Passa ai contenuti principali

Concorso nazionale scuola sulla grande guerra dal tema onore a chi ha lottato per la libertà ecc

Onore a chi ha lottato per la libertà, la giustizia e la pace. Questo è il titolo principale di un concorso nazionale per le scuole organizzato dall' IISS Calasso di Lecce e pubblicizzato sul sito del MIUR. Si legge che “la manifestazione, riservata agli alunni delle scuole di ogni ordine e grado statali e paritarie del territorio nazionale, intende promuovere un’iniziativa artistico-culturale, finalizzata a sensibilizzare gli allievi e l’opinione pubblica su temi di grande attualità tendenti alla pace, quali: cultura, cittadinanza attiva, legalità, solidarietà, tolleranza e rispetto delle diversità”. Dunque onore a chi ha lottato per la libertà, la giustizia e la pace. Come è noto il Regno d'Italia entrerà in guerra nel 1915, ricorrendo a diverse motivazioni politiche volte a legittimare l'interventismo militarista finalizzato alla estensione del proprio dominio sul Mediterraneo ed in particolare su tutto l'Adriatico, non a caso Fiume e Trieste saranno le principali città contese dal Regno d'Italia prima e fascismo poi proprio per l'importanza dei loro porti. Si dirà che per evitare di subire da parte dell'Impero una invasione pari a quella patita dal Belgio, l'Italia doveva entrare in guerra frantumando l'alleanza invocando anche come scusante il fatto di non essere stati consultati od informati dell'ultimatum che l'Impero inviò alla Serbia. Scuse, azzardi e motivazioni che non avevano scopi né di lottare per la libertà, né per la giustizia né per la pace. Così come la maggior parte se non la quasi totalità dei soldati precettati e mandati al macello, non lotteranno per la libertà, pace e giustizia, ma per la propria sopravvivenza, perché costretti anche perché in alternativa vi era la fucilazione. L'Italia dirà basta alla neutralità mandando al macello oltre 500 mila persone, fomentando odi e distruzione semplicemente per ragioni di imperialismo, economiche e di strategia territoriale.  libertà, né pace e giustizia, ma tanti crimini compiuti, deliberatamente per conquistare ed occupare terre ove poi la maggioranza della popolazione non era certamente italofona ed italiana, atti e crimini che favoriranno con l'anello di congiunzione della marcia eversiva e militarista di occupazione di Fiume l'avvento del fascismo che nel Confine Orientale eserciterà la sua più brutale cattiveria e violenza, anticipando in sostanza le leggi razziali contro sloveni e croati, ad esempio, compiendo crimini contro l'umanità e genocidi ed anche di guerra che mai verranno puniti e riconosciuti come tali. Dunque sicuramente l'Italia è esclusa dal novero di chi ha combattuto nella grande guerra per la libertà, pace e giustizia. Certo, sono secoli che si legittimano le guerre per la pace, le guerre per la libertà, ma siamo realmente certi che le cose siano realmente così? Certo, è anche vero che all'interno del concorso poi vi sono delle categorie specifiche come quella relativa all'area storico-sociale sul tema “La Grande Guerra: 100 anni di Storia” o sull'area artistica e figurativa “Colori e Messaggi dalla Grande Guerra ad oggi” , però il titolo del concorso è inequivocabilmente chiaro, così come chiaro è il periodo storico di riferimento non il 1914 ma il 1915 quando entrerà in guerra il Regno d'Italia. Reputo immensamente grave che un titolo del genere possa essere proposto nella scuola e per la scuola, soprattutto quando oggi nel 2015 è ben emerso con forza il concetto della strage non tanto inutile, perché di stragi utili non né dovrebbero esistere, ma di una strage allucinante compiuta per ragioni di imperialismo e conquiste territoriali privando della libertà, pace e giustizia comunità che da sempre convivevano in armonia secondo quel carattere di multiculturalismo che tipico era dell'Impero Austro Ungarico. Impero che è stato l'artefice della propria fine con l'atto scellerato della reazione ai fatti di Sarajevo. Insomma una riflessione banale per un tema banale proposto per le scuole ma che non può passare inosservato per la retorica e lo stile che connota il concetto di onore a chi ha lottato per la libertà, pace e giustizia nel grande massacro della prima guerra mondiale.

Commenti

Post popolari in questo blog

Non insegnare lo sloveno significa negare le radici slave del FVG

Numeri. Quantificazione. Dimmi quanto siete e ti dirò quanti diritti puoi avere. Dimmi chi sei e ti dirò che diritto potrai avere. Stiamo letteralmente dando i numeri ultimamente contro gli amici sloveni. Purtroppo qualche giapponese nella giungla in Friuli Venezia Giulia vi è ancora. Pensano di essere ancora ai tempi della guerra fredda o forse del fascismo dove tutto ciò che non era italiano andava annichilito, in particolar modo se era slavo. Concetti che già emergevano ai tempi della Carta del Carnaro dannunziana. La quale in modo fittizio tutelava le minoranze. Nel testo di quella carta emergeva che "nella terra di specie latina, nella terra smossa dal vomere latino, l’altra stirpe sarà foggiata o prima o poi dallo spirito creatore della latinità". E la soccombenza è avvenuta,come ben sappiamo con il fascismo, con i processi di italianizzazione forzata. Qualche nostalgico ancora oggi lotta contro il bilinguismo. I nazionalismi non appartengono più a questa epoca, vi è …

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

A Gorizia migranti abbandonati in mezzo alla strada. Appello del volontariato: servono coperte,cibo,vestiti

Gorizia è una città che non vuole installazioni artistiche che dovrebbero rappresentare muri, perchè a dirla tutta di muri forse ne hanno già tanti in questa piccola città estrema e periferica d'Italia e dimenticata dall'Italia. E quello visibile contro i migranti fuori convenzione, cioè che non rientrano all'interno di certi e dati parametri numerici, che quindi rimangono letteralmente nel bel mezzo della strada, è diventato da anni l'assoluta normalità. Una vergogna indicibile. Altro che Gorizia umanitaria e solidale. Menzogne. Ovviamente non è questo il motivo che ha determinato in città la morte precoce di una mostra artistica. Sbatterti in faccia la realtà può essere un qualcosa di indigeribile. Una indigestione che la politica dell'apparenza deve perseguire. Così come a Gorizia continua a muoversi la macchina del volontariato. Variegato. Esistono diverse realtà. Diverse situazioni.  Da segnalare l'appello della comunità di volontariato indipendente L'…