Passa ai contenuti principali

Sanzionare gli studenti perché non svolgono le prove Invalsi? E' illegittimo

Che lo sciopero e le azioni di contrasto alle prove dell'Invalsi, in questo 2015, abbiano avuto un grande successo, è dato dai numeri, un balzo del 20% circa rispetto al passato, stando ai dati ufficiali dell'Invalsi, che ha interessato le classi coinvolte da queste prove, siano esse campione che non. Per non parlare della scuola primaria, stesso risultato. Però, l'azione, diciamo pure repressiva, di molti Dirigenti scolastici, non si è fatta mica attendere. Ho letto alcune circolari ove si minacciavano gli studenti di sanzioni disciplinari nel caso in cui non effettuassero le dette prove, altre, invece, ove si accettava come giustificazione esclusivamente il certificato di malattia. Disposizioni altamente arbitrarie che non trovano fondamento alcuno nella normativa esistente.  Probabilmente sfuggono elementi di una certa rilevanza. Partiamo da uno degli ultimi interventi legislativi in materia di Invalsi. "Le istituzioni scolastiche partecipano, come attività ordinaria d´istituto, alle rilevazioni nazionali degli apprendimenti degli studenti, di cui all´articolo 1, comma 5, del decreto-legge 7 settembre 2007, n. 147, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 ottobre 2007, n. 176. ". Ora, cosa significa attività ordinaria? Sicuramente non attività minima essenziale da garantire anche in caso di sciopero. Di norma, tutto ciò che può essere inteso come attività ordinaria, nelle scuole, è soggetto alla delibere collegiali, è soggetto ad approvazione degli organi competenti. Il legislatore non parla di attività ordinaria curricolare, il che si scontrerebbe con il principio della libertà d'insegnamento, ma semplicemente di attività ordinaria d'Istituto, quindi, permane, come previsto anche dalla Direttiva Ministeriale 87 e 88 del 2011 del MIUR la competenza degli organi collegiali a deliberare o meno sulla questione svolgimento delle prove dell'Invalsi. Perché attività aggiuntive sono ed attività aggiuntive resteranno, nonostante due sentenze abbiano detto che possono intendersi queste prove, con riferimento alla somministrazione, tabulazione e “correzione” come attività funzionale, ma possono intendersi non significa che sono automaticamente attività funzionale. E le attività aggiuntive non sono obbligatorie e possono trovare affermazione solo se approvate e/o deliberate dagli organi collegiali richiedendo l'esplicita disponibilità dei diretti interessati. Ma pur volendole fare rientrare nel novero della semplice attività didattica, cioè equiparare le prove dell'Invalsi ad una lezione ordinaria, gli studenti, in ogni caso, avrebbero tutti i diritti di questo mondo per assentarsi per ragioni variegate, in questo caso parliamo di iniziativa di sciopero, se sciopero è stato proclamato anche da organizzazioni studentesche, diritto costituzionalmente garantito in questo Paese e che interessa tutti e tutte le soggettività che vivono non da semplici spettatori, ma da attori la vita scolastica. Quando si sciopera, o si manifesta la propria idea aderendo a qualche iniziativa di protesta, si producono giustificazioni specifiche, o con una generica formula assente per motivi personali/famiglia, non esistono ragioni perché la stessa e medesima cosa non possa accadere quando lo sciopero o l'azione di dissenso interessa le prove dell'Invalsi, visto quanto ora enunciato.  Ben ricordando che " In nessun caso può essere sanzionata, ne' direttamente ne indirettamente, la libera espressione di opinioni correttamente manifestata e non lesiva dell'altrui personalità". Questo è quanto si legge nell'articolo 4 comma 4 del  DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 giugno 1998, n. 249 noto come regolamento recante lo statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria. In tale atto si legge anche che " La scuola e' luogo di formazione e di educazione mediante lo studio, l'acquisizione delle conoscenze e lo sviluppo della coscienza critica". Ma anche che la scuola "e' una comunita' di dialogo, di ricerca, di esperienza sociale, informata ai valori democratici e volta alla crescita della persona in tutte le sue dimensioni. In essa ognuno con pari dignita' e nella diversita' dei ruoli, opera per garantire la formazione alla cittadinanza, la realizzazione del diritto allo studio, lo sviluppo delle potenzialita' di ciascuno e il recupero delle situazioni di svantaggio, in armonia con i principi sanciti dalla Costituzione e dalla Convenzione internazionale sui diritti dell'infanzia, fatta a New York il 20 novembre 1989, e con i principi generali dell'ordinamento italiano".
Lo studente dunque è un soggetto attivo nella vita scolastica, ed ha pieno diritto alla partecipazione attiva e responsabile alla vita della scuola. Nello Statuto si legge anche che “I dirigenti scolastici e i docenti, con le modalita' previste dal regolamento di istituto, attivano con gli studenti un dialogo costruttivo sulle scelte di loro competenza in tema di programmazione e definizione degli obiettivi didattici, di organizzazione della scuola, di criteri di valutazione, di scelta dei libri e del materiale didattico. Lo studente ha inoltre diritto a una valutazione trasparente e tempestiva, volta ad attivare un processo di autovalutazione che lo conduca ad individuare i propri punti di forza e di debolezza e a migliorare il proprio rendimento”. Ma anche che “gli studenti hanno diritto alla liberta' di apprendimento ed esercitano autonomamente il diritto di scelta tra le attivita' curricolari integrative e tra le attivita' aggiuntive facoltative offerte dalla scuola. Le attivita' didattiche curricolari e le attivita' aggiuntive facoltative sono organizzate secondo tempi e modalita' che tengono conto dei ritmi di apprendimento e delle esigenze di vita degli studenti”. Ora, è più che evidente, che circolari minacciose, che prevedono sanzioni disciplinari nei confronti degli studenti, che legittimamente decidono di sottrarsi alle prove dell'Invalsi, prove che non sono esami di Stato e non concorrono neanche alla valutazione personale dello studente, e non sono attività essenziale per la scuola, ma semplice attività ordinaria, sono fuorvianti, illegittime, perché contrastano pienamente con i principi fondamentali come brevemente ora ricordati e scritti nello Statuto degli studenti e delle studentesse, atto avente forza di legge, e non semplice carta straccia. 

Commenti

  1. Ciao Marco! Potresti gentilmente fornirci dei documenti che attestino che le prove invalsi non sono obbligatorie e quindi non sanzionabili (articolo 55 comma 3) e degli altri documenti che dimostrino che se passerà il ddl buona scuola i fondi erogati alle scuole saranno distribuiti in base ai risultati delle prove invalsi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, non esistono documenti che attestano che le prove Invalsi sono obbligatorie né non obbligatorie, l'ultimo intervento normativo, che ho citato nel breve intervento ora commentato, parla solo di attività ordinaria, e ciò non significa nulla. Per l'altra questione non vi è scritto nel ddl buona scuola che i soldi verranno erogati alle scuole in base ai risultati Invalsi, queste sono analisi che si fanno anche in base a delle sperimentazioni in essere vedi qui: http://xcolpevolex.blogspot.it/2013/05/10-mila-euro-per-le-scuole-vales.html

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

L'Italia entro il 2065 rischia di perdere quasi 20 milioni di abitanti, con anche spopolamento enorme nel Sud

Siamo un piccolo Paese, che ha raggiunto la soglia di 60 milioni di abitanti e che probabilmente non solo non supererà mai più ma che rischia di vedere con il binocolo per i prossimi decenni. Certamente viviamo in una società di 7 e passa miliardi di persone, siamo troppi, ma chi pagherà più di altri lo spopolamento saranno i Paesi poveri e tra questi vi è ovviamente anche l'Italia. Se il Sud rischia di vivere uno spopolamento pazzesco, nell'Europa, l'Italia è come il suo sud, vivrà uno spopolamento importante. Cosa comunica l'ISTAT? 
"La popolazione residente attesa per l'Italia è stimata pari, secondo lo scenario mediano, a 58,6 milioni nel 2045 e a 53,7 milioni nel 2065. La perdita rispetto al 2016 (60,7 milioni) sarebbe di 2,1 milioni di residenti nel 2045 e di 7 milioni nel 2065. Tenendo conto della variabilità associata agli eventi demografici, la stima della popolazione al 2065 oscilla da un minimo di 46,1 milioni a un massimo di 61,5. La probabilità d…