Passa ai contenuti principali

Se passa,nonostante il tutto, il ddl scuola, si valuterà referendum abrogativo

Che sia il 65, od il 70 o l'80% l'adesione allo sciopero del cinque maggio, poco importa, perché la maggioranza della scuola ha comunque scioperato, oltre 600 mila lavoratori della scuola hanno chiaramente detto cosa pensano su quella riforma nota come buona scuola. Ma non è stato l'unico giorno di lotta, oltre cinquanta mila studenti, sia il sei che il sette maggio sono stati sottratti, in via consapevole, alle prove dell'Invalsi, cuore pulsante della riforma sulla scuola e del sistema di valutazione ad essa collegata. 
Migliaia di docenti che hanno scioperato per due giorni consecutivi. Famiglie preoccupate, studenti incavolati e nel mentre di tutto ciò la data del 12 maggio, nuovo sciopero contro le prove dell'Invalsi, come proclamato dai Cobas, ovviamente si ingrossa. Ed in tutto ciò, come se niente fosse, cosa succede? Che pur avendo la maggioranza della piazza (salvo qualche corrente interna che vorrebbe delle modifiche al ddl scuola) chiesto il ritiro, il Governo procede per la sua strada. Un ritocchino sparso, ma la sostanza di quella riforma non muta, rimane ferma, rimane viva. Avevo già fatto presente che qui si pone un serio problema di democrazia, perché quando i dipendenti pubblici, in maggioranza assoluta, quella maggioranza che a detta del Governo è quella che conta in via generale, non viene ascoltata, forse sentita, quando non si recepiscono istanze chiare e determinate, saltano le regole basilari della democrazia rappresentativa. Non è, e non sarà una vittoria, nonostante si sia ad un passo dalla vittoria, ottenere modifiche su quella riforma. Non era questa e non è questa la volontà di chi ha posto in essere il più grande sciopero nel settore pubblico di questo secolo. Nessun mandato è stato conferito per andare a trattare con il Governo sulle modifiche. Discorso diverso è fare presente al Governo che quella riforma deve essere semplicemente cestinata. Se il  ddl non verrà ritirato, tra le altre cose si verificherà un piccolo effetto devastante per le future lotte dei lavoratori. Scoraggiamento. 
E questo è stato ben compreso in centinaia di commenti come apparsi in rete, per le strade, nelle scuole. Scioperare servirà a poco, scrivono in molti, salvo determinati casi e specifici, perché tanto fanno quello che vogliono. 
Certo, i conti poi si pagheranno al momento opportuno, magari alle politiche, con la logica del consenso, ma come è evidente questo Governo non è lì per ottenere un consenso generalizzato ma per ottemperare i comandamenti come imposti dalle letterine di quella Europa fortemente rigida che guarda solo i conti, i bilanci. 
Intanto però la riforma rischia di passare, nonostante i numeri impressionanti e le volontà come manifestate espressamente in quel noto cinque maggio. 
Certo, ci sono altri strumenti per poter intervenire successivamente, sicuramente verrà valutata la possibilità di proporre un referendum abrogativo, questo è poco ma sicuro, anche per una questione di rispetto e di dignità, per questo schiaffo che il mondo della scuola subisce per l'ennesima volta.



Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…