseguire gli ordini ed ammutinandosi”. Che l'Italia abbia tra i propri maledetti record quello di aver giustiziato, senza giustizia, circa 1000 soldati al fronte è fatto storico noto. Forse meno noto è che le prime circolari che ispirarono la reazione “cadorniana” furono del Duca D'Aosta. In Cent'anni a NordEst Wu Ming1 ricorda che “ in una circolare dell’1 novembre 1916, durante la nona battaglia dell’Isonzo, scrisse ( il Duca D'Aosta) Intendo che la disciplina regni sovrana fra le mie truppe. Perciò ho approvato che nei reparti che sciaguratamente si macchiarono di grave onta, alcuni,colpevoli o non, fossero immediatamente passati per le armi”. Furono fucilati sei soldati presi letteralmente e incredibilmente a caso. E Cadorna, ispirandosi a ciò “ Ricordo che non vi è altro mezzo idoneo per reprimere reati collettivi che quello di fucilare immediatamente maggiori colpevoli et allorché accertamento identità personale dei responsabili non est possibile rimane ai comandanti il diritto et il dovere di estrarre a sorte tra tutti gli indiziati alcuni militari et punirli con la pena di morte. A cotesto dovere nessuno che sia conscio della necessità di una ferrea disciplina si può sottrarre ed io ne faccio obbligo assoluto ed indeclinabile a tutti i comandanti”. Decimazioni, esecuzioni sommarie, spesso per motivi allucinanti, non che vi fossero motivi validi per determinare qualsiasi esecuzione sommaria. Per esempio “A Noventa di Padova, il 3 novembre 1917, Andrea Graziani fece fucilare un soldato perché non s’era tolto la pipa di bocca al suo passaggio”. Sempre Graziani emanò questa direttiva: "In nome dei poteri conferitimi, tutti i militari, ufficiali e truppa, devono portare sul copricapo il numero del reggimento o del corpo cui appartengono. Il numero deve essere della grandezza regolamentare cucito di stoffa con matita indelebile o con inchiostro. A datare dalle ore 9 del 5 novembre, qualunque militare trovato sprovvisto del numero o senza copricapo sarà fucilato. L’arma dei carabinieri è incaricata dell’esecuzione di quest’ordine”. E l'esecuzione avvenne. 
Ronchi potrebbe ben edificare il monumento dedicato ai renitenti, disertori, insubordinati, decimati e dimenticati nella grande macelleria umana che è stata la prima guerra mondiale, a coloro che  hanno conosciuto le peggiori ingiustizie da parte dell'Italia nel primo conflitto mondiale. E sarebbe  il primo, in Friuli Venezia Giulia e potrebbe essere un modo buono e giusto per ricordare attraverso l'arte, l'architettura, che sopravviverà ai secoli che verranno, quello che è stato qui nelle nostre terre, quello che solo da pochi anni si tenta di condurre al centro dell'attenzione e della oggettiva memoria storica.




Commenti

Post popolari in questo blog

I 220 passi della vergogna d'Italia, la galleria Bombi di Gorizia,non verranno dimenticati

Prima di svoltare l'angolo ed addentrarti nella magnifica cornice che è quella di Piazza Vittoria, leggi una targa che riporta una frase in ricordo della visita di Giovanni Paolo II "Gorizia, situata all’incrocio di correnti di pensiero, di attività e di molteplici iniziative, sembra rivestire una singolare missione, quella di essere la porta d’Italia che pone comunicazione il mondo latino con quello slavo: porta aperta sull’Est europeo e sull’Europa centrale”.
Sembra rivestire.  Appunto. Sembra.
Alle tue spalle la Prefettura, e poi segui quelle persone con la felpa ed il cappuccio entrare dentro la galleria Bombi che dovrebbe unire Gorizia, ma non è così. Però prima di entrare dentro quel luogo buio, umido, una seconda targa coglie la tua attenzione.
Si legge che " stelle è un progetto di raccolta di segni, presenze e storie per comprendere e raccontare la condizione della moltitudine di persone in viaggio lungo la Balkan Route". Segni e presenze che nella g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…