Passa ai contenuti principali

Il Governo partorisce l'atto del lavoro senza diritti? E Monfalcone intanto dice no

Un centinaio di volantini distribuiti in poco tempo nella centralissima piazza di Monfalcone, è stata la prima risposta del comitato Isontino no jobs act, (che è presente anche su facebook www.facebook.com/nojobsactisontino ed ha una mail per essere contattato "nojobsact.isontino@gmail.com") al violento atto del Governo del 20 febbraio con il quale si affondano totalmente diritti storici e fondamentali per i lavoratori e le lavoratrici. 
Un decreto legislativo in materia di licenziamenti che prevede anche due tutele, se così possiamo chiamarle, differenti se assunti dopo il 1 marzo 2015, giorno in cui dovrebbe entrare in vigore, o meno, se il contratto verrà convertito a tempo indeterminato prima o dopo questa fatidica data. Già era facile licenziare con la disastrosa riforma “Fornero”ora il reintegro è realmente un miraggio. Le reazioni da parte della piazza monfalconese sono state positive, nonostante il tutto. Vi è chi ha preso il volantino per il proprio figlio, appena licenziato, chi era in mobilità, chi neanche il lavoro cerca più, chi precario, chi chiedeva una manifestazione, chi di sollevare la testa e non chinarsi a questa violenza contro diritti fondamentali. Una piazza ove con amarezza  è emersa la piena consapevolezza che i peggiori attacchi ai diritti dei lavoratori, paradossalmente, sono pervenuti da Governi così detti di sinistra, dall'introduzione della precarietà in poi. 
Una piazza che ha trovato unità nella preoccupazione di vivere senza diritti ed essere totalmente in balia di volontà padronali. Non si promuove il lavoro facilitando i licenziamenti, precarizzando ulteriormente la precarietà, eppure il governo attuale pare andare contro tale logico principio, non rottamando diritti, ma distruggendo diritti, perché i diritti non si rottamano, non sono una cosa vecchia, non sono una cosa anacronistica. Insomma, un momento infelice per il mondo del lavoro, specialmente nell'Isontino, nella Bisiacaria, realtà che vivono una profonda crisi economica, sociale, da biblioteche, come quella di Ronchi che a causa di mancanza di risorse è chiusa ora due giorni su cinque, da aziende fallite, da trasferimenti di azienda che prevedono drastiche riduzioni orarie dei contratti di lavoro, dove cresce sempre di più ed in modo preoccupante l'intolleranza verso i migranti, dove si propongono riforme degli enti locali anti democratiche,  o dove le speranze vengono ritrovate in una missiva del Papa, come se una lettera del Papa potesse risolvere il problema lavoro, ma ciò comunque è sintomatico della situazione attuale, dove anche i sindacati vivono enormi difficoltà non solo di rappresentanza dei lavoratori, ma anche di legittimazione popolare, e tutto ciò ha delle cause sulle quali è necessaria una seria riflessione ma anche concreta risposta. 
Anche se il Jobs Act a breve sarà operativo, può ancora essere fermato e contrastato, sia attraverso le vie legali, che certamente verranno intraprese, che attraverso i processi democratici, quelli che sono proprio mancati per l'adozione di tale scellerato provvedimento normativo.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …