Passa ai contenuti principali

Se passa,nonostante il tutto, il ddl scuola, si valuterà referendum abrogativo

Che sia il 65, od il 70 o l'80% l'adesione allo sciopero del cinque maggio, poco importa, perché la maggioranza della scuola ha comunque scioperato, oltre 600 mila lavoratori della scuola hanno chiaramente detto cosa pensano su quella riforma nota come buona scuola. Ma non è stato l'unico giorno di lotta, oltre cinquanta mila studenti, sia il sei che il sette maggio sono stati sottratti, in via consapevole, alle prove dell'Invalsi, cuore pulsante della riforma sulla scuola e del sistema di valutazione ad essa collegata. 
Migliaia di docenti che hanno scioperato per due giorni consecutivi. Famiglie preoccupate, studenti incavolati e nel mentre di tutto ciò la data del 12 maggio, nuovo sciopero contro le prove dell'Invalsi, come proclamato dai Cobas, ovviamente si ingrossa. Ed in tutto ciò, come se niente fosse, cosa succede? Che pur avendo la maggioranza della piazza (salvo qualche corrente interna che vorrebbe delle modifiche al ddl scuola) chiesto il ritiro, il Governo procede per la sua strada. Un ritocchino sparso, ma la sostanza di quella riforma non muta, rimane ferma, rimane viva. Avevo già fatto presente che qui si pone un serio problema di democrazia, perché quando i dipendenti pubblici, in maggioranza assoluta, quella maggioranza che a detta del Governo è quella che conta in via generale, non viene ascoltata, forse sentita, quando non si recepiscono istanze chiare e determinate, saltano le regole basilari della democrazia rappresentativa. Non è, e non sarà una vittoria, nonostante si sia ad un passo dalla vittoria, ottenere modifiche su quella riforma. Non era questa e non è questa la volontà di chi ha posto in essere il più grande sciopero nel settore pubblico di questo secolo. Nessun mandato è stato conferito per andare a trattare con il Governo sulle modifiche. Discorso diverso è fare presente al Governo che quella riforma deve essere semplicemente cestinata. Se il  ddl non verrà ritirato, tra le altre cose si verificherà un piccolo effetto devastante per le future lotte dei lavoratori. Scoraggiamento. 
E questo è stato ben compreso in centinaia di commenti come apparsi in rete, per le strade, nelle scuole. Scioperare servirà a poco, scrivono in molti, salvo determinati casi e specifici, perché tanto fanno quello che vogliono. 
Certo, i conti poi si pagheranno al momento opportuno, magari alle politiche, con la logica del consenso, ma come è evidente questo Governo non è lì per ottenere un consenso generalizzato ma per ottemperare i comandamenti come imposti dalle letterine di quella Europa fortemente rigida che guarda solo i conti, i bilanci. 
Intanto però la riforma rischia di passare, nonostante i numeri impressionanti e le volontà come manifestate espressamente in quel noto cinque maggio. 
Certo, ci sono altri strumenti per poter intervenire successivamente, sicuramente verrà valutata la possibilità di proporre un referendum abrogativo, questo è poco ma sicuro, anche per una questione di rispetto e di dignità, per questo schiaffo che il mondo della scuola subisce per l'ennesima volta.



Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …