Passa ai contenuti principali

Concorso nazionale scuola sulla grande guerra dal tema onore a chi ha lottato per la libertà ecc

Onore a chi ha lottato per la libertà, la giustizia e la pace. Questo è il titolo principale di un concorso nazionale per le scuole organizzato dall' IISS Calasso di Lecce e pubblicizzato sul sito del MIUR. Si legge che “la manifestazione, riservata agli alunni delle scuole di ogni ordine e grado statali e paritarie del territorio nazionale, intende promuovere un’iniziativa artistico-culturale, finalizzata a sensibilizzare gli allievi e l’opinione pubblica su temi di grande attualità tendenti alla pace, quali: cultura, cittadinanza attiva, legalità, solidarietà, tolleranza e rispetto delle diversità”. Dunque onore a chi ha lottato per la libertà, la giustizia e la pace. Come è noto il Regno d'Italia entrerà in guerra nel 1915, ricorrendo a diverse motivazioni politiche volte a legittimare l'interventismo militarista finalizzato alla estensione del proprio dominio sul Mediterraneo ed in particolare su tutto l'Adriatico, non a caso Fiume e Trieste saranno le principali città contese dal Regno d'Italia prima e fascismo poi proprio per l'importanza dei loro porti. Si dirà che per evitare di subire da parte dell'Impero una invasione pari a quella patita dal Belgio, l'Italia doveva entrare in guerra frantumando l'alleanza invocando anche come scusante il fatto di non essere stati consultati od informati dell'ultimatum che l'Impero inviò alla Serbia. Scuse, azzardi e motivazioni che non avevano scopi né di lottare per la libertà, né per la giustizia né per la pace. Così come la maggior parte se non la quasi totalità dei soldati precettati e mandati al macello, non lotteranno per la libertà, pace e giustizia, ma per la propria sopravvivenza, perché costretti anche perché in alternativa vi era la fucilazione. L'Italia dirà basta alla neutralità mandando al macello oltre 500 mila persone, fomentando odi e distruzione semplicemente per ragioni di imperialismo, economiche e di strategia territoriale.  libertà, né pace e giustizia, ma tanti crimini compiuti, deliberatamente per conquistare ed occupare terre ove poi la maggioranza della popolazione non era certamente italofona ed italiana, atti e crimini che favoriranno con l'anello di congiunzione della marcia eversiva e militarista di occupazione di Fiume l'avvento del fascismo che nel Confine Orientale eserciterà la sua più brutale cattiveria e violenza, anticipando in sostanza le leggi razziali contro sloveni e croati, ad esempio, compiendo crimini contro l'umanità e genocidi ed anche di guerra che mai verranno puniti e riconosciuti come tali. Dunque sicuramente l'Italia è esclusa dal novero di chi ha combattuto nella grande guerra per la libertà, pace e giustizia. Certo, sono secoli che si legittimano le guerre per la pace, le guerre per la libertà, ma siamo realmente certi che le cose siano realmente così? Certo, è anche vero che all'interno del concorso poi vi sono delle categorie specifiche come quella relativa all'area storico-sociale sul tema “La Grande Guerra: 100 anni di Storia” o sull'area artistica e figurativa “Colori e Messaggi dalla Grande Guerra ad oggi” , però il titolo del concorso è inequivocabilmente chiaro, così come chiaro è il periodo storico di riferimento non il 1914 ma il 1915 quando entrerà in guerra il Regno d'Italia. Reputo immensamente grave che un titolo del genere possa essere proposto nella scuola e per la scuola, soprattutto quando oggi nel 2015 è ben emerso con forza il concetto della strage non tanto inutile, perché di stragi utili non né dovrebbero esistere, ma di una strage allucinante compiuta per ragioni di imperialismo e conquiste territoriali privando della libertà, pace e giustizia comunità che da sempre convivevano in armonia secondo quel carattere di multiculturalismo che tipico era dell'Impero Austro Ungarico. Impero che è stato l'artefice della propria fine con l'atto scellerato della reazione ai fatti di Sarajevo. Insomma una riflessione banale per un tema banale proposto per le scuole ma che non può passare inosservato per la retorica e lo stile che connota il concetto di onore a chi ha lottato per la libertà, pace e giustizia nel grande massacro della prima guerra mondiale.

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…