Passa ai contenuti principali

Ronchi dal millenario storico, al rischio estinzione del Comune

Nel 1967, Ronchi, ha celebrato la ricorrenza del suo millenario storico, nel 2012 il centenario di quando venne elevato a rango di Borgata sotto, il rimpianto da molti, Impero Austro Ungarico. 
Autonomia, democrazia, partecipazione e centro d'imputazione giuridica e sociale fondamentale per la sua comunità. Vi è stata anche l'epoca in cui Ronchi era più grande di Monfalcone. Ma le cose sono destinate a mutare, a mutare in modo non positivo per Ronchi. Il ben servito ovviamente viene dato dalla legge regionale del FVG che vuole riformare gli Enti Locali, chi non aderisce all'Unione, rischia il taglio del 30% dei fondi, che se aggiunti a quelli costanti come attuati dalla Regione,oltre al patto di stabilità, evidenziano la brutalità di un sistema che vuole uccidere l'autonomia dei piccoli Comuni, storia e vita di questa Regione ma anche d'Italia. Dall'altro, sull'onda sempre di quella legge, che incentiva ovviamente anche le fusioni, oltre che al ritorno del podestà del terzo millennio, ecco partire la procedura per il referendum che vorrebbe la città di Monfalcone, Ronchi e Staranzano, da un lato, dall'altro resta ancora viva quella più grande del mandamento. Ora, è più che evidente, che Ronchi, così come gli altri comuni che ruotano intorno a Monfalcone, diventeranno la periferia di Monfalcone, perdendo la loro totale autonomia, la loro ragione d'essere e di esistere, con tutti i riflessi devastanti per i servizi sociali, le specificità cittadine, le attenzioni e le sensibilità che solo un Comune, in quanto tale, può tutelare, riconoscere e difendere e non certamente una città fittizia, perché di questo trattasi, quale quella Comune. Per non parlare poi della questione, delicata ed importante, che riguarda i dipendenti comunali.

E' anche vero che a questo si è voluti arrivare tagliando le risorse ai piccoli Comuni, si è voluta colpire la specificità di questo Paese, una specificità che è in grado di opporre resistenze e grandi espressioni di democrazia, da un lato, una specificità che è in grado di offrire importanti servizi per i suoi cittadini. 
A Ronchi vige un grande rabbia per quello che accade, per come deciso, e proposto. Certo, è anche vero, per quanto riguarda la questione della città comune, che cadrebbe la denominazione dei legionari, di questo non posso che esserne felice essendo anche uno dei promotori contro "dei legionari", però penso che vittoria si potrà gridare da questo punto di vista quando saranno i suoi cittadini, a dire no a dei legionari, tramite un processo di consapevolezza, di maturazione storica e politica, e non per la via di scorciatoie burocratiche, legittime, ma che comportano l'estinzione del Comune di Ronchi, cosa a parer mio inaccettabile.
Certo, idealmente sarebbe bello avere una città Comune, che magari possa ricordare la Comune di Parigi, ma questa oggi è utopia, specialmente in Italia ed in pieno capitalismo. In Italia siamo ben consapevoli di come funzionano le cose e l'accentramento è il peggio del peggio, un peggio che darà un ruolo marginale e di estrema periferia a realtà che ora rivestono un ruolo importante specialmente per quei cittadini che hanno scelto di vivere a Ronchi proprio perché è un piccolo Comune.Ci sono tanti modi per far sentire la propria voce, unirsi in via associativa in determinati momenti, tramite convenzioni, battere i pugni insieme contro i grandi quando necessario, ma senza facilitare la morte dell'autonomia del Comune, bene costituzionale da difendere con le unghie, così come con le unghie andrà difesa la libera esistenza del Comune di Ronchi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Scuola tra docenti impotenti senza autorevolezza e autorità in una lotta per la sopravvivenza

I tempi del grembiule, delle bacchettate, delle punizioni dietro la lavagna o di altre amenità sono finiti da un pezzo come la scuola dell'ordine e della disciplina. Forse il grembiule potrebbe ritornare, o anche no, ovviamente non devono trovare alcuna dimensione e spazio violenze psicofisiche all'interno della scuola. Ma nel giro di un paio di generazioni che sono coincise da un lato con l'avvento di internet che ha tolto ogni freno inibitorio e dall'altro della scuola trasformata in luogo dove i docenti hanno perso ogni autorevolezza ed autorità, dove non contano più niente, non hanno più alcun potere, salvo qualche caso raro di abuso di mezzi di correzione e violenza che comunque vengono sanzionati a dovere ed utilizzati per demonizzare una intera categoria presa letteralmente a schiaffi ogni giorno, si è realizzato il disastro pieno. 
La scuola deve solo "vendere" un prodotto, che è il titolo di studio o diventare luogo di ammortizzatore sociale. Insegu…