Passa ai contenuti principali

Portiamo un mazzo di fiori davanti alle scuole come segno di lutto per la morte della scuola pubblica


 Vi è aria di lutto, lutto per la morte della scuola pubblica. In tanti collegi docenti, in corso in questi giorni, centinaia di docenti si sono recati vestiti in nero, in segno di lutto. Un lutto che vuole denunciare da un lato l'arroganza di un sistema decisionista, autoritario che ha ignorato le legittime pretese di chi ha scioperato, oltre il 70% del personale della scuola, pretese chiare, precise e concise, ritiro del ddl sulla scuola. Un lutto che vuole denunciare la sofferenza della democrazia, nei confronti di un Governo che non deriva da alcun processo elettorale, che non ha avuto alcun mandato popolare per intervenire, così come ha arbitrariamente fatto, nel settore della scuola. Eppure ciò è accaduto. Una norma scritta dal Governo, in un Parlamento dipendente politicamente e sostanzialmente dal Governo. Un lutto che vuole denunciare l'amen della scuola pubblica, l'avvento della scuola azienda, perché è di questo che si tratta, con una gestione fortemente accentrata della cosa pubblica, meglio ex pubblica, quale la scuola, cuore pulsante e vitale di ogni Paese. Accentramento che segue l'andazzo oggi sussistente, decidere e basta. 
Dissensi, scioperi, opposizioni? Non contano un fico secco per chi governa ed amministra la cosa pubblica, nei peggiori dei casi, nei migliori dei casi conferiscono una sorta di accontentino ma senza intaccare l'architettura portante del mostro che vogliono partorire e che hanno partorito con 316 voti favorevoli.
Eppure l'autoritarismo ha dato il via libera al '68, movimento politico, sociale e culturale che oggi si demolisce, perché la buona scuola di Renzi e company è anche una riforma ideologica, è la lancia che trafigge al cuore il '68, già colpito, per quanto concerne i diritti dei lavoratori e le sue conquiste con il Jobs Act, con il venir meno praticamente dell'articolo 18 simbolo dello Statuto dei Lavoratori nato grazie alle mobilitazione del '68. 
Si lottava contro il burocratismo, contro le diseguaglianze, per una scuola critica, consapevole, per una scuola che non sfornasse lavoratori ma cittadini. Contro l'idea di un mondo ingiusto, autoritario e non autorevole, contro la competizione, contro la meritocrazia, strumento di controllo e di limitazione della libertà d'insegnamento. 
Ebbene, tutto ciò, con questa riforma, viene meno. E' stato demolito il '68 e non è detto che non ne nascerà uno nuovo dopo questo scellerato provvedimento legislativo sulla scuola, e di indicazioni, d'altronde, ve ne sono tante. Ed allora, portate un mazzo di fiori davanti alle scuole italiane, per dare l'ultimo saluto alla scuola pubblica, e per sancire l'inizio di un nuovo riscatto, il riscatto della nostra scuola pubblica. Nonostante tutto, non dobbiamo arrenderci, non dobbiamo cedere, se vogliamo veramente tutelare la nostra scuola pubblica, la lotta non si deve arrestare, soprattutto ora e per un nuovo '68, per una nuova rivoluzione culturale,sociale,contro l'arroganza, la prepotenza ed il decisionismo, perché non deve più essere l'autorità a fare la legge, ma la verità.
(pubblicato per tecnica della scuola

 da Tecnica della scuola:
Rilanciamo l'iniziativa proposta su questo portale da Marco Barone di portare a scuola domani, 21 maggio, un mazzo di fiori da deporre davanti all'edificio scolastico per protestare contro l'approvazione della riforma.
Fate sentire la vostra voce: inviateci foto e video dell'evento sui nostri social. Verranno immediatamente pubblicati!

L'approvazione del disegno di legge di riforma della scuola ha scatenato tantissime reazioni. Si tratta di un provvedimento molto controverso. Marco Barone, nel suo pezzo di commento parla di “lutto” e di “morte della scuola pubblica lanciando l'idea di portare un mazzo di fiori davanti alle scuole italiane, per dare l'ultimo saluto alla scuola pubblica, e per sancire l'inizio di un nuovo riscatto, il riscatto della nostra scuola pubblica.
La Tecnica della Scuola appoggia l'iniziativa e invita i suoi affezionati lettori a portare l'"estremo saluto" alla scuola italiana depositando un mezzo di fiori all'ingresso delle strutture scolastiche.
Partecipa attivamente inviando foto o un filmati dell'evento i nostri canali social (Facebook o Twitter) o una mail ainfo@tecnicadellascuola.it


Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto