Passa ai contenuti principali

Il lapidario di Santo Stefano a Bologna ed i caduti in Spagna ed in Africa Orientale

Che il complesso delle sette chiese, di Santo Stefano di Bologna, sia a dir poco particolare, è fatto noto. Meno noto però è la celebrazione per la patria, per il nazionalismo, per i “caduti”che lì sussiste. Esistono per esempio più di 60 lapidi dedicate alle vittime bolognesi nella prima guerra mondiale ed oltre, e pare che complessivamente vi siano elencati ben 2536 nomi di soldati caduti, con il nome, il rispettivo grado ed arma e la data di morte. Lapidario che venne inaugurato nel 1925 alla presenza del Re Vittorio Emanuele III. Non mancherà di leggere qualche frase condita con la solita retorica, “i più veloci a tramutarsi in croci”. Ed ancora “vestono il colore della morte ma sono la più bella espressione di vita”. Per ricordare gli allievi Bersaglieri. 

Ma il peggio deve ancora arrivare. 

Camminando per quel chiostro ecco che proprio all'angolo che condurrà verso l'uscita, leggerai una serie di nomi, una ventina circa,  un paio cancellati. Si tratta di una lapide dedicata ai caduti di Bologna in Spagna . 


Una ricerca a caso, e tra i nomi, emerge quello di Nardozzi Nerio capo Manipolo della Milizia Volontaria per la sicurezza Nazionale, le così dette camicie nere, “Tenente degli Alpini e deceduto il 1° aprile 1938 a Gandesa (Spagna). Decorato con Medaglia d'Argento al Valor Militare, con la seguente motivazione: « Ufficiale di eccezionali virtù militari, già distintosi per perizia, calma e sprezzo del pericolo in precedenti combattimenti. Sempre primo dove maggiore era il rischio, durante un improvviso violentissimo attacco nemico, con risoluzione fulminea, portava il proprio plotone al contrassalto ributtando l'orda bolscevica a colpi di bombe a mano. Conquistata la posizione avversaria e mentre rincuorava i propri dipendenti alla resistenza di un nuovo attacco delineatosi, nell'atto di portare personalmente un'arma automatica, veniva colpito da una raffica di mitragliatrice, che gli squarciava il petto. Mori mormorando magnifiche parole di fede e di incitamento col nome sacro della Patria sulle labbra »”.

Retorica fascista, che non è difficile ritrovare in tutte le onorificenze riconosciute anche a diversi caduti della prima guerra mondiale. E poi, camminando sempre per quel chiostro, altre lapidi, ma questa volta dedicate ai caduti dell'Africa Orientale italiana, tra il 1935 ed il 1938. 


Ognuno tragga le sue conclusioni, il fatto che in una chiesa vi sia ciò a parer mio non deve stupire, forse indignare e fare incazzare sì, ma parte della storia della Chiesa si è armonizzata con tutto ciò, e poi nazionalismo, patriottismo sono piccoli semi di religione, un credo feroce, che porta morte, quella morte che in quella chiesa viene ricordata come la più bella espressione di vita, dove dopo aver magari cagionato violenze od essere stato complice di un regime maledetto, morirai con la parola Italia sulla bocca e poi chi mai potrà averla ascoltata è tutto da capire, d'altronde cosa vi è da capire in tale martirio nazionalistico? Per la patria? Per l'Italia che non ha mai fatto realmente i conti con il fascismo a partire dai crimini rimasti impuniti? E nel mentre di tutto ciò, tra chi fotografa, chi prega, chi discute, il tempo continuerà il suo cammino, un cammino che potrà mutare rotta solo con una memoria critica e che abbia la forza di demolire ogni seme nazionalistico.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto