Passa ai contenuti principali

Ronchi dal millenario storico, al rischio estinzione del Comune

Nel 1967, Ronchi, ha celebrato la ricorrenza del suo millenario storico, nel 2012 il centenario di quando venne elevato a rango di Borgata sotto, il rimpianto da molti, Impero Austro Ungarico. 
Autonomia, democrazia, partecipazione e centro d'imputazione giuridica e sociale fondamentale per la sua comunità. Vi è stata anche l'epoca in cui Ronchi era più grande di Monfalcone. Ma le cose sono destinate a mutare, a mutare in modo non positivo per Ronchi. Il ben servito ovviamente viene dato dalla legge regionale del FVG che vuole riformare gli Enti Locali, chi non aderisce all'Unione, rischia il taglio del 30% dei fondi, che se aggiunti a quelli costanti come attuati dalla Regione,oltre al patto di stabilità, evidenziano la brutalità di un sistema che vuole uccidere l'autonomia dei piccoli Comuni, storia e vita di questa Regione ma anche d'Italia. Dall'altro, sull'onda sempre di quella legge, che incentiva ovviamente anche le fusioni, oltre che al ritorno del podestà del terzo millennio, ecco partire la procedura per il referendum che vorrebbe la città di Monfalcone, Ronchi e Staranzano, da un lato, dall'altro resta ancora viva quella più grande del mandamento. Ora, è più che evidente, che Ronchi, così come gli altri comuni che ruotano intorno a Monfalcone, diventeranno la periferia di Monfalcone, perdendo la loro totale autonomia, la loro ragione d'essere e di esistere, con tutti i riflessi devastanti per i servizi sociali, le specificità cittadine, le attenzioni e le sensibilità che solo un Comune, in quanto tale, può tutelare, riconoscere e difendere e non certamente una città fittizia, perché di questo trattasi, quale quella Comune. Per non parlare poi della questione, delicata ed importante, che riguarda i dipendenti comunali.

E' anche vero che a questo si è voluti arrivare tagliando le risorse ai piccoli Comuni, si è voluta colpire la specificità di questo Paese, una specificità che è in grado di opporre resistenze e grandi espressioni di democrazia, da un lato, una specificità che è in grado di offrire importanti servizi per i suoi cittadini. 
A Ronchi vige un grande rabbia per quello che accade, per come deciso, e proposto. Certo, è anche vero, per quanto riguarda la questione della città comune, che cadrebbe la denominazione dei legionari, di questo non posso che esserne felice essendo anche uno dei promotori contro "dei legionari", però penso che vittoria si potrà gridare da questo punto di vista quando saranno i suoi cittadini, a dire no a dei legionari, tramite un processo di consapevolezza, di maturazione storica e politica, e non per la via di scorciatoie burocratiche, legittime, ma che comportano l'estinzione del Comune di Ronchi, cosa a parer mio inaccettabile.
Certo, idealmente sarebbe bello avere una città Comune, che magari possa ricordare la Comune di Parigi, ma questa oggi è utopia, specialmente in Italia ed in pieno capitalismo. In Italia siamo ben consapevoli di come funzionano le cose e l'accentramento è il peggio del peggio, un peggio che darà un ruolo marginale e di estrema periferia a realtà che ora rivestono un ruolo importante specialmente per quei cittadini che hanno scelto di vivere a Ronchi proprio perché è un piccolo Comune.Ci sono tanti modi per far sentire la propria voce, unirsi in via associativa in determinati momenti, tramite convenzioni, battere i pugni insieme contro i grandi quando necessario, ma senza facilitare la morte dell'autonomia del Comune, bene costituzionale da difendere con le unghie, così come con le unghie andrà difesa la libera esistenza del Comune di Ronchi.

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …