Passa ai contenuti principali

Concorso nazionale scuola sulla grande guerra dal tema onore a chi ha lottato per la libertà ecc

Onore a chi ha lottato per la libertà, la giustizia e la pace. Questo è il titolo principale di un concorso nazionale per le scuole organizzato dall' IISS Calasso di Lecce e pubblicizzato sul sito del MIUR. Si legge che “la manifestazione, riservata agli alunni delle scuole di ogni ordine e grado statali e paritarie del territorio nazionale, intende promuovere un’iniziativa artistico-culturale, finalizzata a sensibilizzare gli allievi e l’opinione pubblica su temi di grande attualità tendenti alla pace, quali: cultura, cittadinanza attiva, legalità, solidarietà, tolleranza e rispetto delle diversità”. Dunque onore a chi ha lottato per la libertà, la giustizia e la pace. Come è noto il Regno d'Italia entrerà in guerra nel 1915, ricorrendo a diverse motivazioni politiche volte a legittimare l'interventismo militarista finalizzato alla estensione del proprio dominio sul Mediterraneo ed in particolare su tutto l'Adriatico, non a caso Fiume e Trieste saranno le principali città contese dal Regno d'Italia prima e fascismo poi proprio per l'importanza dei loro porti. Si dirà che per evitare di subire da parte dell'Impero una invasione pari a quella patita dal Belgio, l'Italia doveva entrare in guerra frantumando l'alleanza invocando anche come scusante il fatto di non essere stati consultati od informati dell'ultimatum che l'Impero inviò alla Serbia. Scuse, azzardi e motivazioni che non avevano scopi né di lottare per la libertà, né per la giustizia né per la pace. Così come la maggior parte se non la quasi totalità dei soldati precettati e mandati al macello, non lotteranno per la libertà, pace e giustizia, ma per la propria sopravvivenza, perché costretti anche perché in alternativa vi era la fucilazione. L'Italia dirà basta alla neutralità mandando al macello oltre 500 mila persone, fomentando odi e distruzione semplicemente per ragioni di imperialismo, economiche e di strategia territoriale.  libertà, né pace e giustizia, ma tanti crimini compiuti, deliberatamente per conquistare ed occupare terre ove poi la maggioranza della popolazione non era certamente italofona ed italiana, atti e crimini che favoriranno con l'anello di congiunzione della marcia eversiva e militarista di occupazione di Fiume l'avvento del fascismo che nel Confine Orientale eserciterà la sua più brutale cattiveria e violenza, anticipando in sostanza le leggi razziali contro sloveni e croati, ad esempio, compiendo crimini contro l'umanità e genocidi ed anche di guerra che mai verranno puniti e riconosciuti come tali. Dunque sicuramente l'Italia è esclusa dal novero di chi ha combattuto nella grande guerra per la libertà, pace e giustizia. Certo, sono secoli che si legittimano le guerre per la pace, le guerre per la libertà, ma siamo realmente certi che le cose siano realmente così? Certo, è anche vero che all'interno del concorso poi vi sono delle categorie specifiche come quella relativa all'area storico-sociale sul tema “La Grande Guerra: 100 anni di Storia” o sull'area artistica e figurativa “Colori e Messaggi dalla Grande Guerra ad oggi” , però il titolo del concorso è inequivocabilmente chiaro, così come chiaro è il periodo storico di riferimento non il 1914 ma il 1915 quando entrerà in guerra il Regno d'Italia. Reputo immensamente grave che un titolo del genere possa essere proposto nella scuola e per la scuola, soprattutto quando oggi nel 2015 è ben emerso con forza il concetto della strage non tanto inutile, perché di stragi utili non né dovrebbero esistere, ma di una strage allucinante compiuta per ragioni di imperialismo e conquiste territoriali privando della libertà, pace e giustizia comunità che da sempre convivevano in armonia secondo quel carattere di multiculturalismo che tipico era dell'Impero Austro Ungarico. Impero che è stato l'artefice della propria fine con l'atto scellerato della reazione ai fatti di Sarajevo. Insomma una riflessione banale per un tema banale proposto per le scuole ma che non può passare inosservato per la retorica e lo stile che connota il concetto di onore a chi ha lottato per la libertà, pace e giustizia nel grande massacro della prima guerra mondiale.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …