Passa ai contenuti principali

Nel centenario della grande guerra, l'audiodramma contro ogni guerra "E JOHNNY PRESE IL FUCILE"

Quando attraverso i sentieri della guerra, sono consapevole di essere nel sentiero della morte. Percorrendo vie carsiche tra Selz di Ronchi e Monfalcone, tra chi corre, tra chi respira il profumo di muschio, chi cerca una trincea, o chi semplicemente passeggia, un sentimento di mera inquietudine permane ed è giusto che sia così.
Così come è giusto che ogni volta che si osserva l'illuminato ed imponente faro della Vittoria di Trieste l'interrogativo che deve sovrastare, cielo e mare, è: “quale vittoria? Non ovviamente nel senso scellerato dannunziano e neanche nel senso dell'inutile strage, perché le stragi utili non devono esistere, bensì nel senso semplicemente umano.
Nessuna vittoria.

Solo alla fine del secolo appena trascorso si è riusciti a porre in discussione la retorica, gli onori, la propaganda della grande guerra che io chiamo la grande macelleria umana. Ci son voluti cent'anni per porre in discussione la retorica, occorreranno forse altri cent'anni per troncare intitolazioni di vie, strade e piazze a chi ha condotto centinaia di migliaia di giovani alla morte, già perché in Italia si onorano i criminali generali ed alti ufficiali e politici e nel mentre si sono spersonificate le vittime del grande conflitto e forse solo in quel giorno il faro della vittoria diventerà il faro di tutte le vittime della guerra. Hanno spazzato via sogni e speranze, il proletariato, che scelta non aveva, o morire per colpo e colpa della mitraglia nemica od essere fucilato alle spalle dai propri superiori, nella logorante attesa di quale morte perire nella trincea. Non ci può essere retorica, gloria ed eroismo, ma solo morte e crimini, crimini contro l'umanità. Morti non erano solo quelli uccisi sul campo di guerra, ma morti saranno anche quelli che ritorneranno mutilati, dentro e fuori da quel conflitto di cui ancora oggi non si riesce bene a comprendere la consistenza. Vi sono state diverse voci che hanno cercato di raccontare quel crimine contro l'umanità, una di queste è stata quelle di Trumbo con il noto, un tempo, "E JOHNNY PRESE IL FUCILE", considerato dalla critica internazionale come libro antimilitarista, che parlando della grande guerra ha in realtà parlato di tutte le guerre, contro la guerra. Dal libro nascerà un film


per arrivare oggi all'audio-dramma che il 29 gennaio 2015 verrà ospitato nel Teatro Comunale di Monfalcone. Un modo diverso e forse più coinvolgente e stravolgente di raccontare quel crimine contro l'umanità, ove vita e morte cammineranno sullo stesso binario, attirandosi e respingendosi, attraverso ricordi, pensieri, sogni e paure e consapevolezza, quella che nuoce ad ogni eroismo, nazionalismo e maledetta propaganda a favore della guerra. Ideato e diretto da Sergio Ferrentino con Marco Baliani, Roberto Recchia, Deborah Morese, organizzato dalla Fonderia Mercury che nasce negli spazi della Fonderia Napoleonica di Milano, E JOHNNY PRESE IL FUCILE, nel centenario dell'entrata in guerra di questo Paese, che ha occupato terre contese da nazionalismi e capitalismi, mandando a morire migliaia di giovani, di cui volutamente nei principali monumenti dedicati non si vuole ricordare l'età, sarà certamente una esperienza impattante e dura che turberà ogni indifferenza. Senza dimenticare che cent'anni addietro, ed anche dopo a dir la verità, una rappresentazione del genere, che denuncia la guerra come crimine, avrebbe comportato, nei migliori dei casi censura, nei peggiori dei casi pene molto severe.

INFO E BIGLIETTI:
tel. 0481 494 664
http://www.teatromonfalcone.it/

INFO SULLO SPETTACOLO: Link

Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

D'Annunzio e gli slavi: "il flutto della barbarie schiava giungerebbe su Trieste"

19 ottobre 1919 una lettera che ha come destinatari principali i fiumani dal titolo Italia e Vita. Una lettera dove emergono concetti ed aspetti che connoteranno quell'imperialismo italiano che porterà all'invasione del Balcani con tutte le conseguenze nefaste che la storia ci ha ben insegnato. Una lettera, con un linguaggio semplicemente incomprensibile  in molti passaggi, e con uno stile assurdo, dove si eleva bene quel senso di disprezzo verso gli slavi che verrà rimarcata dal poeta amante della guerra in diverse occasioni.  Un D'Annunzio che esalta lo spirito degli italiani che hanno difeso l'italianità di Fiume, del Carnaro, dove " voi spiegaste nel vento del Carnaro il tricolore italiano, in faccia ai Croati che dal governatore ungaro avevano ricevuto il potere civico per inizio di quella frode più tardi proseguita sopra le navi imperiali in Pola nostra."
Uno spirito dell'italianità che sarebbe stato presente in diverse località, "per le coste…