Passa ai contenuti principali

Ronchi dal millenario storico, al rischio estinzione del Comune

Nel 1967, Ronchi, ha celebrato la ricorrenza del suo millenario storico, nel 2012 il centenario di quando venne elevato a rango di Borgata sotto, il rimpianto da molti, Impero Austro Ungarico. 
Autonomia, democrazia, partecipazione e centro d'imputazione giuridica e sociale fondamentale per la sua comunità. Vi è stata anche l'epoca in cui Ronchi era più grande di Monfalcone. Ma le cose sono destinate a mutare, a mutare in modo non positivo per Ronchi. Il ben servito ovviamente viene dato dalla legge regionale del FVG che vuole riformare gli Enti Locali, chi non aderisce all'Unione, rischia il taglio del 30% dei fondi, che se aggiunti a quelli costanti come attuati dalla Regione,oltre al patto di stabilità, evidenziano la brutalità di un sistema che vuole uccidere l'autonomia dei piccoli Comuni, storia e vita di questa Regione ma anche d'Italia. Dall'altro, sull'onda sempre di quella legge, che incentiva ovviamente anche le fusioni, oltre che al ritorno del podestà del terzo millennio, ecco partire la procedura per il referendum che vorrebbe la città di Monfalcone, Ronchi e Staranzano, da un lato, dall'altro resta ancora viva quella più grande del mandamento. Ora, è più che evidente, che Ronchi, così come gli altri comuni che ruotano intorno a Monfalcone, diventeranno la periferia di Monfalcone, perdendo la loro totale autonomia, la loro ragione d'essere e di esistere, con tutti i riflessi devastanti per i servizi sociali, le specificità cittadine, le attenzioni e le sensibilità che solo un Comune, in quanto tale, può tutelare, riconoscere e difendere e non certamente una città fittizia, perché di questo trattasi, quale quella Comune. Per non parlare poi della questione, delicata ed importante, che riguarda i dipendenti comunali.

E' anche vero che a questo si è voluti arrivare tagliando le risorse ai piccoli Comuni, si è voluta colpire la specificità di questo Paese, una specificità che è in grado di opporre resistenze e grandi espressioni di democrazia, da un lato, una specificità che è in grado di offrire importanti servizi per i suoi cittadini. 
A Ronchi vige un grande rabbia per quello che accade, per come deciso, e proposto. Certo, è anche vero, per quanto riguarda la questione della città comune, che cadrebbe la denominazione dei legionari, di questo non posso che esserne felice essendo anche uno dei promotori contro "dei legionari", però penso che vittoria si potrà gridare da questo punto di vista quando saranno i suoi cittadini, a dire no a dei legionari, tramite un processo di consapevolezza, di maturazione storica e politica, e non per la via di scorciatoie burocratiche, legittime, ma che comportano l'estinzione del Comune di Ronchi, cosa a parer mio inaccettabile.
Certo, idealmente sarebbe bello avere una città Comune, che magari possa ricordare la Comune di Parigi, ma questa oggi è utopia, specialmente in Italia ed in pieno capitalismo. In Italia siamo ben consapevoli di come funzionano le cose e l'accentramento è il peggio del peggio, un peggio che darà un ruolo marginale e di estrema periferia a realtà che ora rivestono un ruolo importante specialmente per quei cittadini che hanno scelto di vivere a Ronchi proprio perché è un piccolo Comune.Ci sono tanti modi per far sentire la propria voce, unirsi in via associativa in determinati momenti, tramite convenzioni, battere i pugni insieme contro i grandi quando necessario, ma senza facilitare la morte dell'autonomia del Comune, bene costituzionale da difendere con le unghie, così come con le unghie andrà difesa la libera esistenza del Comune di Ronchi.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

FVG pride se la marcia evita il duomo di Udine

Si svolgerà ad Udine il FVG Pride e la notizia del 15 maggio, quando è stato reso noto il percorso è che la marcia eviterà il duomo. Il comitato organizzatore, come è emerso al TG3 del FVG, ha deciso di evitare il duomo e di mantenere le vie "storiche" dove vi è stata maggiore accoglienza e soprattutto in sostanza per evitare polemiche ecc ecc. Che dire? Che passare davanti al duomo non sarebbe stata una provocazione, anche perchè quante persone che parteciperanno al Gay pride sono credenti o cattoliche? Ma in Italia siamo ancora a questi livelli, quasi da medioevo, e se posso capire le preoccupazioni di chi fino all'altro giorno non poteva neanche uscire di casa perchè omosessuale, perchè in questo Paese vi è un tasso di omofobia inquietante, allora da laico quello che auspico è che le processioni o manifestazioni religiose evitino da questo preciso momento luoghi simbolici importanti, come le scuole od i Municipi, per non turbare le coscienze di chi non è credente.
M…