Passa ai contenuti principali

La scandalosa puntata di Porta a Porta sul giorno del ricordo e foibe


Va bene, ne prendo atto. Prendo atto che il sistema mediatico e pubblico, e ribadisco pubblico, che dovrebbe fornire informazioni oggettive, e non faziose, è semplicemente defunto e quando si affronta poi la questione dei 42 giorni di Trieste si va oltre ogni decenza. Cosa si è detto nella puntata di Porta a Porta, del 4 febbraio, che si può ben vedere su internet sul giorno del ricordo, foibe ed esodo?  E' emerso, tra interventi, presentazione dell'argomento e frasi ad effetto che Tito ed i partigiani Jugoslavi volevano risolvere con eccidi di massa i problemi etnici e fare piazza pulita da tutto ciò che era italiano, che nelle foibe venivano buttati anche vivi ed agonizzanti, che a Pola i partigiani giravano con l'imbuto e invitavano gli italiani ad andare via altrimenti li avrebbero ammazzati e sarebbero finiti nelle foibe, o la nota e sballata e falsa cifra dei presunti 350 mila esuli assunta oramai a dogma. Ma il top del top lo si raggiunge, non tanto quando si parla del noto magazzino 18 contenitore di oggetti abbandonati e dimenticati, non tanto quando si tenta di paragonare il massacro accaduto in Jugoslavia durante la guerra interna che porterà alla fine della Jugoslavia con quello che avrebbero fatto i partigiani jugoslavi, e dunque equiparazione delle fossi comuni con le foibe, ma quando, durante i primi minuti nel servizio di presentazione, che ricorda l'epico stile del noto Istituto Luce, si dirà che dopo il 12 giugno i partigiani jugoslavi lasceranno Trieste e  finirà l'incubo delle esecuzioni sommarie delle deportazioni ecc. Ciò verrà detto al minuto 3.56 ma con un piccolo particolare, nel momento in cui si pronuncerà  la fine dell'incubo delle esecuzioni sommarie, dunque imputabili ai “terribili giorni di Tito a Trieste", verrà mostrata una foto di persone impiccate, e dunque chi guarderà quell'immagine penserà che quelle persone saranno stato impiccate dai cattivi disumani partigiani jugoslavi. Peccato che si tratta degli impiccati di Premariacco e di San Giovanni al Natisone, 26 impiccati giovanissimi uccisi dai nazisti come rappresaglia. Dunque forse sarà sfuggita, forse no, e chi può dirlo?
Certo che addebitare ai partigiani jugoslavi crimini compiuti dai nazisti, perché è quello che rimarrà impresso tra l'associazione dell'immagine citata e la fine dei 42 giorni di Trieste, è proprio una cosa a dir poco indicibile ma che ben dimostra la consistenza ed il gran livello culturale e storico sussistente, in parte, nell'Italia vittima senza mai colpe. Ovviamente si è omesso tutto quello che è accaduto prima, e chi non conosce la storia cosa penserà dopo aver visto quel programma? Che di punto in bianco arrivano i cattivi barbari, banditi, criminali, comunisti slavi, occupano Trieste, spazzano via tutto quello che è italiano, uccidono poveretti che non avevano colpe, li gettano vivi nelle foibe, che ricordano cavità infernali, impiccano in modo selvaggio però poi per fortuna gli americani convinceranno i cattivi e disumani jugoslavi ad andare via e finalmente Trieste potrà respirare e festeggiare la sua libertà. Stesso discorso per l'esodo biblico dei 350 mila esuli, questa è la cifra dogma che si continua a presentare, e il telespettatore medio che non conosce i fatti penserà che questi poveretti italiani sono stati cacciati via da terre che da sempre parlavano italiano, dunque da sempre italiane, perché la loro colpa era quella di essere gente italiana e conseguentemente fascista. E dunque se quelle terre erano da sempre italianissime perché non devono ritornare ad esserlo? Insomma l'esodo istriano continua ad essere presentato come quello biblico, simile a quello del popolo ebraico ma in fuga per la salvezza perché i comunisti jugoslavi tentarono, a detta di questi grandi storici e politici, la pulizia etnica. E tutto ciò dovrebbe essere il cuore pulsante della memoria condivisa. 

Commenti

  1. pensi di meritare un applauso?..........ma lo sai di che stai parlando?.....purtroppo al mondo esistono persone che la realtà proprio non la digeriscono.......le camera a gas sono invenzioni...le foibe sono fasulle.......come se l'errore di una foto sballata possa invalidare una delle pagine più tristi della nostra storia

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Togliatti: "tutte le campagne circa le persecuzioni degli italiani in Jugoslavia sono calunnie e menzogne"

Togliatti nella prima pagina dell'Unità del 7 novembre 1946, racconta il suo viaggio a Belgrado e l'incontro con il Maresciallo Tito. "Il Maresciallo Tito mi ha dichiarato di essere disposto a consentire che Trieste appartenga all'Italia, cioè sia sotto la Sovranità della Repubblica italiana qualora l'Italia consenta di lasciare Gorizia alla Jugoslavia, città che anche secondo i dati del nostro ministero degli esteri è in prevalenza slava. La sola condizione che il Maresciallo Tito pone è che Trieste riceva in seno alla Repubblica italiana uno statuto autonomo effettivamente democratico che permetta ai triestini di governare la loro città ed il loro territorio secondo principi democratici". Alla domanda, cosa pensava di questa proposta, Togliatti, rispose: io penso che è ora di smetterla di servirsi della questione triestina per seminare discordia tra due popoli i quali sono entrambi popoli di lavoratori che debbono collaborare nel modo più stretto allo scop…

Il concerto di Trieste per la sofferenza degli innocenti ed il discorso assurdo di Arguello al Family Day

Domenica 25 giugno, alle ore 20.30, piazza Unità d’Italia, ospiterà il concerto “La sofferenza degli innocenti”, organizzato da Diocesi, Comunità Ebraica e il Comune di Trieste. Si legge che "composta da Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale, l'opera sinfonico-catechetica presenta la sofferenza di una madre ebrea, Maria di Nazareth, che vede uccidere suo figlio, una sofferenza inaudita che le attraversa l'anima, una spada, un dolore assimilato a quello di ogni madre davanti alla morte dei propri figli, vittime innocenti in tanti campi di concentramento come Auschwitz, Majdanek, Mauthausen, Treblinka, Trieste." Tutti coloro che parteciperanno a quel concerto dovrebbero avere ben ferme nella mente le parole assurde pronunciate da Argüello nel suo discorso, al Family day del 2015 a Roma,  tra le altre cose applaudito, con uno striscione enorme alle spalle con scritto "stop gender nelle scuole". Una riflessione che nasce sul femminicidio e da un…