Passa ai contenuti principali

Il Governo partorisce l'atto del lavoro senza diritti? E Monfalcone intanto dice no

Un centinaio di volantini distribuiti in poco tempo nella centralissima piazza di Monfalcone, è stata la prima risposta del comitato Isontino no jobs act, (che è presente anche su facebook www.facebook.com/nojobsactisontino ed ha una mail per essere contattato "nojobsact.isontino@gmail.com") al violento atto del Governo del 20 febbraio con il quale si affondano totalmente diritti storici e fondamentali per i lavoratori e le lavoratrici. 
Un decreto legislativo in materia di licenziamenti che prevede anche due tutele, se così possiamo chiamarle, differenti se assunti dopo il 1 marzo 2015, giorno in cui dovrebbe entrare in vigore, o meno, se il contratto verrà convertito a tempo indeterminato prima o dopo questa fatidica data. Già era facile licenziare con la disastrosa riforma “Fornero”ora il reintegro è realmente un miraggio. Le reazioni da parte della piazza monfalconese sono state positive, nonostante il tutto. Vi è chi ha preso il volantino per il proprio figlio, appena licenziato, chi era in mobilità, chi neanche il lavoro cerca più, chi precario, chi chiedeva una manifestazione, chi di sollevare la testa e non chinarsi a questa violenza contro diritti fondamentali. Una piazza ove con amarezza  è emersa la piena consapevolezza che i peggiori attacchi ai diritti dei lavoratori, paradossalmente, sono pervenuti da Governi così detti di sinistra, dall'introduzione della precarietà in poi. 
Una piazza che ha trovato unità nella preoccupazione di vivere senza diritti ed essere totalmente in balia di volontà padronali. Non si promuove il lavoro facilitando i licenziamenti, precarizzando ulteriormente la precarietà, eppure il governo attuale pare andare contro tale logico principio, non rottamando diritti, ma distruggendo diritti, perché i diritti non si rottamano, non sono una cosa vecchia, non sono una cosa anacronistica. Insomma, un momento infelice per il mondo del lavoro, specialmente nell'Isontino, nella Bisiacaria, realtà che vivono una profonda crisi economica, sociale, da biblioteche, come quella di Ronchi che a causa di mancanza di risorse è chiusa ora due giorni su cinque, da aziende fallite, da trasferimenti di azienda che prevedono drastiche riduzioni orarie dei contratti di lavoro, dove cresce sempre di più ed in modo preoccupante l'intolleranza verso i migranti, dove si propongono riforme degli enti locali anti democratiche,  o dove le speranze vengono ritrovate in una missiva del Papa, come se una lettera del Papa potesse risolvere il problema lavoro, ma ciò comunque è sintomatico della situazione attuale, dove anche i sindacati vivono enormi difficoltà non solo di rappresentanza dei lavoratori, ma anche di legittimazione popolare, e tutto ciò ha delle cause sulle quali è necessaria una seria riflessione ma anche concreta risposta. 
Anche se il Jobs Act a breve sarà operativo, può ancora essere fermato e contrastato, sia attraverso le vie legali, che certamente verranno intraprese, che attraverso i processi democratici, quelli che sono proprio mancati per l'adozione di tale scellerato provvedimento normativo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Scuola e nuove Indicazioni Nazionali,sì alla storia del '900 ma si parla di "ricordo della liberazione" e "momento di concordia nazionale"

Come si è sempre detto nelle nostre scuole si sa tutto della storia dell'uomo primitivo, della donna primitiva, tutto della storia romana, qualcosa sull'Italia risorgimentale, meno che niente di tutta la storia del '900, in un Paese che ha un forte ritardo d'istruzione rispetto ai Paesi più sviluppati e che corre nella direzione della scuola delle competenze in chiave europea abbandonando quello spirito critico ed umanistico che ne ha sempre segnato la forza e la differenza. Vanno in questa direzione, per diversi aspetti, le nuove indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione, formalizzate con D.M. n. 254 del 13 novembre 2012. Se da un lato si riconosce valenza alla lingua italiana e valorizzazione agli atri idiomi diffusi in Italia, si persevera in modo pesante sulla via delle competenze in chiave europea per la realizzazione di quel modello di certificazione nazionale delle competenze che ha favorito processi che v…